Il vostro carrello è vuoto

Categorie :

Artisti simili

Gli album

A partire da:
CD16,59 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 22 novembre 2010 | 4AD

A partire da:
HI-RES17,49 €
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 17 maggio 2019 | 4AD

Hi-Res Riconoscimenti 4F de Télérama
Questo ottavo album dei The National è piacevolmente diverso, in qualche modo modifica la meccanica ben oliata di questa band americana. Innanzitutto, la presenza di diverse cantanti a supporto del leader Matt Berninger sulla maggior parte delle tracce rende l'impresa più facile. Le più memorabili sono le esibizioni di Gail Ann Dorsey (bassista di David Bowie) su Had Your Soul With You, così come le performance particolarmente toccanti di Lisa Hannigan e Mina Tindle su So Far So East e Oblivions rispettivamente, quest'ultima particolarmente commovente. Perché questa improvvisa presenza femminile per una band esclusivamente maschile? È probabile che sia a causa del fatto che l'album è stato concepito dopo che il regista Mike Mills ha chiesto ai The National di trasformare in canzone il suo cortometraggio I Am Easy to Find – film incentrato su una figura femminile. È questa relazione tra musica e immagine che ha in qualche modo rovesciato la formula pop della band di Brooklyn. Ci sono alcuni riferimenti ad alcuni classici del cinema, principalmente Roman Holiday di William Wyler (1953).Ma a parte questa novità cinematografica, i fan dei The National troveranno ancora la leggendaria malinconia del gruppo sia nei testi che nella musica, quelle corde strazianti su tutte i brani (ad eccezione degli staccato di violino su Where Is Her Head) e un pianoforte introspettivo ricorrente (in particolare nella bellissima Light Years) saltano all’occhio fin da subito. I singolari ritmi di Bryan Devendorf che gioca sui contrasti, con occasionali battute sorprendenti (Rylan, The Pull of You) che aggiungono un tocco sensuale all’insieme del disco (Hairpin Turns, I Am Easy to Find). © Nicolas Magenham / Qobuz
A partire da:
HI-RES17,49 €
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 20 maggio 2013 | 4AD

Hi-Res
A partire da:
HI-RES17,49 €
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 08 settembre 2017 | 4AD

Hi-Res
A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 22 maggio 2007 | Beggars Banquet

The National don't do anything radically different on Boxer, but then again, they don't really need to: their literate, quietly anthemic take on indie rock seemed to have arrived fully formed on their 2001 self-titled debut. Boxer just hones in even more precisely and intimately on the heartfelt territory the band covers, with punchy-yet-polished production and orchestration by the Clogs' Padma Newsome giving these songs an intimacy and widescreen expansiveness that rivals the Arcade Fire. The album's first four songs are among the National's finest work yet: "Fake Empire" begins as a dead-of-night ballad that echoes Leonard Cohen, then peppy brass and guitars turn it into something joyous. The brooding "Mistaken for Strangers" touches on the side of the band that could be mistaken for a more hopeful Joy Division, if lyrics like "You wouldn't want an angel watching over you?/Surprise surprise, they wouldn't want to watch" can be counted as hopeful. "Brainy," a borderline obsessive love song, shows off the remarkable, dark chocolate richness of Matt Berninger's vocals and how well they complement the band's occasionally bookish lyrics, while "Squalor Victoria" makes the most of Newsome's lavish string arrangements. The rest of Boxer is subtler, but no less accomplished, with each song supporting the other as a classic album should. "Apartment Story"'s hypnotic chug and "Slow Show"'s witty, knowing affection make them standouts, while the graceful, regretful "Ada" plays more like a short story than a song. As focused as it is ambitious, Boxer is riveting. © Heather Phares /TiVo
A partire da:
HI-RES17,49 €
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 13 luglio 2018 | 4AD

Hi-Res
Nati nell’Ohio nel 1999, i National sono formati da Matt Berninger e dai fratelli Dessner e Devendorf. Nel 2007, il gruppo pubblicava il suo quarto album, nonché uno dei più importanti della sua carriera: Boxer. Undici anni dopo, rende omaggio a quel disco con questo live registrato a Bruxelles in cui interpreta la totalità dei brani in esso contenuti. In origine, il live avrebbe dovuto uscire solo sotto forma di vinile per il Record Store Day. Ma su grande richiesta, i National hanno scelto di pubblicarlo anche in versione ufficiale. Fedele alla prima versione, il gruppo ha conservato più o meno la stessa immagine per la copertina, una foto di loro mentre suonano al matrimonio del produttore Peter Katis. Il quintetto ci regala qui una performance perfetta dalla A alla Z davanti a un pubblico reattivo e caloroso. Il disco si apre su Fake Empire, una piccola prodezza musicale di cui non si può che amare quel suo aspetto destrutturato, soprattutto nell’uso delle tastiere pop che suonano in controtempo rispetto alla voce di Berninger. L’alchimia è flagrante in Brainy, dove chitarre, bassi e batteria si armonizzano perfettamente in una sorta di tenzone musicale. Fino all’ultima canzone, Gospel, si opera una specie di incantesimo, soprattutto per via del contrasto di quella voce grave che canta su una melodia intensa e leggera. © Anna Coluthe/Qobuz
A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 20 maggio 2013 | 4AD

