Il vostro carrello è vuoto

Sezioni :
Attualità

Al-Qasar, rock del deserto

da Stéphane Deschamps |

La band di Thomas Attar Bellier presenta un album delirante che fonde musica araba e stoner rock. Un Qobuzissime ipnotico!

Una vita fa, il musicista e produttore di origine francese Thomas Attar Bellier, stabilitosi a Los Angeles, faceva parte di un gruppo rock chiamato Blaak Heat. Una band di matrice stoner e desert rock. Tornato a Parigi in seguito allo scioglimento della band, Thomas Attar Bellier è tornato alla sua passione per il deserto e per la musica nordafricana, che già animava gli ultimi album dei Blaak Heat (Shifting Mirrors e Arabian Fuzz). Così, ha creato gli Al-Qasar, una band fusion nel vero senso del termine: la parola d’ordine è mescolanza e alchimia, non un mero esotismo di superficie. Dopo Miraj, un primo mini-album (pubblicato nel 2020) che ha saputo rivisitare il connubio tra il rock a base di chitarre psych/surf e la musica araba, gli Al-Qasar sono tornati alle basi dello stoner rock con Who Are We?: accordi muscolari, ritmi trance, canzoni tese che oscillano tra una sensazione di oppressione allo sfogo di energia. Su tre brani troviamo anche degli ospiti di tutto rispetto: il chitarrista Lee Ranaldo (ex-Sonic Youth) e il leggendario cantante punk Jello Biafra (ex-Dead Kennedys), a dare ulteriore conferma della matrice rock dell’album.

 

 

Ma nella forma, è soprattutto il Nord Africa che si fa sentire, nel canto ipnotico del marocchino Jaouad El Garouge, nell’oud labirintico di Mehdi Haddab o nelle voci di Alsarah e Hend Elrawy. Il potere mistico della musica araba è qui enfatizzato dall’incontro con il rock, un genere che non ha dimenticato le sue radici africane. Questa ricerca di una memoria storica è iniziata più di cinquant’anni fa con i pellegrinaggi delle rockstar a Essaouira, è proseguita in Francia con Rachid Taha ed è tornata nel deserto con Tinariwen...

 

 

Con Who Are We?, gli Al-Qasar riportano la storia ai giorni nostri con innegabile efficacia. Non bisogna essere degli etnomusicologi per apprezzare questo album, così intenso fino alla trance: basta che ti piaccia ballare, sudare e dimenticare tutto, mentre il mondo continua a girare. © Stéphane Deschamps/Qobuz



ASCOLTA "WHO ARE WE?" DEGLI AL-QASAR SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!


Per saperne di più su questo argomento