Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Jakub Józef Orliński - Facce d'amore - Handel: Orlando, HWV 31, Act 2: "Ah stigie larve! ... Vaghe pupille" (Orlando)

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Facce d'amore - Handel: Orlando, HWV 31, Act 2: "Ah stigie larve! ... Vaghe pupille" (Orlando)

Jakub Józef Orliński

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, Abbonati a Studio Sublime

Facce d'amore - Handel: Orlando, HWV 31, Act 2: "Ah stigie larve! ... Vaghe pupille" (Orlando)

Jakub Józef Orliński

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 60 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 60 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Orlando, HWV 31, Act 2: "Ah stigie larve! ... Vaghe pupille" (Orlando)
00:07:20

George Frideric Handel, Composer - Il Pomo d'Oro, Orchestra - Maxim Emelyanychev, Conductor - Jakub Józef Orliński, Counter-Tenor Vocals, MainArtist

2019 Parlophone Records Limited, a Warner Music Group Company 2019 Parlophone Records Limited, a Warner Music Group Company

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Jakub Józef Orliński
Purcell: Music for a While, Z. 583 Jakub Józef Orliński
Facce d'amore Jakub Józef Orliński
Vedrò con mio diletto (Vivaldi) Jakub Józef Orliński
Anima Sacra Jakub Józef Orliński

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
some kind of peace Ólafur Arnalds
Seasons: Orchestral Music of Michael Fine The Royal Scottish National Orchestra
Debussy – Rameau Víkingur Ólafsson
Nelle Panoramiche...
British blues boom, cronaca di una rivoluzione

Se Joe Bonamassa ritornò con British Blues Explosion, un anno dopo Blue And Lonesome dei Rolling Stones, fu perché il boom del blues inglese si rivelò essere qualcosa di più di una semplice moda... Più che una semplice tendenza musicale, l'interesse di una giovane generazione per le grandi icone del blues americano, ignorate nella loro terra, generò un'autentica rivoluzione guidata da tre principali agitatori: Eric Clapton, Jeff Beck e Jimmy Page, considerati oltre la Manica, niente meno che la Santissima Trinità della storia del rock o della chitarra. Sebbene non fossero gli unici musicisti coinvolti, fu attraverso le loro rispettive carriere che si scoprì che il blues, lungi dall'essere una musica che aveva passato la sua data di scadenza, era come un salto verso altre dimensioni musicali che avrebbe permesso molteplici innovazioni.

Le sinfonie elettroniche di Mason Bates

Come, non conoscete (ancora) Mason Bates? Eppure è uno dei nomi più presenti sulla scena nordamericana. Nato nel 1977, Bates è insieme compositore (soprattutto sinfonista e lirico) e DJ di musica elettronica (con lo pseudonimo DJ Masonic): due poli apparentemente opposti, che lui invece si delizia particolarmente a mescolare. Circa metà della sua opera sinfonica e lirica include, in un modo o nell’altro, sonorità elettroniche, perlopiù suoni “di tutti i giorni”, preregistrati e restituiti in tempo reale in base alla partitura. In occasione dell’uscita della sua fantastica opera The (R)evolution of Steve Jobs, Qobuz si è intrattenuto con questo personaggio fuori dai canoni.

Leonard Bernstein, la musica universale

Pianista, direttore d’orchestra, compositore e pedagogo, Leonard Bernstein ebbe una vita molto piena. Figura di spicco della musica americana, il compositore di West Side Story intrecciava le influenze, il belcanto, il romanticismo di Mahler (di cui fu l’interprete più rappresentativo) e i suoi diretti maestri Walter Piston ed Aaron Copland, senza dimenticare il ritmo del jazz e le eccentricità di Broadway.

Nel magazine...