Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Taylor Swift - reputation

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

reputation

Taylor Swift

Disponibile in
16-Bit CD Quality 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Il 19 giugno 2006 una tale Taylor Swift pubblica il suo primo singolo intitolato Tim McGraw, omaggio non nascosto al cantante country omonimo. Ai tempi non ha che 17 anni e si preannuncia come una futura potenziale regina del country pop… Ben dieci anni più tardi, regina lo è ma del pop in generale! Smessi gli abiti della cowgirl stile Disney, fa spazio all’icona pop R&B che tocca il vertice delle classifiche ma, soprattutto, riesce ad imporre il suo stile e la sua penna come i canoni contemporanei di questo genere. Con Reputation, la sua corona reale non rischia di caderle dalla testa. Al contrario. Con questo sesto album, Taylor Swift non eguaglia certamente 1989, il suo disco più riuscito pubblicato nel 2014, ma conferma che lei rappresenta questa era come Madonna ha rappresentato gli anni 80/90’. Rimanere da assaporare la cosa per quella che è: del pop da bar con dei ritornelli catchy, la sua potente produzione (la coppia svedese Max Martin/Shellback così come l’americano Jack Antonoff sono ai fornelli) e i suoi testi autobiografici che si destreggiano con l’aaamore, la viiita, la fruuustrazione, la tristeeezza, la feeelicità, ecc… Qui Taylor Swift si apre sui lati negativi legati alla fama, in particolare in i>Call It What You Want, dove precisa che lei non è quella che noi crediamo che sia… Questo eccesso zuccherato si conclude proprio su una ballata al piano ancora più malinconica, New Year’s Day. Alla fine, usciamo da questo Reputation realizzando che la star qui distanzia alla grande Katy Perry, Lady Gaga et Miley Cyrus. © CM/Qobuz

Maggiori informazioni

reputation

Taylor Swift

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 70 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 70 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
...Ready For It?
00:03:28

Max Martin, ComposerLyricist - Shellback, ComposerLyricist - Ali Payami, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

2
End Game
00:04:03

Max Martin, ComposerLyricist - Shellback, ComposerLyricist - Ed Sheeran, FeaturedArtist, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist - Future, FeaturedArtist - Nayvadius Wilburn, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

3
I Did Something Bad
00:03:57

Max Martin, ComposerLyricist - Shellback, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

4
Don’t Blame Me
00:03:54

Max Martin, ComposerLyricist - Shellback, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

5
Delicate
00:03:51

Max Martin, ComposerLyricist - Shellback, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

6
Look What You Made Me Do
00:03:30

Richard Fairbrass, ComposerLyricist - Fred Fairbrass, ComposerLyricist - Rob Manzoli, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist - Jack Antonoff, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

7
So It Goes...
00:03:46

Max Martin, ComposerLyricist - Shellback, ComposerLyricist - Oscar Görres, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

8
Gorgeous
00:03:28

Max Martin, ComposerLyricist - Shellback, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

9
Getaway Car
00:03:52

Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist - Jack Antonoff, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

10
King Of My Heart
00:03:33

Max Martin, ComposerLyricist - Shellback, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

11
Dancing With Our Hands Tied
00:03:30

Max Martin, ComposerLyricist - Shellback, ComposerLyricist - Oscar Holter, ComposerLyricist - Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

12
Dress
00:03:49

Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist - Jack Antonoff, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

13
This Is Why We Can't Have Nice Things
00:03:27

Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist - Jack Antonoff, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

14
Call It What You Want
00:03:23

Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist - Jack Antonoff, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

15
New Year’s Day
00:03:54

Taylor Swift, MainArtist, ComposerLyricist - Jack Antonoff, ComposerLyricist

℗ 2017 Big Machine Label Group, LLC

Descrizione dell'album

Il 19 giugno 2006 una tale Taylor Swift pubblica il suo primo singolo intitolato Tim McGraw, omaggio non nascosto al cantante country omonimo. Ai tempi non ha che 17 anni e si preannuncia come una futura potenziale regina del country pop… Ben dieci anni più tardi, regina lo è ma del pop in generale! Smessi gli abiti della cowgirl stile Disney, fa spazio all’icona pop R&B che tocca il vertice delle classifiche ma, soprattutto, riesce ad imporre il suo stile e la sua penna come i canoni contemporanei di questo genere. Con Reputation, la sua corona reale non rischia di caderle dalla testa. Al contrario. Con questo sesto album, Taylor Swift non eguaglia certamente 1989, il suo disco più riuscito pubblicato nel 2014, ma conferma che lei rappresenta questa era come Madonna ha rappresentato gli anni 80/90’. Rimanere da assaporare la cosa per quella che è: del pop da bar con dei ritornelli catchy, la sua potente produzione (la coppia svedese Max Martin/Shellback così come l’americano Jack Antonoff sono ai fornelli) e i suoi testi autobiografici che si destreggiano con l’aaamore, la viiita, la fruuustrazione, la tristeeezza, la feeelicità, ecc… Qui Taylor Swift si apre sui lati negativi legati alla fama, in particolare in i>Call It What You Want, dove precisa che lei non è quella che noi crediamo che sia… Questo eccesso zuccherato si conclude proprio su una ballata al piano ancora più malinconica, New Year’s Day. Alla fine, usciamo da questo Reputation realizzando che la star qui distanzia alla grande Katy Perry, Lady Gaga et Miley Cyrus. © CM/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

A Love Supreme

John Coltrane

A Love Supreme John Coltrane

The Black Saint And The Sinner Lady

Charles Mingus

Prokofiev: Piano Concerto No.3 / Ravel: Piano Concerto In G Major

Martha Argerich

The Blues And The Abstract Truth

Oliver Nelson

Altro su Qobuz
Di Taylor Swift

Fearless (Taylor's Version)

Taylor Swift

Folklore (Explicit)

Taylor Swift

Folklore (Explicit) Taylor Swift

evermore (Explicit)

Taylor Swift

evermore (Explicit) Taylor Swift

folklore (deluxe version - explicit)

Taylor Swift

Lover

Taylor Swift

Lover Taylor Swift

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...

Butter (Instrumental)

BTS

Random Access Memories (Hi-Res Version)

Daft Punk

Film out

BTS

Film out BTS

Pick Me Up Off The Floor

Norah Jones

Chemtrails Over The Country Club

Lana Del Rey

Nelle Panoramiche...
Il jazz del nord, terre di fusione (II)

L'attuale scena jazz si nutre ogni anno di un gran numero di nuovi artisti provenienti dai paesi scandinavi. La nuova era dell'industria musicale (il formato digitale, il download e lo streaming) ha portato il suono delle lontane latitudini del nord al centro stesso dell'avanguardia musicale.

E i Nirvana uccisero il rock

Trentaquattro anni fa nascevano i Nirvana: la deriva punk più inattesa del XX secolo. Una carriera stellare, hit internazionali, orde di fan ed un tragico epilogo per questo fenomeno mondiale. E se la band di Kurt Cobain fosse l’ultima nella storia del rock? Un fenomeno capace di unire una generazione, forse l'ultimo mito del suo genere.

Uno sguardo sul flamenco odierno

Il flamenco sta vivendo un grande momento nella scena musicale spagnola. Nuove voci convivono con figure consacrate di di quest'arte, allargando di giorno in giorno le frontiere di una musica che da sempre nasce dalle emozioni più profonde...

Nel magazine...