Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Brad Mehldau|Jacob's Ladder

Jacob's Ladder

Brad Mehldau

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Registrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Brad Mehldau non ha mai rinnegato la musica della sua epoca, anzi, si è spesso spogliato dei panni di erede di Bill Evans e Keith Jarrett che da subito gli sono stati affibbiati. Ma con Jacob's Ladder, il pianista americano ha pubblicato uno dei suoi progetti forse più atipici. Una sorta di viaggio nella terra del rock progressivo, misto a una ricerca del divino, un album che è soprattutto uno sguardo indietro nel tempo, agli anni in cui il giovane Mehldau si cibava di prog, ascoltando Rush, Yes e Emerson, Lake & Palmer, più e più volte. “Il rock progressivo è stata la musica della mia infanzia, prima che scoprissi il jazz. Corrispondeva ai libri fantasy e di fantascienza di C.S. Lewis, Madeleine L’Engle e molti altri, che ho letto quando avevo 10, 12 anni. Quella fu la mia porta d’accesso alle fusioni create da Miles Davis, dai Weather Report e dalla Mahavishnu Orchestra, che a loro volta furono la porta d’accesso ad un ascolto ancora maggiore di jazz... Mentre qui, il prog di Rush, Gentle Giant e Emerson, Lake & Palmer è presente solo a livello di gamma concettuale, compositiva ed emotiva del genere. Questi gruppi e molti altri hanno continuato a influenzare nuove band che inseriscono gli impulsi progressivi nell’hard rock e nel math rock, o nel math metal, come i Periphery, la cui musica è inclusa qui: hanno anche ispirato la voce rabbiosa nel brano Herr und Knecht.

Il risultato è molto eterogeneo ed eclettico, proprio come il rock progressivo degli anni ‘70. Con il batterista Mark Guiliana, il sassofonista Joel Frahm, il mandolinista Chris Thile, il chitarrista Pedro Martins e le voci di Cécile McLorin Salvant, Becca Stevens, Tobias Bader, Safia McKinney-Askeur e Luca van den Bossche, Brad Mehldau ha creato un disco proteiforme, lontano anni luce dai suoi album di trio piano-basso-batteria. In una via di mezzo tra un concept album e un trip cerebrale, Mehldau assembla composizioni intriganti e senza regole che si prendono gioco degli stili e dei confini, con una sorprendente serie di contrapposizioni (reinterpreta persino Tom Sawyer dei Rush) e incessanti cambiamenti di ritmo. Anche nella scelta degli strumenti osa tutto, dal buon vecchio Steinway al glockenspiel, passando per i synth Korg e Yamaha, il Moog, il Wurlitzer, il Mellotron, il Fender Rhodes, l’harmonium o l’organo Hammond! Tanta creatività potrebbe lasciare spiazzati o totalmente ipnotizzati. E tra pregiudizi, aspettative e partiti presi, una cosa è certa, il Mehldau di Jacob's Ladder non lascerà nessuno indifferente... © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

Jacob's Ladder

Brad Mehldau

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 80 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questa playlist e più di 80 milioni di brani con i nostri abbonamenti di streaming illimitati

A partire da 12,50€/mese

1
maybe as his skies are wide
00:03:43

Pye Dubois, Writer - Alex Lifeson, Writer - Geddy Lee, Writer - Neil Peart, Writer - John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by, Samples - Brad Mehldau, Producer, Glockenspiel, Synthesizer, Grand Piano, Samples, MainArtist - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Mark Guiliana, Drums - Alex Deturk, Masterer - Danilo Cosucci, Technician - Luca van den Bossche, Treble Vocals

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

2
Herr und Knecht
00:07:47

John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by - Brad Mehldau, Producer, Electric Piano, Writer, Synthesizer, Moog, Grand Piano, Wurlitzer Piano, MainArtist, Emulator Synthesizer - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Mark Guiliana, Drums - Joel Frahm, Soprano Saxophone - Becca Stevens, Additional Vocals - Tobias Bader, Screams Vocals - Alex Deturk, Masterer - Michael McKiervnan, Technician

