Categorie :

Artisti simili

Gli album

CD13,99 €

Jazz - Uscito il 01 gennaio 1992 | Stretch Records

Riconoscimenti The Qobuz Standard
CD13,99 €

Jazz - Uscito il 01 gennaio 1992 | Stretch Records

Riconoscimenti The Qobuz Standard
CD13,99 €

Jazz - Uscito il 01 gennaio 1998 | Stretch Records

Riconoscimenti The Qobuz Standard
CD13,99 €

Pop - Uscito il 01 gennaio 1993 | Stretch Records

Riconoscimenti The Qobuz Standard
HI-RES17,49 €
CD12,49 €

Fusion & Jazz rock - Uscito il 19 gennaio 2017 | Stretch Records

Hi-Res Libretto
Con questa reunion, Chick Corea e Steve Gadd non scolpiscono soltanto una solida amicizia nel marmo ma riaccendono la fiamma del jazz fusion tendente al funk tipico degli anni ’70. Allora, il genere impazzava, sia nel bene che nel male d’altronde… Per l’occasione, pianista e batterista hanno riunito un cast potente che annovera al suo interno il chitarrista e cantante Lionel Loueke, il sassofonista e flautista Steve Wilson, il bassista Carlitos Del Puerto e il percussionista Luisito Quintero. I cammini di Corea e Gadd si erano incrociati per la prima volta nel 1965, quando il primo entrò per un po’ nel gruppo di Chuck Mangione di cui all’epoca faceva parte il secondo. Nei dieci anni successivi, Corea divenne uno dei tastieristi e compositori più influenti della sua generazione. Contemporaneamente, Gadd fu ben presto riconosciuto come un pezzo grosso della batteria, suonando con Paul Simon, Steely Dan e molti altri. Nel 1972, Chick Corea decise di trasformare la sua band Return To Forever, con cui aveva fino ad allora esplorato la ricchezza delle musiche brasiliane e latine, in una band jazz rock di cui Steve Gadd divenne il primo batterista. Gli innumerevoli impegni di quest’ultimo come turnista si rivelarono incompatibili con l’intensa tournée prevista dal gruppo, il che non gli impedì tuttavia di partecipare in seguito alla registrazione di diversi album di Corea come The Leprechaun uscito nel 1976, My Spanish Heart, abile connubio di jazz elettrico e ritmi latini (di cui si avverte l’eco per tutto Chinese Butterfly) e Three Quartets nel 1981, vera e propria svolta nella carriera del compositore di Corea. Quando i due musicisti si ritrovano infine nello studio di Chick Corea in Florida all’inizio del 2017, l’alchimia è ancora una volta immediata, gettando il compositore in uno stato di frenesia creativa che fa nascere subito due brani: Like I Was Sayin’ e Gadd-zooks. «Mi è sempre piaciuto scrivere per un gruppo e vedere in che modo Steve si appropria dei miei pezzi, puntualizza Chick Corea. Quando abbiamo iniziato a suonare insieme queste composizioni, ci abbiamo preso così tanto gusto che ci è subito balenata l’idea di mettere su un gruppo». Pur essendo considerato l’unico compositore della maggior parte degli otto temi dell’album, Corea assicura che il disco è frutto di un lavoro a quattro mani e che non avrebbe mai visto la luce senza la sensibilità ritmica di Gadd. «Si tratta di una co-creazione, insiste il pianista. Io scrivo i pezzi e Steve dà loro uno scheletro lavorando sulle parti ritmiche. Nella mia musica il ritmo è tutto – non esisterebbe senza la giusta emozione e il giusto ritmo». Una complicità sincera da cui scaturisce un album fatto di emozioni e virtuosismo. Da notare che Phil Bailey, magico falsetto della prima formazione degli Earth, Wind & Fire, fa una notevole apparizione in questo disco, perfettamente in sintonia con la copertina su cui figurano gli strumenti dei membri della band disposti in modo da rappresentare una farfalla: due pianoforti a mo’ di ali, la batteria per la testa e il torace. © CM/Qobuz
HI-RES34,99 €
CD24,99 €

