Il vostro carrello è vuoto

Sezioni :
Attualità

I Viagra Boys aumentano la dose!

da Charlotte Saintoin |

Con “Cave World”, la band di Stoccolma non solo non annacqua il suo distillato post-punk, ma ne amplia la tavolozza sonora. Vitali come sempre!

Dopo due ottimi album, Street Worms (2018) e Welfare Jazz (2021), gli svedesi Viagra Boys continuano ad affermarsi nella ricca scena punk contemporanea. Al pari di Amyl & The Sniffers o Surfbort, i Boys incarnano un punk colorato e divertente, con testi tra il serio e il faceto, lontani dalla solita monocromia di alcuni loro colleghi. La sfortunata perdita di Benjamin “Benis” Vallé, cofondatore ed ex chitarrista, nell’ottobre del 2021, non ha spento la loro creatività: la band di Sebastian Murphy ha pubblicato il suo miglior album fino ad oggi, Cave World.

 

 

Con l’inserimento di un rock chiaramente più accessibile ma non scontato (The Cognitive Trade-Off Hypothesis) in questo album diviso in due dall’intermezzo cripto-sintetico Global Earth, il sestetto armato del suo celebre, saltellante sax eccelle nella creazione di un punk ricco di sfumature, che sorprende a ogni passaggio.

 

 

Ci sono le digressioni country (Big Boy, in duetto con Jason Williamson degli Sleaford Mods), strane tastiere post-punk (Cave World, Troglodytes), spoken-word (Ain’t No Thief), new wave in stile New Order (ADD), ma soprattutto l’incredibile Baby Criminal, brano d’apertura galvanizzato da una combo basso/batteria/sax lanciata a tutta velocità. In definitiva, Cave World è un grandissimo album! © Charlotte Saintoin/Qobuz



ASCOLTA “CAVE WORLD” DEI VIAGRA BOYS SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!


 Leggere anche

Per saperne di più su questo argomento