Artisti simili

Gli album

9,99 €
6,99 €

Jazz - Uscito il 26 ottobre 2018 | Impulse!

Hi-Res Riconoscimenti Indispensable JAZZ NEWS - 5 Sterne Fono Forum Jazz
L’etichetta Impulse! pesca dai suoi archivi questo concerto inedito, risalente al novembre 2007, di due giganti: Charlie Haden e Brad Mehldau. Il contrabbassista scomparso nel 2014 incontrò per la prima volta il pianista all’inizio degli anni ’90. La scintilla scoccò subito e, in seguito, i due virtuosi incrociarono regolarmente le lame, in scena e in studio. Ma mai in duo. Questo live del 2007 fu quindi una prima. Invitati dall’Enjoy Jazz Festival di Heidelberg, in Germania, Haden e Mehldau accettarono di esibirsi insieme nel magico quadro di una chiesa, la Christuskirche di Mannheim. Il risultato ebbe un bell’essere sconvolgente, ma i nastri rimasero in cantina per più di un decennio… «È stato appassionante suonare con qualcuno che improvvisasse al quel modo, ricorda il pianista americano. In fin dei conti, è stato lui il primo a farlo con quello strumento. I primi dischi del quartetto di Ornette Coleman, come This Is Our Music o Change of the Century, non erano free nel senso di abbandonare i principi dell’armonia. Erano free da uno schema armonico fisso, e Charlie improvvisava l’armonia a partire dal nulla!» È soprattutto la loro profonda complicità a splendere in questa registrazione. La facilità con cui Charlie Haden e Brad Mehldau integrano spazio e silenzio nei loro scambi fino a toccare vette sublimi. Come repertorio, hanno optato per qualcosa di standard e di classico (Charlie Parker, Irving Berlin, Johnny Mercer, Gershwin, Kern…) accarezzato con la punta delle dita. © Marc Zisman/Qobuz
6,99 €

Jazz - Uscito il 26 ottobre 2018 | Impulse!

Riconoscimenti 5 Sterne Fono Forum Jazz
L’etichetta Impulse! pesca dai suoi archivi questo concerto inedito, risalente al novembre 2007, di due giganti: Charlie Haden e Brad Mehldau. Il contrabbassista scomparso nel 2014 incontrò per la prima volta il pianista all’inizio degli anni ’90. La scintilla scoccò subito e, in seguito, i due virtuosi incrociarono regolarmente le lame, in scena e in studio. Ma mai in duo. Questo live del 2007 fu quindi una prima. Invitati dall’Enjoy Jazz Festival di Heidelberg, in Germania, Haden e Mehldau accettarono di esibirsi insieme nel magico quadro di una chiesa, la Christuskirche di Mannheim. Il risultato ebbe un bell’essere sconvolgente, ma i nastri rimasero in cantina per più di un decennio… «È stato appassionante suonare con qualcuno che improvvisasse al quel modo, ricorda il pianista americano. In fin dei conti, è stato lui il primo a farlo con quello strumento. I primi dischi del quartetto di Ornette Coleman, come This Is Our Music o Change of the Century, non erano free nel senso di abbandonare i principi dell’armonia. Erano free da uno schema armonico fisso, e Charlie improvvisava l’armonia a partire dal nulla!» È soprattutto la loro profonda complicità a splendere in questa registrazione. La facilità con cui Charlie Haden e Brad Mehldau integrano spazio e silenzio nei loro scambi fino a toccare vette sublimi. Come repertorio, hanno optato per qualcosa di standard e di classico (Charlie Parker, Irving Berlin, Johnny Mercer, Gershwin, Kern…) accarezzato con la punta delle dita. © Marc Zisman/Qobuz