Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Various Artists - We Out Here

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

We Out Here

Various Artists

Libretto digitale

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, subscribe to Sublime+

Ed eccoci di nuovo: London Calling! Ma questa volta l’invito non arriva dalle viscere affamate del rock’n’roll ma piuttosto da quelle del jazz. Un jazz che possiamo solo classificare come speciale, tanto che la giovane scena londinese che si concentra su questo We Out Here è un melange di influenze multicolori, che va dal soul all’afrobeat, dalla fusion all’elettronica. Per concentrarsi su questa nuova generazione, Brownswood Recordings, l’etichetta di Gilles Peterson, ha affidato la direzione artistica dell’album al più noto dei partecipanti: il sassofonista Shabaka Hutchings. Registrato in tre giorni, i musicisti e i gruppi selezionati rappresentano il jazz più nello spirito che nella forma.

Così il batterista Jake Long e il suo gruppo Maisha giocano ai maestri vudù stile Pharoah Sanders. L’afrobeat di Fela serve come nutrimento all’Ezra Collective del batterista Femi Koleoso, ma anche al gruppo Kokoroko. Mentre un altro ha le bacchette, il carismatico Moses Boyd avvolge il suo ritmo in un loop elettronico sapientemente ipnotico, prima di ritornare sulla strada di un jazz libertario e frizzante.

Questo Qobuzissimo colorato come non mai è anche Theon Cross, impressionante maratoneta della tuba (e, inoltre, compagno di Shabaka Hutchings a capo dei Sons Of Kemet), Nubya Garcia, una sassofonista caratterizzata dal lirismo di Charles Lloyd, o ancora Joe Armon-Jones, uno scienziato pazzo delle tastiere che conosce il suo Herbie Hancock come le sue tasche… Con We Out Here, la nuova scena jazz londinese firma un manifesto tanto dinamico quanto eclettico. © MZ/Qobuz

Maggiori informazioni

We Out Here

Various Artists

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 60 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 60 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Inside the Acorn
Maisha
00:05:55

Maisha, Performer - Jake Long, Composer, Writer

2017 2017

2
Pure Shade
Ezra Collective
00:06:33

Ezra Collective, Performer - Femi Koleoso, Composer, Writer - TJ Koleoso, Composer, Writer - Dylan Jones, Composer, Writer - Joe Armon-Jones, Composer, Writer - James Mollison, Composer, Writer

2017 2017

3
The Balance
Moses Boyd
00:05:43

Moses Boyd Ensemble, Performer - Moses Boyd, Composer, Writer

2017 2017

4
Brockley
Theon Cross
00:03:36

Theon Cross, Composer, Performer, Writer

2017 2017

5
Once
Nubya Garcia
00:05:29

Nubya Garcia, Composer, Performer, Writer

2017 2017

6
Black Skin, Black Masks
Shabaka Hutchings
00:07:02

Shabaka Hutchings, Composer, Performer, Writer

2017 2017

7
Walls
Triforce
00:05:25

Triforce, Performer - Dominic Canning, Composer, Writer - Mansur Brown, Composer, Writer - Ricco Komolafe, Composer, Writer - Benjamin Appiah, Composer, Writer

2017 2017

8
Go See
Joe Armon-Jones
00:07:42

Joe Armon-Jones, Arranger, Composer, Performer, Writer

2017 2017

9
Abusey Junction
Kokoroko
00:07:09

Kokoroko, Performer - Oscar Jerome, Arranger, Composer, Writer

2017 2017

Descrizione dell'album

Ed eccoci di nuovo: London Calling! Ma questa volta l’invito non arriva dalle viscere affamate del rock’n’roll ma piuttosto da quelle del jazz. Un jazz che possiamo solo classificare come speciale, tanto che la giovane scena londinese che si concentra su questo We Out Here è un melange di influenze multicolori, che va dal soul all’afrobeat, dalla fusion all’elettronica. Per concentrarsi su questa nuova generazione, Brownswood Recordings, l’etichetta di Gilles Peterson, ha affidato la direzione artistica dell’album al più noto dei partecipanti: il sassofonista Shabaka Hutchings. Registrato in tre giorni, i musicisti e i gruppi selezionati rappresentano il jazz più nello spirito che nella forma.

Così il batterista Jake Long e il suo gruppo Maisha giocano ai maestri vudù stile Pharoah Sanders. L’afrobeat di Fela serve come nutrimento all’Ezra Collective del batterista Femi Koleoso, ma anche al gruppo Kokoroko. Mentre un altro ha le bacchette, il carismatico Moses Boyd avvolge il suo ritmo in un loop elettronico sapientemente ipnotico, prima di ritornare sulla strada di un jazz libertario e frizzante.

Questo Qobuzissimo colorato come non mai è anche Theon Cross, impressionante maratoneta della tuba (e, inoltre, compagno di Shabaka Hutchings a capo dei Sons Of Kemet), Nubya Garcia, una sassofonista caratterizzata dal lirismo di Charles Lloyd, o ancora Joe Armon-Jones, uno scienziato pazzo delle tastiere che conosce il suo Herbie Hancock come le sue tasche… Con We Out Here, la nuova scena jazz londinese firma un manifesto tanto dinamico quanto eclettico. © MZ/Qobuz

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Blue Train John Coltrane
A Love Supreme John Coltrane
Chopin : Piano Concertos Benjamin Grosvenor
Altro su Qobuz
Di Various Artists

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Miles Davis, le dita nella presa

Nel 1968 Miles Davis si fa sedurre dalla fata elettricità. Stregato dalle rivoluzioni psichedeliche e funky di Jimi Hendrix e Sly Stone, il trombettista compie la sua metamorfosi e, con lui, si compie anche quella del jazz.

Il quartetto americano di Keith Jarrett

Keith Jarrett passò i primi sette anni della sua intensa carriera a sperimentare a più non posso a capo del quartetto americano che formava insieme a Charlie Haden, Paul Motian e Dewey Redman. Tra il 1971 e il 1976, il pianista dirigerà una specie di laboratorio matto in cui cozzeranno jazz, free puro, world e avanguardia. Una parentesi spontanea che merita di essere riscoperta.

Kamasi Washington, il sax degli Angeli

Dopo un triplo album che lo ha piazzato in cima alle classifiche, eccolo di ritorno con un doppio! Kamasi Washington intriga e affascina non solo i patiti di jazz… Al fianco di Kendrick Lamar e Snoop Dogg, ma soprattutto a capo del collettivo West Coast Get Down, il carismatico sassofonista di Los Angeles porta una ventata di follia sulla scena jazz contemporanea.

Nel magazine...