Il vostro carrello è vuoto

Categorie :

Artisti simili

Gli album

A partire da:
HI-RES19,49 €
CD13,99 €

Jazz - Uscito il 06 maggio 2016 | Universal Music Division Decca Records France

Hi-Res Libretto Riconoscimenti 4F de Télérama
A tre anni di distanza dal Liquid Spirit, Gregory Porter pubblica il suo quarto lavoro di inediti Take Me to the Alley. Anticipato dai singoli “Holding On” -- per il quale collabora insieme al gruppo di musica elettronica Disclosure -- e “Don’t Lose Your Steam”, il disco propone dodici brani soul/jazz, che parlano di vicende autobiografiche e temi sociali. L’album, registrato a New York, vede ancora una volta Kamau Kenyatta nella veste di produttore e partecipazioni della cantante Alicia Olatuja. © TiVo
A partire da:
HI-RES19,49 €
CD13,99 €

Vocal jazz - Uscito il 30 novembre 2018 | Blue Note Records

Hi-Res Riconoscimenti 5 Sterne Fono Forum Jazz
Nel 2017, Gregory Porter firmava un album che può dirsi un omaggio se non addirittura una lettera d’amore a colui che considera come un vero e proprio eroe: Nat King Cole. Musicista singolare in grado di passare dal jazz puro all’easy listening, pianista virtuoso, innovatore e dotato di grande finezza e, ovviamente, cantante/crooner affascinante dalla voce vellutata, profonda e romantica, riconoscibile fra tutte, questo genio era stato raramente celebrato con una tale eleganza. Per questo live londinese registrato sul prestigioso palco della Royal Albert Hall, Gregory Porter è affiancato dal suo fedele quartetto (il pianista Chip Crawford, il bassista Jahmal Nichols, il batterista Emanuel Harrold e il sassofonista Tivon Pennicott) ma soprattutto dai 70 musicisti della London Studio Orchestra diretti da Vince Mendoza. In questa occasione, Porter mette insieme alcune opere indissociabili di Nat King Cole (Mona Lisa, Nature Boy…) ma anche qualche composizione personale ( Hey Laura, When Love Was King, Don’t Lose Your Steam…). È assolutamente affascinante vedere come per tutta la durata di One Night Only il canto di Gregory Porter si adatta facilmente tanto alla sofisticazione delle corde quanto alle sequenze meno elaborate e tendenti al groove. Una gamma vocale che rende questo spettacolo davvero magico. © Clotilde Maréchal/Qobuz
A partire da:
HI-RES26,99 €
CD19,49 €

Vocal jazz - Uscito il 06 maggio 2016 | Blue Note

Hi-Res Libretto Riconoscimenti 4F de Télérama
A tre anni di distanza dal Liquid Spirit, Gregory Porter pubblica il suo quarto lavoro di inediti Take Me to the Alley. Anticipato dai singoli “Holding On” -- per il quale collabora insieme al gruppo di musica elettronica Disclosure -- e “Don’t Lose Your Steam”, il disco propone dodici brani soul/jazz, che parlano di vicende autobiografiche e temi sociali. L’album, registrato a New York, vede ancora una volta Kamau Kenyatta nella veste di produttore e partecipazioni della cantante Alicia Olatuja. © TiVo
A partire da:
HI-RES23,49 €
CD16,49 €

Vocal jazz - Uscito il 17 aprile 2020 | Blue Note

Hi-Res
Con All Rise, Gregory Porter eccelle ancora una volta nel perfetto mix di jazz, soul, rhythm’n’blues, pop e gospel. Oltre ad essere dotato di una voce di puro velluto (sarà così cliché, ma è così vero), il californiano – che conosce la Great Black Music in ogni suo aspetto - è anche un autore puro. E in questi (travagliati) tempi, la sua penna, spesso sinonimo di speranza e di luce, crea dei torrenti sonori che danno sollievo. Come in Revival Song, una sorta di inno neo-gospel che infuoca l'anima e risveglia il corpo. Questa sensazione di benessere è la stessa che si prova quando Porter indossa i panni da crooner lover come in If Love Is Overrated, o quando ripercorre le orme di Marvin Gaye e George Benson con Faith in Love. Prodotto con classe da Troy Miller (Laura Mvula, Jamie Cullum, Emeli Sande), All Rise mostra soprattutto quanto il cantante americano si sia spinto verso una maggiore universalità. E con un album del genere potrà raggiungere un pubblico che va ben oltre la sfera puramente jazzistica. © Max Dembo/Qobuz
A partire da:
HI-RES15,49 €
CD10,99 €

