Il vostro carrello è vuoto

Sezioni :
Tutorials

Controllare la diffusione della musica a partire da un iMac: le nostre risposte alle domande e il capitolato d’oneri che ci sottopone un abbonato!

da Raffaele Cuccu |

Abbiamo scelto di rispondere attraverso la rubrica Qobuz&Voi alla lettera di un abbonato a Qobuz, che ringraziamo per i suoi complimenti che ci toccano profondamente, perché questo signore cita con precisione il materiale a sua disposizione, il che ci permette quasi di fargli delle proposte su misura dopo avergli fornito alcuni chiarimenti sull’ambiente DAC che gli crea problemi.


Posso avere la vostra attenzione?

Abbonato a Qobuz da più di due anni, ho potuto, grazie a voi ampliare considerevolmente il mio repertorio d’ascolto, in particolare del genere «Musica Classica».

La vostra applicazione è straordinaria e sembra poco a poco perfezionarsi.
Leggo con interesse la vostra rubrica «Banchi di prova» Hi-Fi.

Ho molta difficoltà nel capire l’ambiente DAC e non riesco dunque a scegliere l’apparecchiatura adatta.

Possiedo un impianto Hi-Fi:
amplificatore: harman/kardon hk 825
preamplificatore: harman/kardon hk 870
sintonizzatore: harman/kardon TU615
cassa: B & W DM 200
Queste apparecchiature sono ormai vecchie ma di qualità.

Per quanto riguarda il computer:
iMac (27 pollici, del 2011)
Processore: 3,1 GHz Intel Core i5
Memoria: 8 Go 1333 MHz DDR3
Grafica: AMD Radeon HD 6970M 1Go
OS: macOS High Sierra (10.13.2)

Vorrei diffondere la musica dall’iMac sul mio impianto Hi-FI a partire da Qobuz o a partire da una importante biblioteca digitale dato che le apparecchiature possono essere connesse tramite un collegamento ethernet.

Posso chiedervi di aiutarmi a trovare il o i mediatori che potrebbero darmi consigli (in modo dettagliato) per l’acquisto delle apparecchiature adatte?

Vi ringrazio anticipatamente e mi congratulo con voi per la qualità del vostro Qobuz.

Cordiali Saluti.


La nostra risposta

Salve e grazie per la sua e-mail,

L’ambiente DAC è la parte finale della lettura della musica dematerializzata, cioè immagazzinata sotto forma di file audio digitale su un computer, un server collocato in una rete domestica (chiamato server NAS che sta per Network Attached Server) o su qualsiasi altro supporto di immagazzinamento che può essere collegato a un dispositivo al quale l’utente può accedere.

Da un punto di vista elettronico, la parte DAC, in poche parole, non né altro che una scheda audio come quelle che si trovano nei computer, gli smartphone e i tablet, ma in versione molto più evoluta e dalle elevate prestazioni, questo dovrebbe essere chiaro.

Questa parte DAC può far parte di diversi tipi di dispositivi, e quelli che ci interessano più particolarmente sono i convertitori analogico-digitali autonomi che si chiamano anche, per analogia, DAC, dato che il loro ruolo si riduce essenzialmente a convertire i segnali analogici, e i lettori di rete che integrano anch’essi una parte DAC.

I convertitori analogico-digitali autonomi devono essere collegati a un computer (o a uno smartphone o a un tablet) attraverso un cavo USB e funzioneranno dunque con l’applicazione Qobuz per Mac/PC (o per iOS o Android). In modo analogo saranno collegati a un sistema Hi-Fi tramite cavi dotati di prese Cinch per l’invio dei segnali analogici provenienti dalla decodifica dei segnali digitali.

I lettori di rete (chiamati anche streamer) sono in grado di leggere (a partire da un’applicazione di controllo o da un telecomando, perfino a partire da tasti di controllo sulla loro facciata) i file audio digitali immagazzinati su sistemi collegati alla stessa rete e anche di connettersi a delle radio su Internet o ancora a dei servizi musicali, come Qobuz, se questi ultimi sono integrati (vedi questo articolo), e la loro parte DAC trasformerà i dati audio digitali in segnali audio analogici che verranno inviati al proprio impianto Hi-Fi tramite due cavi di modulazione collegati ad un ingresso ausiliario. Non avendo bisogno di essere collegati ad un computer, possono essere collocati vicino ad altri elementi dell’impianto Hi-Fi e la loro connessione alla rete può effettuarsi tramite Wi-Fi o tramite cavo Ethernet (soluzione che protegge dai rischi della trasmissione wireless WiFi), ed è esattamente di questo tipo di dispositivo di cui ha bisogno.

D’altra parte, visto che desidera diffondere la musica a partire dal suo computer iMac verso il suo impianto Hi-Fi non è indispensabile munirsi di un lettore che integra Qobuz, le spiegheremo perché, e le daremo i dettagli di ciò che crediamo essere la miglior soluzione per rispondere ai suoi bisogni, e vedrà che non si tratta di una cosa impossibile.

- Innanzittutto, secondo noi il software Audirvana Plus per iMac è in grado di rispondere a tutte le sue aspirazioni di pilotaggio: gestione di una biblioteca musicale, integrazione di Qobuz in Hi-Res, e diffusione WiFi verso un lettore di rete UPnP (dunque non è necessario che quest’ultimo integri Qobuz).

- Poi, per quanto riguarda la scelta di un lettore di rete è fondamentale che quest’ultimo sia compatibile con UPnP, e secondo noi è preferibile che sia in grado di decodificare i file audio digitali in Hi-Res (fino a 24 bit a 96 kHz o meglio 24 bit a 192 kHz).

I parametri soggettivi, quali l’aspetto, la qualità audio, il prezzo, restano nell’ambito della sua scelta personale ed i lettori di rete sono prodotti da quasi tutte le grandi marche di Hi-Fi tradizionali e anche dai fabbricanti meno conosciuti e numerosi modelli sono stati oggetto di banchi di prova da parte nostra.

Presso Harman/Kardon esiste il modello Adapt, a un prezzo accessibile, che integra Qobuz in Hi-Res a 24 bit a 96 kHz ma il costruttore non ha specificato se è UPnP e abbiamo motivi validi per credere che non lo sia (le nostre ricerche su Internet sono state infruttuose e purtroppo non avevamo effettuato nessun test su questo modello in occasione del nostro banco di prova).

Speriamo vivamente di esserle stati d’aiuto nel fornirle chiarimenti sull’ambiente DAC e nel suggerirle una soluzione che dovrebbe corrispondere ai suoi bisogni.

Traduzione - Flora Botta

***

Per seguire tutto ciò che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!
www.facebook.com/qobuz

Se siete costruttori, importatori, distributori o operatori nel settore della riproduzione sonora e desiderate contattarci, vi preghiamo di farlo all’indirizzo seguente: newstech@qobuz.com

Se siete appassionati della rubrica Hi-Fi Guide e desiderate contattarci, fatelo solo all’indirizzo seguente: rubriquehifi@qobuz.com