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

3
(Entr’acte) Glam Perfume
00:05:44

John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by - Brad Mehldau, Producer, Writer, Moog, Grand Piano, Mellotron, MainArtist - Lavinia Meijer, Harp - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Becca Stevens, Vocals - Alex Deturk, Masterer - Danilo Cosucci, Technician

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

4
Cogs in Cogs, Pt. I: Dance
00:04:11

Ray Shulman, Writer - Derek Shulman, Writer - Kerry Minnear, Writer - John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by, Drum Programming - Brad Mehldau, Producer, Drums, Tambourine, Vocals, Xylophone, Fender Rhodes Piano, Moog, Harmonium, Bass Organ, Grand Piano, MainArtist, Emulator Synthesizer - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Alex Deturk, Masterer - Danilo Cosucci, Technician

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

5
Cogs in Cogs, Pt. II: Song (feat. Becca Stevens)
00:04:02

Ray Shulman, Writer - Derek Shulman, Writer - Kerry Minnear, Writer - John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by, Drum Programming - Brad Mehldau, Producer, Keyboards, Background Vocals, Synthesizer, Grand Piano, MainArtist, Emulator Synthesizer - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Mark Guiliana, Drums - Becca Stevens, Lead Vocals, FeaturedArtist - Alex Deturk, Masterer - Michael McKiervnan, Technician - Motomi Igarashi-de Jong, Lirone Cello

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

6
Cogs in Cogs, Pt. III: Double Fugue
00:04:30

Ray Shulman, Writer - Derek Shulman, Writer - Kerry Minnear, Writer - John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by - Brad Mehldau, Producer, Moog, MainArtist, Emulator Synthesizer - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Alex Deturk, Masterer

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

7
Tom Sawyer (feat. Chris Thile)
00:07:44

Chris Thile, Mandolin, Vocals, FeaturedArtist - Pye Dubois, Writer - Alex Lifeson, Writer - Geddy Lee, Writer - Neil Peart, Writer - John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by, Drum Programming - Brad Mehldau, Producer, Electric Piano, Additional Vocals, Synthesizer, Moog, Grand Piano, MainArtist, Prophet Synthesizer, Juno Synthesizer, Emulator Synthesizer - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Mark Guiliana, Drums - Joel Frahm, Soprano Saxophone, Tenor Saxophone - Alex Deturk, Masterer - Luca van den Bossche, Treble Vocals - Michael McKiervnan, Technician

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

8
Vou correndo te encontrar / Racecar
00:05:05

John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by - Brad Mehldau, Producer, Drums, Tambourine, Vocals, Synthesizer, Grand Piano, MainArtist - Casey Sabol, Writer - Pedro Martins, Acoustic Guitar, Vocals - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Thomas Murphy, Writer - Jake Bowen, Writer - Misha Mansoor, Writer - Spencer Sotelo, Writer - Alex Deturk, Masterer - Matthew Halpern, Writer - Danilo Cosucci, Technician - Alexander Bois, Writer

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

9
Jacob’s Ladder, Pt. I: Liturgy
00:01:27

PUBLIC DOMAIN, Writer - John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by - Dave Cook, Engineer - Brad Mehldau, Producer, MainArtist, Spoken Voice Vocals - Timothy Hill, Spoken Voice Vocals - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Becca Stevens, Spoken Voice Vocals - Alex Deturk, Masterer - Safia Mckinney-Askeur, Spoken Voice Vocals - Jasper Trim, Engineer - Luca van den Bossche, Spoken Voice Vocals - Damien Mehldau, Spoken Voice Vocals - Mike Triim, Engineer - Oliver Stack, Engineer

