Il vostro carrello è vuoto

Categorie :

Artisti simili

Gli album

A partire da:
HI-RES30,99 €
CD21,99 €

Rock - Uscito il 01 gennaio 2013 | SMASHING PUMPKINS - DEAL #2 DIGITAL

Hi-Res Riconoscimenti HD Audio
A partire da:
CD13,99 €

Rock - Uscito il 27 luglio 1993 | Virgin Records

Riconoscimenti La discoteca ideale Qobuz
While Gish had placed the Smashing Pumpkins on the "most promising artist" list for many, troubles were threatening to break the band apart. Singer/guitarist/leader Billy Corgan was battling a severe case of writer's block and was in a deep state of depression brought on by a relationship in turmoil; drummer Jimmy Chamberlin was addicted to hard drugs; and bassist D'Arcy and guitarist James Iha severed their romantic relationship. The sessions for their sophomore effort, Siamese Dream, were wrought with friction -- Corgan eventually played almost all the instruments himself (except for percussion). Some say strife and tension produces the best music, and it certainly helped make Siamese Dream one of the finest alt-rock albums of all time. Instead of following Nirvana's punk rock route, Siamese Dream went in the opposite direction -- guitar solos galore, layered walls of sound courtesy of the album's producers (Butch Vig and Corgan), extended compositions that bordered on prog rock, plus often reflective and heartfelt lyrics. The four tracks that were selected as singles became alternative radio standards -- the anthems "Cherub Rock," "Today," and "Rocket," plus the symphonic ballad "Disarm" -- but as a whole, Siamese Dream proved to be an incredibly consistent album. Such compositions as the red-hot rockers "Quiet" and "Geek U.S.A." were standouts, as were the epics "Hummer," "Soma," and "Silverfuck," plus the soothing sounds of "Mayonaise," "Spaceboy," and "Luna." After the difficult recording sessions, Corgan stated publicly that if Siamese Dream didn't achieve breakthrough success, he would end the band. He didn't have to worry for long -- the album debuted in the Billboard Top Ten and sold more than four million copies in three years. Siamese Dream stands alongside Nevermind and Superunknown as one of the decade's finest (and most influential) rock albums. © Greg Prato /TiVo
A partire da:
CD26,49 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 01 gennaio 2012 | Virgin Records

Libretto Riconoscimenti La discoteca ideale Qobuz
A partire da:
HI-RES31,99 €
CD27,99 €
CYR

Rock - Uscito il 27 novembre 2020 | Sumerian Records

Hi-Res
Gli Smashing Pumpkins non vogliono perdere altro tempo. La band di Billy Corgan, finalmente ricomposta, aveva pubblicato il brevissimo Shiny & Oh So Bright Vol.1 nel 2018. Il primo album in studio in 18 anni. Cyr è concepito come il suo seguito, e lo si può capire già dalla sua copertina, anche questa ad opera dello studio TNSN DVSN. Naturalmente, degli Smashing Pumpkins periodo Siamese Dream e Mellon Collie & The Infinite Sadness, rimangono solo il batterista Jimmy Chamberlin e il chitarrista James Iha, mentre la bassista D’arcy Wretzky e Corgan non si sono ancora riconciliati. Ed è probabile che non succederà mai. Se l’album della ricomposizione prodotto da Rick Rubin ci ha riporati alla loro età dell’oro alternativa, Cyr, la loro nuova opera, è caratterizzata da un pop molto più fresco, per un semplice motivo.“Quando mi veniva detto che la mia musica non è contemporanea, non riuscivo a sopportarlo”, dice il frontman della band. In questo doppio album, lungo venti tracce, Corgan ha voluto mettere in risalto i synth e i cori femminili. Fin dall’incipit, fanno pensare alla band canadese TR/ST (Sulk) e il loro dark pop dalla cassa martellante. La formula utilizzata nei brani è abbastanza ripetitiva (e qualcuno potrebbe trovarlo ridondante), tranne che su Wyttch, caratterizzata da chitarre più heavy, su Save Your Tears con il suo organo, o su Purple Blood e i suoi toni chiari/scuri. Questo singolare doppio album, a differenza di Mellon Collie, dimostra - se ce ne fosse bisogno - che Billy Corgan si sente molto più a suo agio quando è circondato dagli Smashing Pumpkins originali © Charlotte Saintoin/Qobuz
A partire da:
CD69,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 01 gennaio 2012 | Virgin Records

Libretto
A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 01 gennaio 2001 | Virgin Records

A partire da:
CD97,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 01 gennaio 2013 | SMASHING PUMPKINS - DEAL #1 DIGITAL

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 29 febbraio 2000 | Virgin Records

