Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Leila Schayegh - Franz Benda : Sonates pour violon

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Franz Benda : Sonates pour violon

Leila Schayegh, violon

Libretto digitale

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Franz Benda : Sonates pour violon

Leila Schayegh

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

Violin Sonata No. 11 in D major, Lee III:25 (Franz Benda)

1
I. Allegro 00:06:54

Leila Schayegh, violin - Vaclav Luks, harpsichord - Felix Knecht, cello

2
II. Adagio 00:05:33

Leila Schayegh, violin - Felix Knecht, cello - Vaclav Luks, harpsichord

3
III. Presto 00:05:02

Leila Schayegh, violin - Vaclav Luks, harpsichord - Felix Knecht, cello

Violin Sonata No. 23 in C minor, Lee III:9 (Franz Benda)

4
I. Adagio 00:03:18

Leila Schayegh, violin - Vaclav Luks, piano

5
II. Allegro moderato 00:04:44

Leila Schayegh, violin - Vaclav Luks, piano

6
III. Allegro non molto 00:04:37

Leila Schayegh, violin - Vaclav Luks, piano

Violin Sonata No. 7 in A major, Lee III:103 (Franz Benda)

7
Adagio poco andante 00:04:28

Leila Schayegh, violin - Felix Knecht, cello - Vaclav Luks, harpsichord

Violin Sonata No. 13 in G minor, Lee III:89 (Franz Benda)

8
I. Adagio poco andante 00:03:28

Leila Schayegh, violin - Vaclav Luks, harpsichord - Felix Knecht, cello

9
II. Allegro 00:06:01

Leila Schayegh, violin - Vaclav Luks, harpsichord - Felix Knecht, cello

10
III. Allegro 00:06:10

Leila Schayegh, violin - Felix Knecht, cello - Vaclav Luks, harpsichord

Violin Sonata No. 32 in E major, Lee III:50 (Franz Benda)

11
I. Allegro 00:05:13

Leila Schayegh, violin - Felix Knecht, cello - Vaclav Luks, piano

12
II. Adagio o arioso 00:05:19

Leila Schayegh, violin - Felix Knecht, cello - Vaclav Luks, piano

13
III. Allegro moderato e cantabile 00:06:21

Leila Schayegh, violin - Vaclav Luks, piano - Felix Knecht, cello

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Leila Schayegh
Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Le sinfonie elettroniche di Mason Bates

Come, non conoscete (ancora) Mason Bates? Eppure è uno dei nomi più presenti sulla scena nordamericana. Nato nel 1977, Bates è insieme compositore (soprattutto sinfonista e lirico) e DJ di musica elettronica (con lo pseudonimo DJ Masonic): due poli apparentemente opposti, che lui invece si delizia particolarmente a mescolare. Circa metà della sua opera sinfonica e lirica include, in un modo o nell’altro, sonorità elettroniche, perlopiù suoni “di tutti i giorni”, preregistrati e restituiti in tempo reale in base alla partitura. In occasione dell’uscita della sua fantastica opera The (R)evolution of Steve Jobs, Qobuz si è intrattenuto con questo personaggio fuori dai canoni.

François Couperin, il clavicembalo moderno

Beniamino di Luigi XIV, François Couperin (1668-1733) era nel XVIII secolo la vedette del clavicembalo, strumento prodigioso allora all’apogeo (sarebbe tornato nell’ombra nel secolo seguente), di cui il compositore ha rivoluzionato la prospettiva, portando con sé gli altri virtuosi dell’epoca, Dandrieu o Rameau. Il clavicembalista franco-canadese Olivier Fortin torna per Qobuz a parlare del destino di “Couperin il Grande”.

Kœchlin, l’Alchimista

L’immensa opera di Koechlin, ancorata alla tradizione ma, al tempo stesso, decisamente innovatrice, con un linguaggio estremamente personale, ha confuso i suoi contemporanei a causa delle sue molteplici sfaccettature, della sua libertà e della sua dimensione filosofica. Il disco permette, inoltre, di capire chi è veramente questo alchimista dei suoni, profeta geniale arrivato decisamente troppo presto. E di cui, questo 27 novembre, celebriamo il 150° anniversario della sua nascita…

Nel magazine...