Jazz - Uscito il 09 dicembre 2016 | Stretch Records

Hi-Res Libretto
CD13,99 €

Jazz - Uscito il 01 gennaio 1997 | Stretch Records

CD13,99 €

Pop - Uscito il 01 gennaio 1994 | Stretch Records

CD13,99 €

Jazz - Uscito il 01 gennaio 2000 | Stretch Records

CD21,99 €

Jazz - Uscito il 01 gennaio 2008 | Stretch Records

CD20,99 €

Fusion & Jazz rock - Uscito il 19 gennaio 2018 | Stretch Records

Con questa reunion, Chick Corea e Steve Gadd non scolpiscono soltanto una solida amicizia nel marmo ma riaccendono la fiamma del jazz fusion tendente al funk tipico degli anni ’70. Allora, il genere impazzava, sia nel bene che nel male d’altronde… Per l’occasione, pianista e batterista hanno riunito un cast potente che annovera al suo interno il chitarrista e cantante Lionel Loueke, il sassofonista e flautista Steve Wilson, il bassista Carlitos Del Puerto e il percussionista Luisito Quintero. I cammini di Corea e Gadd si erano incrociati per la prima volta nel 1965, quando il primo entrò per un po’ nel gruppo di Chuck Mangione di cui all’epoca faceva parte il secondo. Nei dieci anni successivi, Corea divenne uno dei tastieristi e compositori più influenti della sua generazione. Contemporaneamente, Gadd fu ben presto riconosciuto come un pezzo grosso della batteria, suonando con Paul Simon, Steely Dan e molti altri. Nel 1972, Chick Corea decise di trasformare la sua band Return To Forever, con cui aveva fino ad allora esplorato la ricchezza delle musiche brasiliane e latine, in una band jazz rock di cui Steve Gadd divenne il primo batterista. Gli innumerevoli impegni di quest’ultimo come turnista si rivelarono incompatibili con l’intensa tournée prevista dal gruppo, il che non gli impedì tuttavia di partecipare in seguito alla registrazione di diversi album di Corea come The Leprechaun uscito nel 1976, My Spanish Heart, abile connubio di jazz elettrico e ritmi latini (di cui si avverte l’eco per tutto Chinese Butterfly) e Three Quartets nel 1981, vera e propria svolta nella carriera del compositore di Corea. Quando i due musicisti si ritrovano infine nello studio di Chick Corea in Florida all’inizio del 2017, l’alchimia è ancora una volta immediata, gettando il compositore in uno stato di frenesia creativa che fa nascere subito due brani: Like I Was Sayin’ e Gadd-zooks. «Mi è sempre piaciuto scrivere per un gruppo e vedere in che modo Steve si appropria dei miei pezzi, puntualizza Chick Corea. Quando abbiamo iniziato a suonare insieme queste composizioni, ci abbiamo preso così tanto gusto che ci è subito balenata l’idea di mettere su un gruppo». Pur essendo considerato l’unico compositore della maggior parte degli otto temi dell’album, Corea assicura che il disco è frutto di un lavoro a quattro mani e che non avrebbe mai visto la luce senza la sensibilità ritmica di Gadd. «Si tratta di una co-creazione, insiste il pianista. Io scrivo i pezzi e Steve dà loro uno scheletro lavorando sulle parti ritmiche. Nella mia musica il ritmo è tutto – non esisterebbe senza la giusta emozione e il giusto ritmo». Una complicità sincera da cui scaturisce un album fatto di emozioni e virtuosismo. Da notare che Phil Bailey, magico falsetto della prima formazione degli Earth, Wind & Fire, fa una notevole apparizione in questo disco, perfettamente in sintonia con la copertina su cui figurano gli strumenti dei membri della band disposti in modo da rappresentare una farfalla: due pianoforti a mo’ di ali, la batteria per la testa e il torace. © CM/Qobuz
CD13,99 €

Jazz - Uscito il 01 gennaio 1999 | Stretch Records

CD13,99 €

Jazz - Uscito il 01 gennaio 2000 | Stretch Records

L'interprete

Chick Corea nella rivista
  • 
Chick Corea ritorna al jazz latino
    
Chick Corea ritorna al jazz latino Con la sua Spanish Heart Band, che include Niño Josele e Jorge Pardo, il grande pianista americano torna ad immergersi in quelle arie latine che gli sono sempre state così care...