A partire da:
CD23,49 €

Rock - Uscito il 01 gennaio 2011 | Virgin Records

Libretto
A partire da:
CD13,99 €

Rock - Uscito il 01 gennaio 2012 | Virgin Records

Libretto
A partire da:
CD19,49 €

Rock - Uscito il 01 gennaio 2012 | Virgin Records

Libretto
A partire da:
CD9,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 16 novembre 2018 | Napalm Records Handels GmbH

Gli Smashing Pumpkins si «riformano». Tra virgolette. Nella storia dolorosa del quartetto nato a Chicago nel 1988 e portato avanti con determinazione dal carismatico ma calvo Bill Corgan, hanno definitivamente perso D’Arcy Wretzky, la loro bassista biondo platino. L’unica che non cederà alla richiesta di riformazione da parte del capo. Malgrado la cinquantina passata, i rancori restano ancora vivi. Degli Smashing Pumpkins degli esordi, soltanto Jimmy Chamberlin (batteria)– sempre fedele al proprio incarico– e James Iha (chitarra)– più sorprendente– hanno ceduto a Corgan. Al quale si aggiunge Jeff Schroeder alla chitarra e alle tastiere arrivato a metà cammino. Chamberlin, Iha, Corgan, sul palco come nel disco, è da 18 anni che non li vedevamo così. Ed è forse il motivo per cui questo album dal titolo oscuro ricorda tantissimo gli anni ’90 e quel riuscitissimo album: Mellon Collie And The Infinite Sadness. Questa volta, la storia è semplice. «Ci siamo semplicemente detti: abbassiamo la testa e suoniamo », spiega Corgan. Inizialmente, il cantante vuole soltanto mettere su una traccia. Ne proporranno invece sedici ad un Rick Rubin talmente preso che il famoso produttore vorrà farne un disco. Due settimane dopo, il tutto viene registrato nei suoi Shangri La Studios di Malibu. Otto tracce, 31 minuti. Un condensato folgorante di grunge anni 90’(Solara, Silvery Sometimes), di heavy metal con le chitarre stridenti di Marchin’ On, ma anche di rock più mistico e orchestrale con le corde e i cori di Knights Of Malta o la tastiera di Alienation. Dell’ottimo Smashing Pumkins, insomma. ©Charlotte Saintoin/Qobuz
A partire da:
HI-RES14,49 €
CD12,49 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 08 dicembre 2014 | BMG Rights Management (US) LLC

Hi-Res Libretto
As he set to work on Monuments to an Elegy, the second "album within an album" within the larger Teargarden by Kaleidyscope project, Billy Corgan slowly whittled down Smashing Pumpkins to himself and guitarist Jeff Schroeder. This narrowing of the group -- the duo is supported by the hired hand of Mötley Crüe's drummer Tommy Lee -- ultimately doesn't matter much because ever since the Pumpkins' 2007 comeback, the secret of Corgan's complete control of the group was out in the open. More than either Zeitgeist or Oceania, both of which traded in the surging six-strings of Siamese Dream, Monuments to an Elegy feels like a Corgan solo project and not just because this percolates with analog synthesizers straight out of The Future Embrace. Monuments stitches together all of Corgan's obsessions -- thick sheets of guitars, 4AD space rock, delicate acoustica, Commodore 64 synthesizers, a fondness for both noise and beauty -- but there is an ease to the album that not only feels self-reflective but also rather mature. Usually, when Corgan covers this much ground it was with the express intent to dazzle, but here his attitude is almost casual as he slides from the volcanic "One and All" to the exquisitely sculpted new wave of "Dorian," stopping for a respite of disco on "Anaise!" The breadth impresses and it resonates stronger because he's funneled all these sounds and textures into a tight nine-song album that lasts barely over a half-hour. For an artist who has fervently believed more is indeed more, this restraint is thoroughly appealing and helps showcase his craft in surprising -- and, yes, sometimes dazzling -- ways. © Stephen Thomas Erlewine /TiVo
A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 18 giugno 2012 | Martha’s Music, LLC

