Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Squarepusher - Be Up A Hello

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Be Up A Hello

Squarepusher

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Un ritorno alla creatività più artigianale per Squarepusher. Dopo aver utilizzato il top della tecnologia, una delle teste di serie della prima generazione della Warp Records è tornata a utilizzare apparecchiature più datate per il suo nuovo album Be Up A Hello, pubblicato dalla celebre etichetta britannica cinque anni dopo Damogen Furies. Anche se per diversi anni la tecnologia vintage è stata molto sfruttata nella produzione di musica elettronica, Tom Jenkinson riesce ancora ad utilizzarla generando nuove idee, come testimoniano le sonorità sperimentali di questo album. L'artista inglese accantona i suoi (distintivi) break nelle introduttive Oberlove e Hitsonu, che potrebbero far parte entrambe della colonna sonora di un videogame degli anni '80, con le loro sognanti melodie da chiptune synth. La tensione sale di una tacca con Neverlevers e la sua cassa stile Prodigy e il drill'n'bass di Speedcrank, prima di tornare alla calma con Detroit People Mover, un brano di elettronica quasi ambient, con strati di synth evocativi e chitarre filtrate attraverso un flanger minimale. Le origini di Squarepusher ritornano su Terminal Slam, una traccia nervosa, metallica, bleepy e industriale, un vero e proprio esercizio di stile prima della minacciosa chiusura con 80 Ondula. Come sempre, Squarepusher non fa caso a regole o stili, imprimendo la propria firma su un album scritto quasi come un diario personale, l'equivalente musicale di un ispirato film d'autore. © Smaël Bouaici / Qobuz

Maggiori informazioni

Be Up A Hello

Squarepusher

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Oberlove
00:03:51

Squarepusher, MainArtist

2019 Warp Records 2019 Warp Records

2
Hitsonu
00:04:13

Squarepusher, MainArtist

2019 Warp Records 2019 Warp Records

3
Nervelevers
00:05:29

Squarepusher, MainArtist

2019 Warp Records 2019 Warp Records

4
Speedcrank
00:05:53

Squarepusher, MainArtist

2019 Warp Records 2019 Warp Records

5
Detroit People Mover
00:04:27

Squarepusher, MainArtist

2019 Warp Records 2019 Warp Records

6
Vortrack
00:05:27

Squarepusher, MainArtist

2019 Warp Records 2019 Warp Records

7
Terminal Slam
00:04:56

Squarepusher, MainArtist

2019 Warp Records 2019 Warp Records

8
Mekrev Bass
00:07:11

Squarepusher, MainArtist

2019 Warp Records 2019 Warp Records

9
80 Ondula
00:05:45

Squarepusher, MainArtist

2019 Warp Records 2019 Warp Records

Descrizione dell'album

Un ritorno alla creatività più artigianale per Squarepusher. Dopo aver utilizzato il top della tecnologia, una delle teste di serie della prima generazione della Warp Records è tornata a utilizzare apparecchiature più datate per il suo nuovo album Be Up A Hello, pubblicato dalla celebre etichetta britannica cinque anni dopo Damogen Furies. Anche se per diversi anni la tecnologia vintage è stata molto sfruttata nella produzione di musica elettronica, Tom Jenkinson riesce ancora ad utilizzarla generando nuove idee, come testimoniano le sonorità sperimentali di questo album. L'artista inglese accantona i suoi (distintivi) break nelle introduttive Oberlove e Hitsonu, che potrebbero far parte entrambe della colonna sonora di un videogame degli anni '80, con le loro sognanti melodie da chiptune synth. La tensione sale di una tacca con Neverlevers e la sua cassa stile Prodigy e il drill'n'bass di Speedcrank, prima di tornare alla calma con Detroit People Mover, un brano di elettronica quasi ambient, con strati di synth evocativi e chitarre filtrate attraverso un flanger minimale. Le origini di Squarepusher ritornano su Terminal Slam, una traccia nervosa, metallica, bleepy e industriale, un vero e proprio esercizio di stile prima della minacciosa chiusura con 80 Ondula. Come sempre, Squarepusher non fa caso a regole o stili, imprimendo la propria firma su un album scritto quasi come un diario personale, l'equivalente musicale di un ispirato film d'autore. © Smaël Bouaici / Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Squarepusher
Lamental EP Squarepusher
Damogen Furies Squarepusher
Go Plastic Squarepusher
Hard Normal Daddy Squarepusher

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
HiRUDiN Austra
Mixing Colours Roger Eno & Brian Eno
MAGDALENE FKA Twigs
Heaven The Avener
Concrete and Glass Nicolas Godin
Nelle Panoramiche...
Jean-Michel Jarre, 50 anni di musica elettronica

Per festeggiare i suoi 50 anni di carriera, Jean-Michel Jarre pubblica l’edificante Planet Jarre, una compilation di circa quaranta brani che mette in luce la traiettoria tracciata dal pioniere della musica elettronica. L’occasione per tornare su cinque decenni in cui il francese ci ha svelato tutti i lati della sua personalità: artista, scienziato pazzo, precursore, amante dei colpi di scena, militante e infine paladino degli autori contro i giganti del Web.

Il reggae alla conquista del pop americano

Il reggae non era mai stato così in vista dai tempi di Bob Marley. Negli ultimi tre anni, le hit delle pop star americane si sono arricchite di sapori giamaicani. Da Beyonce a Rihanna, passando per Drake o Justin Bieber, sono sempre di più i cantanti che usano accompagnamenti e musiche dancehall, la versione «elegante» del reggae, resa popolare dal leggendario produttore King Jammy alla metà degli anni 80 con lo Sleng Teng, il primo reggae elettronico della storia. Una conquista praticata con guanti di velluto: ecco com’è andata.

R&S Records: quando il Belgio dava il ritmo

In trentacinque anni, l’etichetta belga R&S (che sta per Renaat Vandepapeliere e Sabine Maes, la coppia fondatrice) ha esplorato tutti i generi della musica elettronica. Ma soprattutto, è stata la prima in quasi tutte le rivoluzioni che hanno segnato la storia di questa scena, techno, house, hardcore, drum’n’bass o dubstep. Ritorniamo sui 10 momenti salienti di questa etichetta sinonimo di avanguardia che ha dettato il ritmo dell’industria della musica elettronica, attraverso i ricordi di Renaat Vandepapeliere.

Nel magazine...