Artisti simili

Gli album

14,99 €
9,99 €

Trii - Uscito il 01 settembre 2017 | BIS

Hi-Res Libretto Riconoscimenti Diapason d'or - Choc de Classica - 5 Sterne Fono Forum Klassik - Preis der deutschen Schallplattenkritik
C’è un abisso fra il Trio per archi n.1 di Hindemith, composto nel 1924 «sul treno», come specificava il compositore stesso nel proprio catalogo, e il Trio per archi n.2 del 1933. Se il primo presenta ancora alcuni dei suoi implacabili elementi ritmici e tematici, quasi alla Prokofiev, il secondo dipana il suo linguaggio contrappuntistico e ultra-sofisticato come fosse una dolce tela lirica (con un pizzico di humour qua e là), quale si conosce dell’ultimo Hindemith. E c’è un abisso anche fra i trio di Hindemith e quello di Schönberg, concepito nel 1946, poco dopo che il compositore rischiò di morire di infarto. L’argomento tematico è sì una serie dodecafonica, ma dopo qualche attimo di adattamento, è impossibile non cogliere la miriade di piccole increspature tonali, armoniose, abilmente celate sotto la struttura. Il compositore avrebbe dichiarato che l’opera era «una descrizione della sua malattia», certamente con una buona dose di umorismo nero. Thomas Mann sosteneva che Schönberg gli avrebbe detto di aver tessuto segretamente la propria cura, l’infermiere e tutto il resto. Hanns Eisler, dal canto suo, credeva di aver individuato gli accordi che rappresentavano le iniezioni…  Ahi! Insomma, tipico di Schönberg. Il Trio Zimmermann è composto da tre grandi solisti di levatura internazionale: il violinista Frank Peter Zimmermann, il violista Antoine Tamestit e il violoncellista Christian Poltéra. E suonano tutti e tre degli Stradivari, scusate se è poco. © SM/Qobuz
9,99 €

Musica da camera - Uscito il 06 dicembre 2011 | BIS

Libretto Riconoscimenti Diapason d'or de l'année - Diapason d'or - Choc de Classica
9,99 €

Trii - Uscito il 06 maggio 2014 | BIS

Libretto Riconoscimenti Diapason d'or - 4 étoiles de Classica
14,99 €
9,99 €

Musica da camera - Uscito il 07 giugno 2019 | BIS

Hi-Res Libretto