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

10
Jacob’s Ladder, Pt. II: Song
00:11:30

Alex Lifeson, Writer - Geddy Lee, Writer - Neil Peart, Writer - John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by - Brad Mehldau, Producer, Keyboards, Synthesizer, Moog, Grand Piano, Mellotron, Sleigh Bells, Upright Piano, MainArtist - Paul Pouwer , Engineer, Recorded by - Mark Guiliana, Drums, Electronic Drums - Alex Deturk, Masterer - Safia Mckinney-Askeur, Vocals - Jasper Trim, Engineer - Danilo Cosucci, Technician - Michael McKiervnan, Guitar Technician - Motomi Igarashi-de Jong, Lirone Cello - Mike Triim, Engineer - Oliver Stack, Engineer

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

11
Jacob’s Ladder, Pt. III: Ladder
00:04:19

John Davis, Producer, Engineer, Recorded by - Dave Cook, Engineer - Brad Mehldau, Producer, Bells, Tenor Vocals, Writer, Synthesizer, MainArtist, Spoken Voice Vocals - Fleurine, Spoken Voice Vocals - Timothy Hill, Bass Vocals - Paul Pouwer , Mixer, Engineer, Recorded by - Becca Stevens, Soprano Vocals, Alto Vocals - Joris Roelofs, Bass Clarinet - Alex Deturk, Masterer - Safia Mckinney-Askeur, Soprano Vocals, Alto Vocals - Jasper Trim, Engineer - Luca van den Bossche, Treble Vocals - Motomi Igarashi-de Jong, Lirone Cello - Mike Triim, Engineer - Oliver Stack, Engineer

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

12
Heaven: I. All Once – II. Life Seeker – III. Würm – IV. Epilogue: It Was a Dream but I Carry It Still (feat. Cécile McLorin Salvant)
00:10:07

Jon Anderson, Writer - John Davis, Producer, Mixer, Engineer, Recorded by - Brad Mehldau, Producer, Drums, Keyboards, Fender Rhodes Piano, Background Vocals, Synthesizer, Grand Piano, MainArtist, Juno Synthesizer, Shaker Egg Percussion - Chris Squire, Writer - Steve Howe, Writer - Pedro Martins, Acoustic Guitar, Electric Guitar - Lavinia Meijer, Harp - Paul Pouwer , Bass Drums, Engineer, Recorded by - Mark Guiliana, Drums - Cécile McLorin Salvant, FeaturedArtist - Becca Stevens, Background Vocals - Alex Deturk, Masterer - Safia Mckinney-Askeur, Lead Vocals - Jasper Trim, Engineer - Danilo Cosucci, Technician - Luca van den Bossche, Lead Vocals, Background Vocals - Michael McKiervnan, Technician - Mike Triim, Engineer - Oliver Stack, Engineer

© 2022 Nonesuch Records Inc. ℗ 2022 Nonesuch Records Inc.

Descrizione dell'album

Brad Mehldau non ha mai rinnegato la musica della sua epoca, anzi, si è spesso spogliato dei panni di erede di Bill Evans e Keith Jarrett che da subito gli sono stati affibbiati. Ma con Jacob's Ladder, il pianista americano ha pubblicato uno dei suoi progetti forse più atipici. Una sorta di viaggio nella terra del rock progressivo, misto a una ricerca del divino, un album che è soprattutto uno sguardo indietro nel tempo, agli anni in cui il giovane Mehldau si cibava di prog, ascoltando Rush, Yes e Emerson, Lake & Palmer, più e più volte. “Il rock progressivo è stata la musica della mia infanzia, prima che scoprissi il jazz. Corrispondeva ai libri fantasy e di fantascienza di C.S. Lewis, Madeleine L’Engle e molti altri, che ho letto quando avevo 10, 12 anni. Quella fu la mia porta d’accesso alle fusioni create da Miles Davis, dai Weather Report e dalla Mahavishnu Orchestra, che a loro volta furono la porta d’accesso ad un ascolto ancora maggiore di jazz... Mentre qui, il prog di Rush, Gentle Giant e Emerson, Lake & Palmer è presente solo a livello di gamma concettuale, compositiva ed emotiva del genere. Questi gruppi e molti altri hanno continuato a influenzare nuove band che inseriscono gli impulsi progressivi nell’hard rock e nel math rock, o nel math metal, come i Periphery, la cui musica è inclusa qui: hanno anche ispirato la voce rabbiosa nel brano Herr und Knecht.

