Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Bruce Springsteen - Letter To You

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Letter To You

Bruce Springsteen

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Nel 2019, l’anno in cui ha spento le sue 70 candeline, il Boss ha pubblicato Western Stars, un album dalle caratteristiche fuori dagli schemi, diverso da tutto ciò che aveva registrato fino ad allora. Accantonata la E Street Band - la sua efficiente banda che animava gli stadi - e archi, fiati e cori, con questo disco l’autore di Born in the USA si è trasformato in un Glen Campbell del terzo millennio; distaccandosi dal tempo presente ha messo da parte la lotta e la ribellione a favore di innocenza e nonchalance... Un anno dopo, troviamo uno Springsteen con uno stato d’animo diverso. Per Letter to You, appena pubblicato, ha rimesso in piedi la sua E Street Band - o quel che ne è rimasto dalla scomparsa dell’organista Danny Federici (2008) e del sassofonista Clarence Clemons (2011) - e nel suo studio casalingo nel New Jersey hanno registrato dal vivo dodici canzoni in soli cinque giorni! Una bella differenza rispetto al solito: ad esempio, nel 1974 ci sono voluti ben quattordici mesi per registrare Born to Run. La riuscita di Letter to You deve molto a questo contesto quasi informale e organico, che sembra una rimpatriata tra vecchi amici.

La ballata d’apertura, One Minute You’re Here, pone questo ventesimo album in studio sotto il segno della nostalgia. Come se Springsteen cantasse in tonalità seppiate: lo ascoltiamo come se stessimo sfogliando un album di foto delle persone a noi più care, o di luoghi decaduti o scomparsi. L’efficace singolo che dà il titolo all’album rassicura i fan dell’epoca d’oro della E Street Band, così come la grandiosa Burnin’ Train (che possiamo già immaginare suonata ai concerti sold-out), mentre la pazza Ghosts è l’ennesima dimostrazione che si può sempre fare qualcosa di nuovo con roba (parecchio) vecchia. L’intero album è così, come se fosse ancorato allo Springsteen degli anni ’70. In questa energia rock’n’roll, è solo la voce del Boss, scolpita dagli anni, a farci capire che questo album, colmo sia di hit che di canzoni introspettive, risale al 2020 e non al 1980. È bello sentire Bruce Springsteen al top della forma! © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

Letter To You

Bruce Springsteen

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 60 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 60 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
One Minute You're Here
00:02:57

Ron Aniello, Producer, Engineer, Strings - Bob Ludwig, Mastering Engineer - TOBY SCOTT, Engineer - Ross Petersen, Engineer - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Acoustic Guitar, Percussion, Piano, Synthesizer, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Max Weinberg, Drums - Rob Lebret, Engineer, Mixing Engineer

(P) 2020 Bruce Springsteen

2
Letter To You
00:04:55

Ron Aniello, Producer, Engineer - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Acoustic Guitar, Electric Guitar, Organ, Percussion, Piano, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ - Garry Tallent, Bass - Max Weinberg, Drums - Stevie Van Zandt, Guitar - Rob Lebret, Engineer - Jake Clemons, Saxophone

(P) 2020 Bruce Springsteen

3
Burnin' Train
00:04:03

Ron Aniello, Producer, Engineer, Guitar - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - TOBY SCOTT, Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Acoustic Guitar, Electric Guitar, Synthesizer, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ - Garry Tallent, Bass - Max Weinberg, Drums - Stevie Van Zandt, Guitar - Rob Lebret, Engineer

(P) 2020 Bruce Springsteen

4
Janey Needs A Shooter
00:06:49

Ron Aniello, Producer, Engineer - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Electric Guitar, Tambourine, Harmonica, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ - Garry Tallent, Bass - Max Weinberg, Drums - Stevie Van Zandt, Guitar - Rob Lebret, Engineer