Following up on, and in many ways amending, much of the bombastic overcompensation of 2007's Zeitgeist, Smashing Pumpkins 2012 release Oceania is an exuberant, gloriously melodic, fluid return to form for Billy Corgan. While Zeitgeist certainly contained many of the elements that make for a classic Smashing Pumpkins release -- including slabs of distorted guitars, passionate vocals, and poetic lyrics, not to mention drummer Jimmy Chamberlin, who was the sole remaining original member besides Corgan and who subsequently left the band -- there was something cold and perhaps a bit too calculated about the production. Ultimately, Zeitgeist didn't do much to dissuade audiences that Corgan, undeniably the mastermind behind the best Pumpkins work, was now overvaluing his abilities in an attempt to recapture fans disillusioned by his various side projects. Thankfully, none of these concerns are applicable to Oceania. Ostensibly an "album within an album" of the greater 44-track Teargarden by Kaleidyscope concept project, Oceania works as a stand-alone album. Conceptual conceits aside, these are some of the most memorable and rousing songs Corgan has delivered since 1993's Siamese Dream, the album that Oceania most closely mirrors in tone and aesthetic. Which isn't to say that Corgan is treading old ground; on the contrary, there is something fresh and inspired about the songs on Oceania. Admittedly, kicking the album off with the heavy psychedelic acid rock groove of "Quasar" -- in which Corgan croons several EST-era-style affirmations including, "God right on! Krishna right on! Mark right on!" -- is a move that almost begs comparisons to Smashing Pumpkins' euphoria-inducing 1991 single "Siva." A similar sentiment comes to mind with the latter album rocker "The Chimera," a classic rock-sounding groover that sparkles with crisscross laser-beam guitar lines recalling the jewel-toned guitar heroics of Queen's Brian May. But these are welcome comparisons, born out of Corgan finally delivering a gorgeous and cohesive set of songs that balance some his more arch, cerebral inclinations with his generously romantic and sweepingly cinematic gift for revelatory guitar rock. Elsewhere, we get the soaring "Panopticon" and the minor-key, prog rock-inflected drama of "Violet Rays." However, Oceania is perhaps best represented by the euphoric mid-album ballad "Pinwheels." Starting with a repeated keyboard line and building to swells of acoustic and electric guitar before settling into one of the most swoon-worthy melodic anthems Corgan has ever written, "Pinwheels," much like the rest of Oceania, is a masterpiece of pop songcraft and rock production. As Corgan croons on the song's chorus, "Sister soul, lovers of the tune, sing!/I got you/I got you." On Oceania, the Smashing Pumpkins definitely have us. © Matt Collar /TiVo
A partire da:
CD4,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 09 marzo 2016 | Doxy Records

A partire da:
CD9,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 19 aprile 2021 | Cult Legends

A partire da:
CD4,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 09 marzo 2016 | Doxy Records

A partire da:
CD9,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 16 novembre 2018 | Napalm Records Handels GmbH

Gli Smashing Pumpkins si «riformano». Tra virgolette. Nella storia dolorosa del quartetto nato a Chicago nel 1988 e portato avanti con determinazione dal carismatico ma calvo Bill Corgan, hanno definitivamente perso D’Arcy Wretzky, la loro bassista biondo platino. L’unica che non cederà alla richiesta di riformazione da parte del capo. Malgrado la cinquantina passata, i rancori restano ancora vivi. Degli Smashing Pumpkins degli esordi, soltanto Jimmy Chamberlin (batteria)– sempre fedele al proprio incarico– e James Iha (chitarra)– più sorprendente– hanno ceduto a Corgan. Al quale si aggiunge Jeff Schroeder alla chitarra e alle tastiere arrivato a metà cammino. Chamberlin, Iha, Corgan, sul palco come nel disco, è da 18 anni che non li vedevamo così. Ed è forse il motivo per cui questo album dal titolo oscuro ricorda tantissimo gli anni ’90 e quel riuscitissimo album: Mellon Collie And The Infinite Sadness. Questa volta, la storia è semplice. «Ci siamo semplicemente detti: abbassiamo la testa e suoniamo », spiega Corgan. Inizialmente, il cantante vuole soltanto mettere su una traccia. Ne proporranno invece sedici ad un Rick Rubin talmente preso che il famoso produttore vorrà farne un disco. Due settimane dopo, il tutto viene registrato nei suoi Shangri La Studios di Malibu. Otto tracce, 31 minuti. Un condensato folgorante di grunge anni 90’(Solara, Silvery Sometimes), di heavy metal con le chitarre stridenti di Marchin’ On, ma anche di rock più mistico e orchestrale con le corde e i cori di Knights Of Malta o la tastiera di Alienation. Dell’ottimo Smashing Pumkins, insomma. ©Charlotte Saintoin/Qobuz
A partire da:
CD9,99 €

Rock - Uscito il 11 novembre 2019 | BBM

A partire da:
CD12,49 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 08 dicembre 2014 | BMG Rights Management (US) LLC

L'interprete

The Smashing Pumpkins nella rivista
  • Smashing Pumpkins, virata pop
    Smashing Pumpkins, virata pop Con “Cyr”, Billy Corgan e i suoi compagni fanno emergere i synth e i cori femminili, per un album molto più pop del solito...