Il vostro carrello è vuoto

Categorie :



What is a Qobuzissime? It’s an award presented by Qobuz for a first or second album.

Pop or Reggae, Metal or Classical, Jazz or Blues, no genre is excluded. More often than not the award is presented to a newly discovered artist.

Sometimes it might be a particularly quirky or a crossover album from a discography.

The important aspects are uniqueness, sincerity and quality. We look for these things in the recording, the project and the sound identity.





Gli album

A partire da:
HI-RES14,49 €
CD12,49 €

Funk - Uscito il 26 marzo 2021 | Brownswood Recordings

Hi-Res Riconoscimenti Qobuzissime
Con STR4TA, si sale sulla macchina del tempo! Due vecchie glorie del groove d'oltremanica hanno unito le loro forze per raccogliere la torcia del funk britannico degli anni '80 (chi si ricorda di Beggar & Co, Light of the World, Lynx, Atmosfear, Hi-Tension, Freeez e altri Shakatak?) e l'acid-jazz degli anni 90: il chitarrista delle Mauritius Jean-Paul “Bluey” Maunick e il franco-britannico Gilles Peterson - DJ, produttore e boss delle etichette Acid Jazz, Talkin' Loud e Brownswood. È impossibile parlare del loro progetto STR4TA senza rievocare la band Incognito che, dal 1980, suona il meglio del soul inglese, una vera e propria macchina creatrice di groove, con i suoi incredibili fiati, i cori da hooligans in abito da sera e soprattutto le indimenticabili melodie. Al timone di questa crociera sul mare del soul, Bluey contribuisce con ballate dolci ma mai stucchevoli, o con sensuali inni da dancefloor. L'orecchio funky di questo eccellente chitarrista è tale che grandi nomi come Chaka Khan e George Benson (il suo idolo) l'hanno invitato per alcune produzioni e sessioni.All'inizio degli anni 90, Gilles Peterson ha scosso l'Inghilterra con il suo soul dalle tonalità jazz e R&B: l’acid-jazz. Un periodo di gloria per band come Brand New Heavies, Galliano, Young Disciples, Jamiroquai e Incognito, che finirono sotto l'ala della Talkin' Loud. Un'intera scena che immaginava di miscelare le atmosfere e le musiche di Curtis Mayfield con quelle di Gil Scott-Heron, o di Roy Ayers con quelle di Stevie Wonder. Questo, nel caso di Incognito, con l'aiuto delle voci di alcune dee del soul come Jocelyn Brown, Carleen Anderson, Maysa e Sarah Brown... Nel 2021, STR4TA eredita questo patrimonio, assieme al suo DNA, aggiungendo una dose di smooth jazz, alcuni temi degni delle migliori colonne sonore Blaxploitation, un tocco di funky irrefrenabile, e soprattutto, con una produzione più moderna. Nello studio di Gilles e JP, troviamo una sfilata di virtuosi del groove, la maggior parte ex-Incognito, come i bassisti Randy Hope-Taylor e Francis Hylton, i tastieristi Matt Cooper e Ski Oakenfull, il batterista Pete Ray Biggin, il sassofonista Paul Booth e il percussionista Francesco Mendolia. In Aspects, ognuno di loro si lascia andare ad una sincera gioia di suonare, regalando all'album una sensazione live che rende questa musica ancora più godibile. Con gli slap funkeggianti del basso, i synth vintage e le percussioni dalla precisione chirurgica a cucire l'insieme, il progetto STR4TA ha tutte le carte in regola per incendiare le dancefloor e farci danzare! © Marc Zisman/Qobuz
A partire da:
HI-RES14,99 €
CD10,99 €

