Categorie :

Artisti simili

Gli album

CD14,99 €

Rock - Uscito il 23 febbraio 2018 | Noise Records

Metal - Uscito il 17 gennaio 2005 | SPV

Download non disponibile
CD14,99 €

Rock - Uscito il 23 febbraio 2018 | Noise Records

Dopo le riedizioni rimasterizzate dei primi quattro album di questi precursori del thrash europeo, i successivi quattro meritano lo stesso trattamento di favore, con in testa Coma of Souls considerato da molti come la migliore opera dei Kreator. Mentre la maggior parte dei gruppi abbandonava la nave thrash, nella speranza di una carriera da sogno come quella dei Metallica, Mille Petrozza, cantante e chitarrista dei Kreator, riaffermava la sua fedeltà al genere sfoggiando tutte le sue doti migliori. Tecnicamente, i Kreator non ha nulla da invidiare a Kill 'Em All dei Metallica, Show No Mercy degli Slayer o Killing Is My Business dei Megadeth... e Business Is Good! o Peace Sells... ma Who's Buying, non meno dei suoi omologhi Big 4 German, Sodom, Tankard e Destruction... Suono magistrale, riff orecchiabili, cavalcate sfrenate in doppia cassa, assoli assurdi (nella tradizione del Kirk Hammett dei primi Metallica o Exodus), canti indisciplinati a volontà... Le uniche e rare concessioni a un metal più consensuale non vanno oltre a qualche rottura melodica alla maniera degli Iron Maiden o degli Helloween, ma più vendicativi. Da evidenziare l'eccezionale qualità dei nastri live - registrati a Fürth nel 1990 - associati a questa ristampa, con almeno di 17 titoli.Dopo questo castigo thrash, Kreator sorprenderà tutti voltando pagina per un periodo, forse, troppo lungo. A partire da Renewal, la band oserà con il mix vocale, senza rimanere strettamente melodico, e con chitarre meno offensive e suoni elettronici presi in prestito dallo stile industrial... Restando comunque più vicino a Megadeth e Metallica, tanto da sembrare un anticipo Load (anche per il famoso gioco di percussioni di Lars Ulrich su St. Anger), Ministry o Nine Inch Nails, con un cambio di rotta che sarà, infine, accolto con favore. Con il senno di poi e un suono ottimizzato, scopriremo finalmente molte qualità, a partire da composizioni solide e varie che hanno raggiunto un livello più che maturo.Senza del tutto ritornare al suo thrash prediletto, con Cause for Conflict, i Kreator prenderanno in considerazione il successo dei Pantera, dei Machine Head o dei Sepultura per cercare di riguadagnare un'aggressività perfetta, reincorporando anche le radici hardcore del thrash. Ma associando questa rabbia ritrovata, con testi tanto veementi quanto ispirati, ad un suono più moderno. Almeno per un po’… Come bonus, la ristampa include l'incredibile Suicide in Swamps, che apparve solo nella compilation Scenarios of Violence del 1996. Per alcuni, piuttosto numerosi, i Kreator toccarono il fondo nel 1997 con Outcast, rinnegando tanto le proprie origini quanto la loro identità. Altri, invece, sostengono che questo sia stato il più sperimentale di tutti gli album dei Kreator e che non manchi d'ispirazione. Il gruppo è tutt'altro che ridicolo quando si lancia sul territorio di Rammstein, Nine Inch Nails o Marilyn Manson. Le dieci tracce live registrate alla Dynamo Open Air, tra cui quattro di questo album maledetto, indicano chiaramente che, sul palco, i Kreator erano ancora ben lontani dal tramonto. © Jean-Pierre Sabouret/Qobuz