Vocal jazz - Uscito il 02 settembre 2013 | Blue Note

Hi-Res Libretto
E’ il terzo album del cantante jazz-blues americano Gregory Porter, dopo i primi due , “Water” e “Be good” , pubblicati entrambi su etichetta Motema e che gli sono valsi critiche entusiastiche e una nomination come miglior album jazz nel 2010. “Liquid spirit” e’ il primo disco pubblicato per la prestigiosa etichetta jazz americana Blue Note, e’ prodotto da Brian Bacchus e comprende 16 tracce, in cui si evidenzia la sua grande capacita’ ed espressivita’ vocale e un sound che attinge al blues, al gospel e al soul oltre che dal jazz. © TiVo
A partire da:
HI-RES23,49 €
CD16,49 €

Vocal jazz - Uscito il 27 ottobre 2017 | Blue Note

Hi-Res Libretto
On his fifth studio album, 2017's lovingly produced Nat "King" Cole & Me, singer Gregory Porter takes a purposefully traditional approach, paying tribute to one of his biggest influences, legendary vocal icon Nat King Cole. To help craft his tribute, Porter recorded the album with Grammy Award-winning arranger Vince Mendoza and the illustrious London Studio Orchestra, as well as several tracks featuring Los Angeles studio stalwarts. Also on board are Porter's longtime bandmates, pianist Christian Sands, bassist Reuben Rogers, and drummer Ulysses Owens. While primarily known for his contemporary, genre-crossing style of jazz and R&B, Porter here leans nicely into a distinctly old-school sound. Mendoza frames the singer's warm, supple voice with shimmering orchestral arrangements that wouldn't be out of place during the golden age of '50s and early-'60s traditional pop. While never mimicking Cole's distinctive style, Porter manages to straddle the line between evincing the storied artist's burnished vocal sound, and displaying his own virtuoso talents. Tracks like the Cole songbook regulars "Nature Boy," "Mona Lisa," and "The Christmas Song" are lushly arranged renditions that envelop the listener. Also engaging are the upbeat swingers like "Ballerina" and "L-O-V-E," which features a guest solo appearance from trumpeter Terence Blanchard. There's also a cinematic quality to many of the cuts, as on "Miss Otis Regrets," in which Mendoza's dramatic, classical-tinged opening quickly settles into an intimate, candlelit reading of the melancholy classic. Porter even applies his vintage-influenced approach to a reworking of his original "When Love Was King." Romantic, sophisticated, and rich with vocal prowess, Nat "King" Cole & Me lives up to both Cole and Porter's own immense creative reputations. © Matt Collar /TiVo
A partire da:
HI-RES16,49 €
CD11,99 €

Vocal jazz - Uscito il 14 febbraio 2012 | Motema

Hi-Res
A partire da:
HI-RES19,49 €
CD13,99 €

Jazz - Uscito il 02 settembre 2013 | Universal Music Division Decca Records France

Hi-Res
E’ il terzo album del cantante jazz-blues americano Gregory Porter, dopo i primi due , “Water” e “Be good” , pubblicati entrambi su etichetta Motema e che gli sono valsi critiche entusiastiche e una nomination come miglior album jazz nel 2010. “Liquid spirit” e’ il primo disco pubblicato per la prestigiosa etichetta jazz americana Blue Note, e’ prodotto da Brian Bacchus e comprende 16 tracce, in cui si evidenzia la sua grande capacita’ ed espressivita’ vocale e un sound che attinge al blues, al gospel e al soul oltre che dal jazz. © TiVo
A partire da:
CD1,99 €

Jazz - Uscito il 13 dicembre 2019 | Universal Music Division Decca Records France

Jazz - Uscito il 18 novembre 2020 | UMG Recordings, Inc.

Download non disponibile

Jazz - Uscito il 14 febbraio 2020 | Universal Music Division Decca Records France

Download non disponibile

Jazz - Uscito il 17 gennaio 2020 | Universal Music Division Decca Records France

Download non disponibile
A partire da:
CD8,49 €

Jazz - Uscito il 10 luglio 2015 | Universal Music Division Decca Records France

Jazz - Uscito il 02 settembre 2013 | Universal Music Division Decca Records France

Download non disponibile
E’ il terzo album del cantante jazz-blues americano Gregory Porter, dopo i primi due , “Water” e “Be good” , pubblicati entrambi su etichetta Motema e che gli sono valsi critiche entusiastiche e una nomination come miglior album jazz nel 2010. “Liquid spirit” e’ il primo disco pubblicato per la prestigiosa etichetta jazz americana Blue Note, e’ prodotto da Brian Bacchus e comprende 16 tracce, in cui si evidenzia la sua grande capacita’ ed espressivita’ vocale e un sound che attinge al blues, al gospel e al soul oltre che dal jazz. © TiVo

Jazz - Uscito il 30 dicembre 2020 | UMG Recordings, Inc.

