Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Mogwai - KIN

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

KIN

Mogwai

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Prodotto dagli stessi nomi a cui si deve Stranger Things, la serie di successo di Netflix, Kin è un road movie postmoderno che mescola elementi del thriller psichedelico, rimandi alla fantascienza di James Cameron (in particolare a Terminator) e cinema sociale. Il film narra una fuga attraverso gli Stati Uniti in seguito alla scoperta di un’arma futurista da parte di un adolescente di Detroit. Data l’atipicità del progetto, i registi Josh e Jonathan Baker non si sono rivolti a un «professionista» di colonne sonore, bensì ai Mogway, gruppo post-rock che firma la sua prima musica per un film di finzione. La partitura di Kin rispecchia l’indole del film: fuori norma e inafferrabile. Dopo un tema principale lento, strano e delicato (Eli’s Theme), la musica si fa sempre più drammatica (Scrap) e possente (la sublime Flee). Sostenuta da un pianoforte accompagnato da suoni elettronici, batteria e chitarre sature, la soundtrack del gruppo scozzese gioca la carta di una musica sognante che lascia trapelare la nostalgia sottesa (soprattutto quella di un cinema finito) che i fratelli Baker distillano per tutto il film. Tra gli altri momenti forti dell’album, si citano Donuts, piccolo capolavoro di oltre sei minuti in cui i membri dei Mogwai sfoggiano tutto il loro talento nell’arte del crescendo atmosferico. L’album (e il film) si chiude con We’re Not Done, una canzone in cui è questione di «combattere il passato» («Fight against the past»), il che getta forse nuova luce sull’ossessione che i registi nutrono per il cinema retrò. Accompagnata da una fantasmagoria decisamente lugubre, questa sacralizzazione dell’estetica anni ’80 non è in fondo una forma di esorcismo di cui i nostri (e molti altri cineasti della loro generazione) cercano di liberarsi? © Nicolas Magenham/Qobuz

Maggiori informazioni

KIN

Mogwai

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Eli's Theme 00:03:22

Tony Doogan, Mixer - Mogwai, Composer, Lyricist, Producer, Artist, MainArtist - A Lion Music (ASCAP), MusicPublisher

2018 Summit Entertainment, LLC 2018 Summit Entertainment, LLC

2
Scrap 00:02:50

Tony Doogan, Mixer - Mogwai, Composer, Lyricist, Producer, Artist, MainArtist - A Lion Music (ASCAP), MusicPublisher

2018 Summit Entertainment, LLC 2018 Summit Entertainment, LLC

3
Flee 00:04:56

Tony Doogan, Mixer - Mogwai, Composer, Lyricist, Producer, Artist, MainArtist - A Lion Music (ASCAP), MusicPublisher

2018 Summit Entertainment, LLC 2018 Summit Entertainment, LLC

4
Funeral Pyre 00:03:18

Tony Doogan, Mixer - Mogwai, Composer, Lyricist, Producer, Artist, MainArtist - A Lion Music (ASCAP), MusicPublisher

2018 Summit Entertainment, LLC 2018 Summit Entertainment, LLC

5
Donuts 00:06:23

Tony Doogan, Mixer - Mogwai, Composer, Lyricist, Producer, Artist, MainArtist - A Lion Music (ASCAP), MusicPublisher

2018 Summit Entertainment, LLC 2018 Summit Entertainment, LLC

6
Miscreants 00:03:05

Tony Doogan, Mixer - Mogwai, Composer, Lyricist, Producer, Artist, MainArtist - A Lion Music (ASCAP), MusicPublisher

2018 Summit Entertainment, LLC 2018 Summit Entertainment, LLC

7
Guns Down 00:06:19

Tony Doogan, Mixer - Mogwai, Composer, Lyricist, Producer, Artist, MainArtist - A Lion Music (ASCAP), MusicPublisher

2018 Summit Entertainment, LLC 2018 Summit Entertainment, LLC

8
KIN 00:07:17

Tony Doogan, Mixer - Mogwai, Composer, Lyricist, Producer, Artist, MainArtist - A Lion Music (ASCAP), MusicPublisher

2018 Summit Entertainment, LLC 2018 Summit Entertainment, LLC

9
We're Not Done (End Title) 00:04:14

Tony Doogan, Mixer - Mogwai, Composer, Lyricist, Producer, Artist, MainArtist - A Lion Music (ASCAP), MusicPublisher

2018 Summit Entertainment, LLC 2018 Summit Entertainment, LLC

Descrizione dell'album

Prodotto dagli stessi nomi a cui si deve Stranger Things, la serie di successo di Netflix, Kin è un road movie postmoderno che mescola elementi del thriller psichedelico, rimandi alla fantascienza di James Cameron (in particolare a Terminator) e cinema sociale. Il film narra una fuga attraverso gli Stati Uniti in seguito alla scoperta di un’arma futurista da parte di un adolescente di Detroit. Data l’atipicità del progetto, i registi Josh e Jonathan Baker non si sono rivolti a un «professionista» di colonne sonore, bensì ai Mogway, gruppo post-rock che firma la sua prima musica per un film di finzione. La partitura di Kin rispecchia l’indole del film: fuori norma e inafferrabile. Dopo un tema principale lento, strano e delicato (Eli’s Theme), la musica si fa sempre più drammatica (Scrap) e possente (la sublime Flee). Sostenuta da un pianoforte accompagnato da suoni elettronici, batteria e chitarre sature, la soundtrack del gruppo scozzese gioca la carta di una musica sognante che lascia trapelare la nostalgia sottesa (soprattutto quella di un cinema finito) che i fratelli Baker distillano per tutto il film. Tra gli altri momenti forti dell’album, si citano Donuts, piccolo capolavoro di oltre sei minuti in cui i membri dei Mogwai sfoggiano tutto il loro talento nell’arte del crescendo atmosferico. L’album (e il film) si chiude con We’re Not Done, una canzone in cui è questione di «combattere il passato» («Fight against the past»), il che getta forse nuova luce sull’ossessione che i registi nutrono per il cinema retrò. Accompagnata da una fantasmagoria decisamente lugubre, questa sacralizzazione dell’estetica anni ’80 non è in fondo una forma di esorcismo di cui i nostri (e molti altri cineasti della loro generazione) cercano di liberarsi? © Nicolas Magenham/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Mogwai

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Pedro Almodóvar in the groove

PresPedro Almodóvar ha sempre attribuito un ruolo fondamentale alla musica dei suoi film, che sia attraverso la scelta di brani preesistenti o di composizioni originali. Riprendendo la battuta di uno dei suoi primi film, egli conferma dunque che «è la musica a sostenere la verità sulla vita».

Tim Burton in 10 album

Che si tratti di riprese reali o di stop motion, Tim Burton ha costruito in oltre 30 anni un mondo cinematografico in cui meraviglia e poesia si sposano allo stile gotico e ad uno humor macabro. Con poche eccezioni, è il compositore Danny Elfman a fargli da spalla in questa avventura. Senza le immagini di Burton, la musica di Elfman non avrebbe lo stesso sapore, e viceversa. Lo hanno dimostrato ancora una volta nel 2019 con il travolgente Dumbo.

Bernard Herrmann e Alfred Hitchcock: una coppia quasi perfetta

Dal 1955 al 1966 il regista Alfred Hitchcock e il compositore Bernard Herrmann hanno lavorato insieme in una serie di capolavori come Psyco o Intrigo internazionale. Una collaborazione tanto eccezionale quanto turbolenta…

Nel magazine...