R&B - Uscito il 29 gennaio 2021 | Transgressive

Hi-Res Riconoscimenti 4F de Télérama - Qobuzissime
La voce di una generazione. Lo si è detto di Bob Dylan, che non voleva sentirne parlare... Anaïs Oluwatoyin Estelle Marinho - alias Arlo Parks - ha reagito allo stesso modo quando è stata etichettata come portavoce della generazione Z (i nati tra il 1997 e il 2010) dopo il suo EP del 2019, Super Sad Generation. Una volta messa da parte la trovata di marketing, ci possiamo godere senza ulteriori distrazioni Collapsed in Sunbeams, il suo brillante album di debutto, dove l'artista si muove tra vaporoso R'n'B, pop leggero e neo trip hop. Probabilmente l'album più profondo dell'inizio del 2021... Prima di scrivere canzoni, la cantante londinese originaria del Ciad con radici francesi e nigeriane, scriveva soprattutto poesie. Da grande fan di Sylvia Plath, Ginsberg e Nabokov qual'era, è stata rapidamente attratta dalla scrittura. La passione di raccontare storie - spesso personali - ancor prima di metterle in musica. Con Collapsed in Sunbeams (titolo estrapolato, guarda caso, dalle pagine del romanzo Della Bellezza di Zadie Smith), Arlo Parks enfatizza questa sua passione letteraria, trasfigurandola completamente in musica. E riesce ad affrontare temi come la separazione sentimentale (Caroline), l'amore non corrisposto (Eugene) o l'alcolismo (Hurt), con rara finezza e intelligenza. Le sue melodie agrodolci accompagnano testi spesso malinconici, a volte tristi, con un'energia visceralmente pop. Un braccio di ferro sostenuto da una voce ipnotica che ricorda quella della ex collaboratrice di Tricky, Martina Topley-Bird, così come quella di Lily Allen (che l'apprezza a sua volta) o di Jorja Smith. A soli 20 anni, Arlo Parks non è qui solo di passaggio. Probabilmente sarà sotto i riflettori per molti anni a venire. Una vera rivelazione. © Marc Zisman/Qobuz
A partire da:
HI-RES13,49 €
CD8,99 €

R&B - Uscito il 02 ottobre 2020 | Haliblue Records

Hi-Res Riconoscimenti Qobuzissime
Con Goldress, il loro primo EP pubblicato nel 2019, Alban e Yvan Murenzi - alias YellowStraps - avevano già mostrato un livello molto alto. Anche la copertina era particolare: i due fratelli posavano ordinati come scolaretti, dritti nelle loro salopette, con le teste avvolte come in un cappuccio di raso dorato. E naturalmente gli otto brani: ben costruiti e pensati e traboccanti di neo-soul, nella linea dei vari Maverick Sabre, Daniel Caesar e King Krule, o nello stile della brulicante nuova scena soul britannica che, guidata da Jordan Rakei, ha saputo coniugare con raffinatezza e precisione nu soul, chill e jazz. Dimostrare una così grande maturità in così giovane età è una cosa rara. Ma va detto che i due fratelli, cresciuti in Uganda ma arrivati presto in Belgio, sono coinvolti da tempo nella scena di Bruxelles - al fianco di Roméo Elvis e del rinomato producer Le Motel - e hanno già avuto diverse soddisfazioni. Il lockdown della primavera 2020 è stato per loro più una ispirazione che un ostacolo, infatti si sono imposti di comporre un brano al giorno, moltiplicando le collaborazioni a distanza. Una sfida vinta a piene mani, soprattutto perché tutti i sedici brani di Yellockdown Project contengono dei veri e propri tesori, con ospiti provenienti da diversi ambienti musicali ma ben radicati nell'avanguardia del neo-soul e del rap. Ad esempio, possiamo trovare i parigini Crayon e Lord Esperanza, o il californiano Jae Luna. Quest’opera espande il ventaglio delle possibilità e porta questo tipo di mix sonoro a un livello più alto. Da notare che rispetto a Goldress i fratelli Murenzi hanno deciso di utilizzare anche la lingua francese, con il rap di Raison, Visage, Frissons e Si tu savais. Una vera gemma che lascia trasparire un enorme potenziale, che riporta il Belgio e la sua fiorente scena sulla scacchiera musicale. © Charlotte Saintoin/Qobuz
A partire da:
HI-RES13,49 €
CD9,49 €