(P) 2020 Bruce Springsteen

5
Last Man Standing
00:04:05

Ron Aniello, Producer, Engineer, Guitar, Synthesizer - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano, Celeste - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Acoustic Guitar, Electric Guitar, Piano, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ - Garry Tallent, Bass - Max Weinberg, Drums - Stevie Van Zandt, Guitar - Rob Lebret, Engineer - Jake Clemons, Saxophone

(P) 2020 Bruce Springsteen

6
The Power Of Prayer
00:03:36

Ron Aniello, Producer, Engineer, Guitar, Synthesizer - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Acoustic Guitar, Electric Guitar, Organ, Tambourine, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ - Garry Tallent, Bass - Max Weinberg, Drums - Stevie Van Zandt, Guitar, Background Vocal - Rob Lebret, Engineer - Jake Clemons, Saxophone

(P) 2020 Bruce Springsteen

7
House Of A Thousand Guitars
00:04:30

Nils Lofgren, Background Vocal - Ron Aniello, Producer, Engineer, Guitar, Piano - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano, Celeste, Background Vocal - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Acoustic Guitar, Electric Guitar, Percussion, Synthesizer, MainArtist, AssociatedPerformer, Background Vocal, Vocal - Charlie Giordano, Organ, Background Vocal - Garry Tallent, Bass, Background Vocal - Max Weinberg, Drums, Background Vocal - Stevie Van Zandt, Guitar, Background Vocal - Rob Lebret, Engineer - Jake Clemons, Saxophone

(P) 2020 Bruce Springsteen

8
Rainmaker
00:04:56

Nils Lofgren, Dobro - Ron Aniello, Producer, Drums, Engineer, Guitar, Organ, Synthesizer - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - TOBY SCOTT, Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Acoustic Guitar, Electric Guitar, Organ, Percussion, Piano, Synthesizer, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ - Garry Tallent, Bass - Max Weinberg, Drums - Stevie Van Zandt, Guitar, Background Vocal - Rob Lebret, Engineer - Jake Clemons, Saxophone

(P) 2020 Bruce Springsteen

9
If I Was The Priest
00:06:50

Patti Scialfa, Background Vocal - Nils Lofgren, Acoustic Guitar - Ron Aniello, Producer, Engineer - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Electric Guitar, Piano, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ - Garry Tallent, Bass - Max Weinberg, Drums - Stevie Van Zandt, Guitar, Background Vocal - Rob Lebret, Engineer

(P) 2020 Bruce Springsteen

10
Ghosts
00:05:54

Ron Aniello, Producer, Engineer, Synthesizer, Clapping - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano, Celeste, Clapping - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Acoustic Guitar, Electric Guitar, Percussion, Clapping, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ, Clapping - Garry Tallent, Bass, Clapping - Max Weinberg, Drums, Clapping - Stevie Van Zandt, Guitar, Clapping, Background Vocal - Rob Lebret, Engineer - Jake Clemons, Saxophone, Clapping

(P) 2020 Bruce Springsteen

11
Song For Orphans
00:06:13

Patti Scialfa, Background Vocal - Nils Lofgren, Acoustic Guitar - Ron Aniello, Producer, Engineer - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Electric Guitar, Harmonica, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ - Garry Tallent, Bass - Max Weinberg, Drums - Stevie Van Zandt, Guitar - Rob Lebret, Engineer

(P) 2020 Bruce Springsteen

12
I'll See You In My Dreams
00:03:29

Patti Scialfa, Background Vocal - Ron Aniello, Producer, Engineer, Guitar, Percussion, Piano - Bob Ludwig, Mastering Engineer - BOB CLEARMOUNTAIN, Mixing Engineer - Brandon Duncan, Assistant Engineer - Ross Petersen, Engineer - ROY BITTAN, Piano - Bruce Springsteen, Composer, Lyricist, Producer, Acoustic Guitar, Electric Guitar, MainArtist, AssociatedPerformer, Vocal - Charlie Giordano, Organ - Garry Tallent, Bass - Max Weinberg, Drums - Stevie Van Zandt, Guitar, Background Vocal - Rob Lebret, Engineer

