Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Philippe Herreweghe - Beethoven, L. van: Symphony No. 9

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Beethoven, L. van: Symphony No. 9

Friedrich von Schiller - Ludwig van Beethoven

Libretto digitale

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Lingua disponibile: inglese

In the 2000s, Philippe Herreweghe recorded for the label Pentatone the entirety of Beethoven’s symphonies with the Royal Flemish Philharmonic under the senior artistic direction of Andreas Neubronner at Tritonus studios. Recorded in Anvers, Belgium in October 2009, this last section calls on several vocal soloists for the finale (Christiane Oelze, Ingeborg Danz and David Wilson-Johnson) with whom the Flemish conductor had collaborated regularly for some years starting with Bach’s cantatas. What we are presented with here is a kind of intimate Beethoven, this Beethoven remains generally calm, despite the occasional unconventional streak (but less so than with Brüggen or Gardiner), particularly light textures (Adagio molto e cantabile), and lively phrases. With Philippe Herrewegh, Beethoven never leaves the 18th century and the dancing spirit he works into his interpretation (Finale, notably the introduction) weaves in the watermarks of close links to composers from previous generations. © Qobuz

Maggiori informazioni

Beethoven, L. van: Symphony No. 9

Philippe Herreweghe

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

Symphony No. 9 in D Minor, Op. 125 "Choral" (Ludwig van Beethoven)

1
Symphony No. 9 in D Minor, Op. 125 "Choral": I. Allegro ma non troppo, un poco maestoso
00:14:05

Philippe Herreweghe, Conductor - David Wilson-Johnson, bass - Ingeborg Danz, mezzo-soprano - Christoph Strehl, tenor - Collegium Vocale Gent, Choir - Royal Flemish Philharmonic Orchestra, Orchestra - Philippe Herreweghe, Conductor - Academia Chigiana Siena, Choir

2010 PentaTone

2
Symphony No. 9 in D Minor, Op. 125 "Choral": II. Molto vivace
00:13:18

Philippe Herreweghe, Conductor - David Wilson-Johnson, bass - Ingeborg Danz, mezzo-soprano - Christoph Strehl, tenor - Collegium Vocale Gent, Choir - Royal Flemish Philharmonic Orchestra, Orchestra - Philippe Herreweghe, Conductor - Academia Chigiana Siena, Choir

2010 PentaTone

3
Symphony No. 9 in D Minor, Op. 125 "Choral": III. Adagio molto e cantabile - Andante moderato
00:11:54

Philippe Herreweghe, Conductor - David Wilson-Johnson, bass - Ingeborg Danz, mezzo-soprano - Christoph Strehl, tenor - Collegium Vocale Gent, Choir - Royal Flemish Philharmonic Orchestra, Orchestra - Philippe Herreweghe, Conductor - Academia Chigiana Siena, Choir

2010 PentaTone

4
Symphony No. 9 in D Minor, Op. 125 "Choral": IV. Finale: Presto
00:21:38

Philippe Herreweghe, Conductor - David Wilson-Johnson, bass - Ingeborg Danz, mezzo-soprano - Christoph Strehl, tenor - Collegium Vocale Gent, Choir - Royal Flemish Philharmonic Orchestra, Orchestra - Philippe Herreweghe, Conductor - Academia Chigiana Siena, Choir

2010 PentaTone

Descrizione dell'album

In the 2000s, Philippe Herreweghe recorded for the label Pentatone the entirety of Beethoven’s symphonies with the Royal Flemish Philharmonic under the senior artistic direction of Andreas Neubronner at Tritonus studios. Recorded in Anvers, Belgium in October 2009, this last section calls on several vocal soloists for the finale (Christiane Oelze, Ingeborg Danz and David Wilson-Johnson) with whom the Flemish conductor had collaborated regularly for some years starting with Bach’s cantatas. What we are presented with here is a kind of intimate Beethoven, this Beethoven remains generally calm, despite the occasional unconventional streak (but less so than with Brüggen or Gardiner), particularly light textures (Adagio molto e cantabile), and lively phrases. With Philippe Herrewegh, Beethoven never leaves the 18th century and the dancing spirit he works into his interpretation (Finale, notably the introduction) weaves in the watermarks of close links to composers from previous generations. © Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Philippe Herreweghe

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Neoclassica: un nuovo mondo ai confini dell’elettronica e della classica

Ólafur Arnalds, Nils Frahm, Max Richter, Poppy Ackroyd, Peter Broderick, Joana Gama… Da qualche anno tutti questi nomi alla moda sono stati raggruppati sotto la vasta ed eterogenea etichetta “neoclassica”. A dire il vero, questo “panorama” somiglia piuttosto ad una banda eterogenea di artisti indagatori, che mescolano strumenti classici e produzione elettronica – in connessione cosciente con i pionieri del minimalismo americano – che deliziano i sensi ed aprono nuove prospettive da entrambi i lati del loro spettro musicale.

Il paradosso di studio di Esa-Pekka Salonen

Di passaggio in Francia in quest’estate del 2018, agl’Incontri musicali di Evian, dove dirigeva l’Orchestra Sinfonica de La Grange au Lac, il finlandese Esa-Pekka Salonen, direttore d’orchestra acclamato e compositore prolifico con più di 60 dischi, rievoca il suo modo di accostarsi al lavoro di studio, tanto specifico della musica classica.

British blues boom, cronaca di una rivoluzione

Se Joe Bonamassa ritornò con British Blues Explosion, un anno dopo Blue And Lonesome dei Rolling Stones, fu perché il boom del blues inglese si rivelò essere qualcosa di più di una semplice moda... Più che una semplice tendenza musicale, l'interesse di una giovane generazione per le grandi icone del blues americano, ignorate nella loro terra, generò un'autentica rivoluzione guidata da tre principali agitatori: Eric Clapton, Jeff Beck e Jimmy Page, considerati oltre la Manica, niente meno che la Santissima Trinità della storia del rock o della chitarra. Sebbene non fossero gli unici musicisti coinvolti, fu attraverso le loro rispettive carriere che si scoprì che il blues, lungi dall'essere una musica che aveva passato la sua data di scadenza, era come un salto verso altre dimensioni musicali che avrebbe permesso molteplici innovazioni.

Nel magazine...