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 11 aprile 2005 | Beggars Banquet

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 11 maggio 2010 | 4AD

The National have worn a lot of hats since their 2001 debut, but they’ve never been able to shake the rural, book-smart, quiet malevolence of the Midwest. The Brooklyn-groomed, Ohio-bred indie rock quintet’s fifth full-length album navigates that lonely dirt road where swagger meets desperation like a seasoned tour guide, and while it may take a few songs to get going, there are treasures to be found for patient passengers. The National's profile rose considerably after 2007’s critically acclaimed The Boxer, and they have used that capital to craft a flawed gem of a record that highlights their strengths and weaknesses with copious amounts of red ink. High Violet oozes atmosphere, but moves at a snail’s pace. The Cousteau-esque “Terrible Love” hardly bursts out of the gate, and the subsequent “Sorrow” and “Anyone’s Ghost” (despite Bryan Devendorf’s locomotive drumming) lack the hooks to reel anybody in on first listen. The album begins to take shape on “Afraid of Everyone,” a slow-build midtempo rocker that expertly utilizes the Clogs’ (guitarist Bryce Dessner's other chamber pop band) prickly orchestrations, but it’s the punishing “Bloodbuzz Ohio” that serves as High Violet's centerpiece. Built on a foundation that fuses together TV on the Radio's “Halfway Home” and Arcade Fire's “No Cars Go,” its refrain of “I still owe money to the money, to the money I owe” seems both relevant and nostalgic, resulting in a highway anthem that feels like the anti-“Born to Run.” Other standout cuts like “Conversation 16,” “England," and the darkly funny/oddly beautiful closer, “Vanderlyle Crybaby Geeks,” trumpet Violet’s second-half supremacy, but even they tremble beneath the "Bloodbuzz" intoxication. Muscular, miserable, mighty, and meandering, High Violet aims for the seats, but only hits about half of them. © James Christopher Monger /TiVo
A partire da:
HI-RES17,49 €
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 26 febbraio 2021 | 4AD

Hi-Res
A partire da:
HI-RES17,49 €
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 03 luglio 2001 | 4AD

Hi-Res
A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 08 settembre 2017 | 4AD

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 02 settembre 2003 | 4AD

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 17 maggio 2019 | 4AD

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 20 maggio 2013 | 4AD

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 03 luglio 2001 | 4AD

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 18 maggio 2008 | Beggars Banquet

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 03 luglio 2001 | 4AD

A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 13 luglio 2018 | 4AD

Nati nell’Ohio nel 1999, i National sono formati da Matt Berninger e dai fratelli Dessner e Devendorf. Nel 2007, il gruppo pubblicava il suo quarto album, nonché uno dei più importanti della sua carriera: Boxer. Undici anni dopo, rende omaggio a quel disco con questo live registrato a Bruxelles in cui interpreta la totalità dei brani in esso contenuti. In origine, il live avrebbe dovuto uscire solo sotto forma di vinile per il Record Store Day. Ma su grande richiesta, i National hanno scelto di pubblicarlo anche in versione ufficiale. Fedele alla prima versione, il gruppo ha conservato più o meno la stessa immagine per la copertina, una foto di loro mentre suonano al matrimonio del produttore Peter Katis. Il quintetto ci regala qui una performance perfetta dalla A alla Z davanti a un pubblico reattivo e caloroso. Il disco si apre su Fake Empire, una piccola prodezza musicale di cui non si può che amare quel suo aspetto destrutturato, soprattutto nell’uso delle tastiere pop che suonano in controtempo rispetto alla voce di Berninger. L’alchimia è flagrante in Brainy, dove chitarre, bassi e batteria si armonizzano perfettamente in una sorta di tenzone musicale. Fino all’ultima canzone, Gospel, si opera una specie di incantesimo, soprattutto per via del contrasto di quella voce grave che canta su una melodia intensa e leggera. © Anna Coluthe/Qobuz
A partire da:
CD13,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 26 febbraio 2021 | 4AD

L'interprete

The National nella rivista