Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

AC/DC|Back In Black

Back In Black

AC/DC

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Registrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Il 19 febbraio 1980, quando Bon Scott, dopo una serata di eccessi alcolici, morì soffocato nel sonno, nessuno avrebbe scommesso sul futuro degli AC/DC. Tuttavia, la band australiano-britannica ingaggiò un sostituto per il loro mitico cantante. Brian Johnson, fuggito dal gruppo Geordie, raccolse la sfida e impose uno stile potente, lontano da quello del suo predecessore, posizionandosi vocalmente con maggiore enfasi sulle note alte. Con la sua mitica copertina nera a lutto, Back in Black segna la nascita dei nuovi AC/DC, con una serie di composizioni inarrestabili. Alla chitarra, i fratelli Young - Malcolm e la sua Gretsch, Angus e la sua impareggiabile Gibson SG - si incastrano in modo geniale con l’efficienza dei riff scarni e raffinati dell’uno e con la precisone degli assoli dell’altro (in particolare in Back in Black e You Shook Me All Night Long), creando canzoni nello stile AC/DC più puro (What Do You Do for Money Honey) ma anche dei boogie alla ZZ Top (Have a Drink on Me), o dell’hardcore teatrale alla Led Zep (Shake a Leg) senza dimenticare la fedeltà al santo Blues (Rock and Roll Ain’t Noise Pollution). Cliff Williams e Phil Rudd completano l’opera costruendo un’efficiente base ritmica in cemento armato, ma dotata di una grande finezza... Quando Back in Black uscì il 25 luglio 1980, non sorprende che i fan si divisero sul caso di Brian Johnson. Era giusto continuare senza l’idolo Bon Scott dopo la mitica Highway to Hell? Ma il successo dell’album e il tour mondiale che seguì cancellarono in poco tempo il dibattito, che non ebbe più ragion d’essere. Con i suoi 50 milioni di copie vendute, Back in Black è il secondo album più venduto di tutti i tempi, subito dopo Thriller, di un certo Michael Jackson... © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

Back In Black

AC/DC

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 80 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questa playlist e più di 80 milioni di brani con i nostri abbonamenti di streaming illimitati

A partire da 12,50€/mese

1
Hells Bells
00:05:12

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

2
Shoot to Thrill
00:05:18

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

3
What Do You Do for Money Honey
00:03:35

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

4
Givin the Dog a Bone
00:03:32

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

5
Let Me Put My Love Into You
00:04:16

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

6
Back In Black
00:04:16

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

7
You Shook Me All Night Long
00:03:30

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

8
Have a Drink on Me
00:03:59

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

9
Shake a Leg
00:04:06

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

10
Rock and Roll Ain't Noise Pollution
00:04:15

AC/DC, Associated Performer, Main Artist - Robert John 'Mutt' Lange, Producer - Brian Johnson, Composer, Lyricist - Angus Young, Composer, Guitar, Lyricist - Malcolm Young, Composer, Guitar, Lyricist - Phil Rudd, Drums - Cliff Williams, Bass

(P) 1980 Leidseplein Presse B.V.

Descrizione dell'album

Il 19 febbraio 1980, quando Bon Scott, dopo una serata di eccessi alcolici, morì soffocato nel sonno, nessuno avrebbe scommesso sul futuro degli AC/DC. Tuttavia, la band australiano-britannica ingaggiò un sostituto per il loro mitico cantante. Brian Johnson, fuggito dal gruppo Geordie, raccolse la sfida e impose uno stile potente, lontano da quello del suo predecessore, posizionandosi vocalmente con maggiore enfasi sulle note alte. Con la sua mitica copertina nera a lutto, Back in Black segna la nascita dei nuovi AC/DC, con una serie di composizioni inarrestabili. Alla chitarra, i fratelli Young - Malcolm e la sua Gretsch, Angus e la sua impareggiabile Gibson SG - si incastrano in modo geniale con l’efficienza dei riff scarni e raffinati dell’uno e con la precisone degli assoli dell’altro (in particolare in Back in Black e You Shook Me All Night Long), creando canzoni nello stile AC/DC più puro (What Do You Do for Money Honey) ma anche dei boogie alla ZZ Top (Have a Drink on Me), o dell’hardcore teatrale alla Led Zep (Shake a Leg) senza dimenticare la fedeltà al santo Blues (Rock and Roll Ain’t Noise Pollution). Cliff Williams e Phil Rudd completano l’opera costruendo un’efficiente base ritmica in cemento armato, ma dotata di una grande finezza... Quando Back in Black uscì il 25 luglio 1980, non sorprende che i fan si divisero sul caso di Brian Johnson. Era giusto continuare senza l’idolo Bon Scott dopo la mitica Highway to Hell? Ma il successo dell’album e il tour mondiale che seguì cancellarono in poco tempo il dibattito, che non ebbe più ragion d’essere. Con i suoi 50 milioni di copie vendute, Back in Black è il secondo album più venduto di tutti i tempi, subito dopo Thriller, di un certo Michael Jackson... © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliorare le informazioni sugli album

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

Altro su Qobuz
Di AC/DC

Live in Maryland 1979

AC/DC

Highway To Hell

AC/DC

The Razors Edge

AC/DC

Power Up

AC/DC

Power Up AC/DC

Shot Down In Flames

AC/DC

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...

TEKKNO

Electric Callboy

TEKKNO Electric Callboy

Zeit

Rammstein

Zeit Rammstein

A View From The Top Of The World

Dream Theater

The Sick, The Dying… And The Dead!

Megadeth

Hushed and Grim

Mastodon

Hushed and Grim Mastodon
Nelle Panoramiche...
Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo.

Alice Cooper non scansa il pericolo

Il percorso di Alice Cooper è, innanzitutto, un caso eccezionale di sdoppiamento della personalità. Come ne “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”, il cantante Vincent Furnier si è abbandonato al predominio dello showman Alice Cooper. Ma, come lui stesso ha ammesso, colui che parla sempre di Alice alla terza persone durante le sue interviste rimane un uomo piuttosto semplice e normale nel privato, lontano da quella scena in cui ha moltiplicato eccessi e provocazioni. Nel corso dei suoi cinquantaquattro anni di carriera, è inoltre possibile rilevare una certa schizofrenia nei suoi numerosi cambiamenti di stile. Anche se gli viene attribuita l’invenzione del shock rock, si è dilettato con tutto, o quasi, con più o meno successo, dal pop agli inizi dell’hard-rock, passando per l’heavy metal, la new wave o la musica industriale…

Nel magazine...