Download non disponibile

Jazz - Uscito il 25 novembre 2020 | UMG Recordings, Inc.

Download non disponibile
A partire da:
CD16,49 €

Vocal jazz - Uscito il 17 aprile 2020 | Blue Note

Con All Rise, Gregory Porter eccelle ancora una volta nel perfetto mix di jazz, soul, rhythm’n’blues, pop e gospel. Oltre ad essere dotato di una voce di puro velluto (sarà così cliché, ma è così vero), il californiano – che conosce la Great Black Music in ogni suo aspetto - è anche un autore puro. E in questi (travagliati) tempi, la sua penna, spesso sinonimo di speranza e di luce, crea dei torrenti sonori che danno sollievo. Come in Revival Song, una sorta di inno neo-gospel che infuoca l'anima e risveglia il corpo. Questa sensazione di benessere è la stessa che si prova quando Porter indossa i panni da crooner lover come in If Love Is Overrated, o quando ripercorre le orme di Marvin Gaye e George Benson con Faith in Love. Prodotto con classe da Troy Miller (Laura Mvula, Jamie Cullum, Emeli Sande), All Rise mostra soprattutto quanto il cantante americano si sia spinto verso una maggiore universalità. E con un album del genere potrà raggiungere un pubblico che va ben oltre la sfera puramente jazzistica. © Max Dembo/Qobuz
A partire da:
CD10,99 €

Jazz - Uscito il 02 settembre 2013 | Universal Music Division Decca Records France

Libretto
E’ il terzo album del cantante jazz-blues americano Gregory Porter, dopo i primi due , “Water” e “Be good” , pubblicati entrambi su etichetta Motema e che gli sono valsi critiche entusiastiche e una nomination come miglior album jazz nel 2010. “Liquid spirit” e’ il primo disco pubblicato per la prestigiosa etichetta jazz americana Blue Note, e’ prodotto da Brian Bacchus e comprende 16 tracce, in cui si evidenzia la sua grande capacita’ ed espressivita’ vocale e un sound che attinge al blues, al gospel e al soul oltre che dal jazz. © TiVo
A partire da:
CD5,99 €

Vocal jazz - Uscito il 12 settembre 2014 | Membran

Libretto
A partire da:
CD16,49 €

Vocal jazz - Uscito il 27 ottobre 2017 | Universal Music Division Decca Records France

Libretto
On his fifth studio album, 2017's lovingly produced Nat "King" Cole & Me, singer Gregory Porter takes a purposefully traditional approach, paying tribute to one of his biggest influences, legendary vocal icon Nat King Cole. To help craft his tribute, Porter recorded the album with Grammy Award-winning arranger Vince Mendoza and the illustrious London Studio Orchestra, as well as several tracks featuring Los Angeles studio stalwarts. Also on board are Porter's longtime bandmates, pianist Christian Sands, bassist Reuben Rogers, and drummer Ulysses Owens. While primarily known for his contemporary, genre-crossing style of jazz and R&B, Porter here leans nicely into a distinctly old-school sound. Mendoza frames the singer's warm, supple voice with shimmering orchestral arrangements that wouldn't be out of place during the golden age of '50s and early-'60s traditional pop. While never mimicking Cole's distinctive style, Porter manages to straddle the line between evincing the storied artist's burnished vocal sound, and displaying his own virtuoso talents. Tracks like the Cole songbook regulars "Nature Boy," "Mona Lisa," and "The Christmas Song" are lushly arranged renditions that envelop the listener. Also engaging are the upbeat swingers like "Ballerina" and "L-O-V-E," which features a guest solo appearance from trumpeter Terence Blanchard. There's also a cinematic quality to many of the cuts, as on "Miss Otis Regrets," in which Mendoza's dramatic, classical-tinged opening quickly settles into an intimate, candlelit reading of the melancholy classic. Porter even applies his vintage-influenced approach to a reworking of his original "When Love Was King." Romantic, sophisticated, and rich with vocal prowess, Nat "King" Cole & Me lives up to both Cole and Porter's own immense creative reputations. © Matt Collar /TiVo

L'interprete

Gregory Porter nella rivista