Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Shame - Songs Of Praise

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Songs Of Praise

Shame

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Tesi come un perizoma XS su un didietro XL, gli Shame non sono tipi che scherzano. E il concentrato di post-punk che costituisce l’essenza del primo album di questo quintetto londinese impressiona per il suo carisma, la sua violenza e la sua originalità. Songs Of Praise suona addirittura come la finta colonna sonora ufficiale di un’Inghilterra grigissima, discretamente frustrata e decisamente sul chi va là. C’è molto dei The Fall, dei Gang Of Four e dei Killing Joke in questo fascio di nervi sonoro, senza tuttavia che la faccenda suoni retrò né tantomeno datata. Proprio come Fat White Family, Ought o Vietnam, gli Shame vivono nel 2018 e si sente! In diretta da Brixton, il cantante Charlie Steen, insieme ai chitarristi Sean Coyle-Smith e Eddie Green, al batterista Charlie Forbes e al bassista Josh Finerty producono e ingabbiano il loro nervosismo simil-viscerale in canzoni che sono come pugni (Dust On Trial), a volte velenose e lancinanti (The Lick), a volte più affabili (One Rizla). Senza vergogna né additivi, gli Shame fanno un rock intransigente. Fin dal primo ascolto di Songs Of Praise il corpo esce tramortito eppure ne vorrete ancora. © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

Songs Of Praise

Shame

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 60 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 60 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Dust on Trial
00:03:34

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

2
Concrete
00:03:34

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

3
One Rizla
00:03:34

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

4
The Lick
00:04:11

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

5
Tasteless
00:03:05

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

6
Donk
00:01:41

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

7
Gold Hole
00:04:46

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

8
Friction
00:04:31

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

9
Lampoon
00:02:34

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

10
Angie
00:06:55

Shame, Artist, MainArtist

2018 Dead Oceans 2018 Dead Oceans

Descrizione dell'album

Tesi come un perizoma XS su un didietro XL, gli Shame non sono tipi che scherzano. E il concentrato di post-punk che costituisce l’essenza del primo album di questo quintetto londinese impressiona per il suo carisma, la sua violenza e la sua originalità. Songs Of Praise suona addirittura come la finta colonna sonora ufficiale di un’Inghilterra grigissima, discretamente frustrata e decisamente sul chi va là. C’è molto dei The Fall, dei Gang Of Four e dei Killing Joke in questo fascio di nervi sonoro, senza tuttavia che la faccenda suoni retrò né tantomeno datata. Proprio come Fat White Family, Ought o Vietnam, gli Shame vivono nel 2018 e si sente! In diretta da Brixton, il cantante Charlie Steen, insieme ai chitarristi Sean Coyle-Smith e Eddie Green, al batterista Charlie Forbes e al bassista Josh Finerty producono e ingabbiano il loro nervosismo simil-viscerale in canzoni che sono come pugni (Dust On Trial), a volte velenose e lancinanti (The Lick), a volte più affabili (One Rizla). Senza vergogna né additivi, gli Shame fanno un rock intransigente. Fin dal primo ascolto di Songs Of Praise il corpo esce tramortito eppure ne vorrete ancora. © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Shame
Ti potrebbe piacere anche...
Imploding The Mirage The Killers
Myopia Agnes Obel
Ghosteen Nick Cave & The Bad Seeds
Nelle Panoramiche...
Soul Music, uno sguardo al passato

Negli ultimi anni, dopo il 2010, parecchie voci fanno rivivere il soul degli anni ’60 e ’70 a colpi di album registrati «alla vecchia maniera». Con Amy Winehouse, Leon Bridges, Sharon Jones, Michael Kiwanuka e Curtis Harding, il groove vintage ha il suo ritorno di fiamma.

Arctic Monkeys, rapina all’inglese

Il quartetto di Sheffield ha abbandonato le sue terre nordiche per scalare le classifiche a colpi di riff incisivi, banane fissate col gel e colpi d’anca assassini. Dopo White Stripes, Libertines e Strokes, gli ex-adolescenti si sono fatti una flebo di rock e messo d’accordo tutti quanti.

Tom Waits, gli anni Asylum

Prima di diventare una specie di Howlin’ Wolf punk da cabaret, il personaggio Tom Waits è nato come autore di canzoni ossessionato dal jazz, dalle melodie di Broadway e dalla Beat Generation di Kerouac. Tra il 1973 e il 1980, il californiano registrerà per l’etichetta Asylum sei album in studio e un live, ripubblicati di recente e rimasterizzati in alta risoluzione a 24 Bit. Retrospettiva sugli inizi caotici e appassionanti del barbone celeste più seducente.

Nel magazine...