R&B - Uscito il 01 novembre 2019 | Stones Throw

Hi-Res Riconoscimenti Qobuzissime
Più di 10.000 chilometri separano Khartoum da Cleveland. Una distanza cancellata in due colpi da Brittney Parks alias Sudan Archives sul suo splendido album di debutto, Athena. A 24 anni, questa americana autodidatta, cresciuta in Ohio, tende a costruire ponti solidi e improbabili tra suoni e continenti. Il suo soul contemporaneo, languido ed onirico, è diverso da ogni altro... Il violino, predominante nella musica sudanese che ama tanto, è la sua arma prediletta. Un suono che abbraccia con maglie elettroniche e ritmi vagamente hip hop. Nel 2016, Sudan Archives si divertì a rivisitare King Kunta di Kendrick Lamar (ribattezzata Queen Kunta) con la sua sola voce, questo violino e una pedaliera-effetti. Le sue fusioni atipiche sono nate da una rivelazione che la musicista di Los Angeles ha avuto ascoltando le registrazioni del camerunese Francis Bebey, scomparso nel 2001, che mescolava musica elettronica africana e minimalista. Con Athena, pubblicato su Stones Throw, l'eccellente etichetta californiana di Peanut Butter Wolf specializzata in rap underground e azimuth funk, Sudan Archives si concentra sul patrimonio delle regine dell'underground soul (Erykah Badu, Solange) preservandone l'originalità. E il suo R&B afro-futuristico, una millefoglie di strati sonori, contiene abbastanza ingredienti d'avanguardia per distinguersi dalla concorrenza. Uno shock dolce ma vero. © Marc Zisman/Qobuz
A partire da:
HI-RES13,49 €
CD8,99 €

Soul - Uscito il 10 maggio 2019 | Jagjaguwar

Hi-Res Riconoscimenti Pitchfork: Best New Music - Qobuzissime
Jamila Woods rievoca i grandi del passato e del presente. Questa soul sister di Chicago ha riunito dodici artisti per il suo secondo album, Legacy ! Legacy !, che segue il già brillante Heavn del 2016. Una canzone, un nome, un omaggio, lo spettacolo può cominciare: Betty Davis, Zora Neale Hurston, Νikki Giovanni, Sonia Sanchez, Frida Kahlo, Eartha Kitt, Miles Davis, Muddy Waters, Jean-Michel Basquiat, Sun Ra, Octavia Butler e James Baldwin. Un disco concettuale ma mai pesante o didattico perché questa giovane afroamericana, devota della sua nativa Chicago, conserva il proprio stile. Poeta nei giorni pari (come direttrice artistica del Young Chicago Authors, un centro dedicato ai poeti emergenti), e musicista in quelli dispari. Degna erede di Erykah Badu e Lauryn Hill, Jamila Woods ricama il suo groove con un linguaggio sopraffino, con un gusto moderno che fa della sua nu soul qualcosa di affascinante. La sua appartenenza quasi viscerale alla metropoli di Chicago, il suo rapporto con la poesia, il ruolo dell’artista nella società e l’idea dietro questo Legacy ! Legacy !  © Marc Zisman/Qobuz
A partire da:
HI-RES19,49 €
CD13,99 €

Soul - Uscito il 25 gennaio 2019 | Decca (UMO)

Hi-Res Riconoscimenti Qobuzissime
Proteiforme, il primo XamVolo sorprende. A soli 23 anni, il londinese diventato Liverpudliano infonde in All the Sweetness on the Surface una soul delicata intrisa di jazz e pop, già ben distillata nei suoi due precedenti EP, Chirality (2016) e A Damn Fine Spectacle (2018). Una sapiente grammatura che si declina in quindici brani eterocliti. Non un brano che assomigli ad un altro a parte quella voce calda, ben ancorata ad ognuna di quelle sillabe pronunciate con disinvoltura. Bisogna dunque perdersi nella voluttà dei passaggi R&B sottolineati da alcuni riff di chitarre, sintetizzatori in lontananza, cori ammorbiditi e il tempo appesantito di questo Lose Love, molto soave. Apprezzare gli ottoni dalle tendenze jazz ben distinte di Feel Good che campiona Thelonious dei Thelonious Monk. Arrossire di fronte alla soul patinata di Old Soul. In quei brani, Samuel Akinlolu Folorunsho ha tracciato il perfetto quadro new soul nel quale crogiolarsi. © Charlotte Saintoin/Qobuz
A partire da:
HI-RES19,49 €
CD13,99 €

Soul - Uscito il 15 luglio 2016 | Polydor Records

Hi-Res Riconoscimenti 4F de Télérama - Qobuzissime
A partire da:
HI-RES16,99 €
CD14,49 €

Soul - Uscito il 23 giugno 2015 | Columbia

Hi-Res Riconoscimenti Qobuzissime
A partire da:
HI-RES16,99 €
CD14,49 €

Soul - Uscito il 19 giugno 2015 | Columbia

Hi-Res Libretto Riconoscimenti Qobuzissime
A partire da:
HI-RES14,99 €
CD9,99 €

Soul - Uscito il 19 gennaio 2015 | Anti - Epitaph

Hi-Res Riconoscimenti Qobuzissime