Il risultato è molto eterogeneo ed eclettico, proprio come il rock progressivo degli anni ‘70. Con il batterista Mark Guiliana, il sassofonista Joel Frahm, il mandolinista Chris Thile, il chitarrista Pedro Martins e le voci di Cécile McLorin Salvant, Becca Stevens, Tobias Bader, Safia McKinney-Askeur e Luca van den Bossche, Brad Mehldau ha creato un disco proteiforme, lontano anni luce dai suoi album di trio piano-basso-batteria. In una via di mezzo tra un concept album e un trip cerebrale, Mehldau assembla composizioni intriganti e senza regole che si prendono gioco degli stili e dei confini, con una sorprendente serie di contrapposizioni (reinterpreta persino Tom Sawyer dei Rush) e incessanti cambiamenti di ritmo. Anche nella scelta degli strumenti osa tutto, dal buon vecchio Steinway al glockenspiel, passando per i synth Korg e Yamaha, il Moog, il Wurlitzer, il Mellotron, il Fender Rhodes, l’harmonium o l’organo Hammond! Tanta creatività potrebbe lasciare spiazzati o totalmente ipnotizzati. E tra pregiudizi, aspettative e partiti presi, una cosa è certa, il Mehldau di Jacob's Ladder non lascerà nessuno indifferente... © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

In Session

Albert King

In Session Albert King

The Number of the Beast

Iron Maiden

From The Fires

Greta Van Fleet

From The Fires Greta Van Fleet

Powerslave

Iron Maiden

Powerslave Iron Maiden
Altro su Qobuz
Di Brad Mehldau

Blues and Ballads

Brad Mehldau

Blues and Ballads Brad Mehldau

After Bach

Brad Mehldau

After Bach Brad Mehldau

Variations on a Melancholy Theme

Brad Mehldau

Suite: April 2020

Brad Mehldau

Suite: April 2020 Brad Mehldau

Tom Sawyer (feat. Chris Thile)

Brad Mehldau

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...

You Must Believe In Spring

Bill Evans

Black Acid Soul

Lady Blackbird

Black Acid Soul Lady Blackbird

Entre eux deux

Melody Gardot

Entre eux deux Melody Gardot

Still Rising - The Collection

Gregory Porter

Sunset In The Blue

Melody Gardot

Sunset In The Blue Melody Gardot
Nelle Panoramiche...
ECM in 10 album

“Il più bel suono dopo il silenzio”. Questo è stato il motto della ECM negli ultimi cinquant’anni. Manfred Eicher, il carismatico fondatore dell’etichetta di Monaco, sembra vivere in un universo parallelo. E il jazz suona diversamente sul pianeta ECM. È spesso grazie a questa etichetta che artisti come Keith Jarrett, Charles Lloyd, Jan Garbarek, Chick Corea hanno registrato i loro dischi migliori. Ancor più che con Blue Note o Impulse!, limitare l’intera storia di questa straordinaria etichetta a soli 10 dischi è una missione impossibile. Quindi, questi 10 album non raccontano “la” storia ma “una” delle possibili storie della ECM.

MPS, il jazz della Foresta Nera

L’etichetta jazz MPS ha festeggiato il suo 50esimo compleanno nel 2018. In quella occasione, abbiamo intervistato Andreas Brunner-Schwer, figlio del fondatore Hans Georg Brunner-Schwer, che ci ha parlato degli incontri, delle prime registrazioni dell’etichetta e di cosa la rende così unica.

Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo.

Nel magazine...