Metal - Uscito il 01 giugno 2012 | Nuclear Blast

Download non disponibile
CD12,49 €

Metal - Uscito il 31 maggio 2019 | Dynamo Concerts

HI-RES13,49 €
CD8,99 €

Rock - Uscito il 14 febbraio 2020 | Nuclear Blast

Hi-Res
CD14,99 €

Rock - Uscito il 01 marzo 2017 | Noise Records

CD14,99 €

Rock - Uscito il 23 febbraio 2018 | Noise Records

Dopo le riedizioni rimasterizzate dei primi quattro album di questi precursori del thrash europeo, i successivi quattro meritano lo stesso trattamento di favore, con in testa Coma of Souls considerato da molti come la migliore opera dei Kreator. Mentre la maggior parte dei gruppi abbandonava la nave thrash, nella speranza di una carriera da sogno come quella dei Metallica, Mille Petrozza, cantante e chitarrista dei Kreator, riaffermava la sua fedeltà al genere sfoggiando tutte le sue doti migliori. Tecnicamente, i Kreator non ha nulla da invidiare a Kill 'Em All dei Metallica, Show No Mercy degli Slayer o Killing Is My Business dei Megadeth... e Business Is Good! o Peace Sells... ma Who's Buying, non meno dei suoi omologhi Big 4 German, Sodom, Tankard e Destruction... Suono magistrale, riff orecchiabili, cavalcate sfrenate in doppia cassa, assoli assurdi (nella tradizione del Kirk Hammett dei primi Metallica o Exodus), canti indisciplinati a volontà... Le uniche e rare concessioni a un metal più consensuale non vanno oltre a qualche rottura melodica alla maniera degli Iron Maiden o degli Helloween, ma più vendicativi. Da evidenziare l'eccezionale qualità dei nastri live - registrati a Fürth nel 1990 - associati a questa ristampa, con almeno di 17 titoli.Dopo questo castigo thrash, Kreator sorprenderà tutti voltando pagina per un periodo, forse, troppo lungo. A partire da Renewal, la band oserà con il mix vocale, senza rimanere strettamente melodico, e con chitarre meno offensive e suoni elettronici presi in prestito dallo stile industrial... Restando comunque più vicino a Megadeth e Metallica, tanto da sembrare un anticipo Load (anche per il famoso gioco di percussioni di Lars Ulrich su St. Anger), Ministry o Nine Inch Nails, con un cambio di rotta che sarà, infine, accolto con favore. Con il senno di poi e un suono ottimizzato, scopriremo finalmente molte qualità, a partire da composizioni solide e varie che hanno raggiunto un livello più che maturo.Senza del tutto ritornare al suo thrash prediletto, con Cause for Conflict, i Kreator prenderanno in considerazione il successo dei Pantera, dei Machine Head o dei Sepultura per cercare di riguadagnare un'aggressività perfetta, reincorporando anche le radici hardcore del thrash. Ma associando questa rabbia ritrovata, con testi tanto veementi quanto ispirati, ad un suono più moderno. Almeno per un po’… Come bonus, la ristampa include l'incredibile Suicide in Swamps, che apparve solo nella compilation Scenarios of Violence del 1996. Per alcuni, piuttosto numerosi, i Kreator toccarono il fondo nel 1997 con Outcast, rinnegando tanto le proprie origini quanto la loro identità. Altri, invece, sostengono che questo sia stato il più sperimentale di tutti gli album dei Kreator e che non manchi d'ispirazione. Il gruppo è tutt'altro che ridicolo quando si lancia sul territorio di Rammstein, Nine Inch Nails o Marilyn Manson. Le dieci tracce live registrate alla Dynamo Open Air, tra cui quattro di questo album maledetto, indicano chiaramente che, sul palco, i Kreator erano ancora ben lontani dal tramonto. © Jean-Pierre Sabouret/Qobuz
CD14,99 €

Rock - Uscito il 23 febbraio 2018 | Noise Records

Dopo le riedizioni rimasterizzate dei primi quattro album di questi precursori del thrash europeo, i successivi quattro meritano lo stesso trattamento di favore, con in testa Coma of Souls considerato da molti come la migliore opera dei Kreator. Mentre la maggior parte dei gruppi abbandonava la nave thrash, nella speranza di una carriera da sogno come quella dei Metallica, Mille Petrozza, cantante e chitarrista dei Kreator, riaffermava la sua fedeltà al genere sfoggiando tutte le sue doti migliori. Tecnicamente, i Kreator non ha nulla da invidiare a Kill 'Em All dei Metallica, Show No Mercy degli Slayer o Killing Is My Business dei Megadeth... e Business Is Good! o Peace Sells... ma Who's Buying, non meno dei suoi omologhi Big 4 German, Sodom, Tankard e Destruction... Suono magistrale, riff orecchiabili, cavalcate sfrenate in doppia cassa, assoli assurdi (nella tradizione del Kirk Hammett dei primi Metallica o Exodus), canti indisciplinati a volontà... Le uniche e rare concessioni a un metal più consensuale non vanno oltre a qualche rottura melodica alla maniera degli Iron Maiden o degli Helloween, ma più vendicativi. Da evidenziare l'eccezionale qualità dei nastri live - registrati a Fürth nel 1990 - associati a questa ristampa, con almeno di 17 titoli.Dopo questo castigo thrash, Kreator sorprenderà tutti voltando pagina per un periodo, forse, troppo lungo. A partire da Renewal, la band oserà con il mix vocale, senza rimanere strettamente melodico, e con chitarre meno offensive e suoni elettronici presi in prestito dallo stile industrial... Restando comunque più vicino a Megadeth e Metallica, tanto da sembrare un anticipo Load (anche per il famoso gioco di percussioni di Lars Ulrich su St. Anger), Ministry o Nine Inch Nails, con un cambio di rotta che sarà, infine, accolto con favore. Con il senno di poi e un suono ottimizzato, scopriremo finalmente molte qualità, a partire da composizioni solide e varie che hanno raggiunto un livello più che maturo.Senza del tutto ritornare al suo thrash prediletto, con Cause for Conflict, i Kreator prenderanno in considerazione il successo dei Pantera, dei Machine Head o dei Sepultura per cercare di riguadagnare un'aggressività perfetta, reincorporando anche le radici hardcore del thrash. Ma associando questa rabbia ritrovata, con testi tanto veementi quanto ispirati, ad un suono più moderno. Almeno per un po’… Come bonus, la ristampa include l'incredibile Suicide in Swamps, che apparve solo nella compilation Scenarios of Violence del 1996. Per alcuni, piuttosto numerosi, i Kreator toccarono il fondo nel 1997 con Outcast, rinnegando tanto le proprie origini quanto la loro identità. Altri, invece, sostengono che questo sia stato il più sperimentale di tutti gli album dei Kreator e che non manchi d'ispirazione. Il gruppo è tutt'altro che ridicolo quando si lancia sul territorio di Rammstein, Nine Inch Nails o Marilyn Manson. Le dieci tracce live registrate alla Dynamo Open Air, tra cui quattro di questo album maledetto, indicano chiaramente che, sul palco, i Kreator erano ancora ben lontani dal tramonto. © Jean-Pierre Sabouret/Qobuz
CD13,49 €