(P) 2020 Bruce Springsteen

Descrizione dell'album

Nel 2019, l’anno in cui ha spento le sue 70 candeline, il Boss ha pubblicato Western Stars, un album dalle caratteristiche fuori dagli schemi, diverso da tutto ciò che aveva registrato fino ad allora. Accantonata la E Street Band - la sua efficiente banda che animava gli stadi - e archi, fiati e cori, con questo disco l’autore di Born in the USA si è trasformato in un Glen Campbell del terzo millennio; distaccandosi dal tempo presente ha messo da parte la lotta e la ribellione a favore di innocenza e nonchalance... Un anno dopo, troviamo uno Springsteen con uno stato d’animo diverso. Per Letter to You, appena pubblicato, ha rimesso in piedi la sua E Street Band - o quel che ne è rimasto dalla scomparsa dell’organista Danny Federici (2008) e del sassofonista Clarence Clemons (2011) - e nel suo studio casalingo nel New Jersey hanno registrato dal vivo dodici canzoni in soli cinque giorni! Una bella differenza rispetto al solito: ad esempio, nel 1974 ci sono voluti ben quattordici mesi per registrare Born to Run. La riuscita di Letter to You deve molto a questo contesto quasi informale e organico, che sembra una rimpatriata tra vecchi amici.

La ballata d’apertura, One Minute You’re Here, pone questo ventesimo album in studio sotto il segno della nostalgia. Come se Springsteen cantasse in tonalità seppiate: lo ascoltiamo come se stessimo sfogliando un album di foto delle persone a noi più care, o di luoghi decaduti o scomparsi. L’efficace singolo che dà il titolo all’album rassicura i fan dell’epoca d’oro della E Street Band, così come la grandiosa Burnin’ Train (che possiamo già immaginare suonata ai concerti sold-out), mentre la pazza Ghosts è l’ennesima dimostrazione che si può sempre fare qualcosa di nuovo con roba (parecchio) vecchia. L’intero album è così, come se fosse ancorato allo Springsteen degli anni ’70. In questa energia rock’n’roll, è solo la voce del Boss, scolpita dagli anni, a farci capire che questo album, colmo sia di hit che di canzoni introspettive, risale al 2020 e non al 1980. È bello sentire Bruce Springsteen al top della forma! © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Tickets To My Downfall Machine Gun Kelly
Tickets To My Downfall Machine Gun Kelly
Tickets To My Downfall Machine Gun Kelly
Tickets To My Downfall Machine Gun Kelly
Altro su Qobuz
Di Bruce Springsteen
Born In The U.S.A. Bruce Springsteen
Born To Run Bruce Springsteen
Western Stars Bruce Springsteen
Ghosts Bruce Springsteen

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
McCartney III Paul McCartney
Rumours Fleetwood Mac
Power Up AC/DC
Nelle Panoramiche...
Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo, nemmeno a quarantacinque anni dalla sua uscita.

Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

British blues boom, cronaca di una rivoluzione

Se Joe Bonamassa ritornò con British Blues Explosion, un anno dopo Blue And Lonesome dei Rolling Stones, fu perché il boom del blues inglese si rivelò essere qualcosa di più di una semplice moda... Più che una semplice tendenza musicale, l'interesse di una giovane generazione per le grandi icone del blues americano, ignorate nella loro terra, generò un'autentica rivoluzione guidata da tre principali agitatori: Eric Clapton, Jeff Beck e Jimmy Page, considerati oltre la Manica, niente meno che la Santissima Trinità della storia del rock o della chitarra. Sebbene non fossero gli unici musicisti coinvolti, fu attraverso le loro rispettive carriere che si scoprì che il blues, lungi dall'essere una musica che aveva passato la sua data di scadenza, era come un salto verso altre dimensioni musicali che avrebbe permesso molteplici innovazioni.

Nel magazine...