Rock - Uscito il 09 giugno 2017 | Noise Records

CD14,99 €

Rock - Uscito il 09 giugno 2017 | Noise Records

Metal - Uscito il 30 agosto 2013 | Nuclear Blast

Download non disponibile
CD13,49 €

Rock - Uscito il 01 marzo 2017 | Noise Records

CD14,99 €

Rock - Uscito il 09 giugno 2017 | Noise Records

CD12,49 €

Metal - Uscito il 01 marzo 2017 | Noise Records

CD13,49 €

Rock - Uscito il 01 marzo 2017 | Noise Records

HI-RES13,49 €
CD8,99 €

Rock - Uscito il 27 gennaio 2017 | Nuclear Blast

Hi-Res Libretto

Metal - Uscito il 29 novembre 2019 | Nuclear Blast

Download non disponibile
CD12,49 €

Metal - Uscito il 01 marzo 2017 | Noise Records

Dopo le riedizioni rimasterizzate dei primi quattro album di questi precursori del thrash europeo, i successivi quattro meritano lo stesso trattamento di favore, con in testa Coma of Souls considerato da molti come la migliore opera dei Kreator. Mentre la maggior parte dei gruppi abbandonava la nave thrash, nella speranza di una carriera da sogno come quella dei Metallica, Mille Petrozza, cantante e chitarrista dei Kreator, riaffermava la sua fedeltà al genere sfoggiando tutte le sue doti migliori. Tecnicamente, i Kreator non ha nulla da invidiare a Kill 'Em All dei Metallica, Show No Mercy degli Slayer o Killing Is My Business dei Megadeth... e Business Is Good! o Peace Sells... ma Who's Buying, non meno dei suoi omologhi Big 4 German, Sodom, Tankard e Destruction... Suono magistrale, riff orecchiabili, cavalcate sfrenate in doppia cassa, assoli assurdi (nella tradizione del Kirk Hammett dei primi Metallica o Exodus), canti indisciplinati a volontà... Le uniche e rare concessioni a un metal più consensuale non vanno oltre a qualche rottura melodica alla maniera degli Iron Maiden o degli Helloween, ma più vendicativi. Da evidenziare l'eccezionale qualità dei nastri live - registrati a Fürth nel 1990 - associati a questa ristampa, con almeno di 17 titoli.Dopo questo castigo thrash, Kreator sorprenderà tutti voltando pagina per un periodo, forse, troppo lungo. A partire da Renewal, la band oserà con il mix vocale, senza rimanere strettamente melodico, e con chitarre meno offensive e suoni elettronici presi in prestito dallo stile industrial... Restando comunque più vicino a Megadeth e Metallica, tanto da sembrare un anticipo Load (anche per il famoso gioco di percussioni di Lars Ulrich su St. Anger), Ministry o Nine Inch Nails, con un cambio di rotta che sarà, infine, accolto con favore. Con il senno di poi e un suono ottimizzato, scopriremo finalmente molte qualità, a partire da composizioni solide e varie che hanno raggiunto un livello più che maturo.Senza del tutto ritornare al suo thrash prediletto, con Cause for Conflict, i Kreator prenderanno in considerazione il successo dei Pantera, dei Machine Head o dei Sepultura per cercare di riguadagnare un'aggressività perfetta, reincorporando anche le radici hardcore del thrash. Ma associando questa rabbia ritrovata, con testi tanto veementi quanto ispirati, ad un suono più moderno. Almeno per un po’… Come bonus, la ristampa include l'incredibile Suicide in Swamps, che apparve solo nella compilation Scenarios of Violence del 1996. Per alcuni, piuttosto numerosi, i Kreator toccarono il fondo nel 1997 con Outcast, rinnegando tanto le proprie origini quanto la loro identità. Altri, invece, sostengono che questo sia stato il più sperimentale di tutti gli album dei Kreator e che non manchi d'ispirazione. Il gruppo è tutt'altro che ridicolo quando si lancia sul territorio di Rammstein, Nine Inch Nails o Marilyn Manson. Le dieci tracce live registrate alla Dynamo Open Air, tra cui quattro di questo album maledetto, indicano chiaramente che, sul palco, i Kreator erano ancora ben lontani dal tramonto. © Jean-Pierre Sabouret/Qobuz
CD8,99 €

Rock - Uscito il 30 agosto 2013 | Nuclear Blast