Il vostro carrello è vuoto

Sezioni :
Banco di prova

M2Tech: Amplificatore per cuffie Marley MK II

da Audiophile Sound |

“Ottime prestazioni e rimarchevole versatilità...”

Quando ero molto (molto...) giovane, con la paghetta mensile era impossibile comprarsi qualsiasi cosa inerente l'impianto stereo, e anche i dischi (e le cassette da registrare) che si acquistavano erano “contingentati”. Al momento della composizione del primo impiantino, motivi economici (e logistici: non potevo disturbare troppo con la mia musica “da giovinastri”...) obbligarono la scelta verso un paio di buone cuffie.

Ecco quindi che con una mensilità del mio lavoro come cameriere presso una famosa gelateria di Viareggio mi comprai le favolose Stax SRX MKIII, considerate allora il non plus ultra in questo settore. Ho quindi imparato ad ascoltare ‘bene’ superando d'un balzo tutti i problemi inerenti l'acustica ambientale (dovendomici poi scontrare dopo...), potendo contare peraltro su dei trasduttori davvero risolutori...

Molti anni dopo, potendo fare baccano a nostro piacimento e avendo la fortuna di aver incontrato chi ci ha insegnato l'importanza del trattamento acustico ambientale, l'ascolto con le cuffie è stato messo un poco in secondo piano. È stata quindi un'occasione ghiotta quella che ci si è presentata grazie alla disponibilità di un apparecchio di alto livello specifico per l'amplificazione delle cuffie...



DESCRIZIONE: IL MARLEY MK II

Da vari anni conosco il progettista e titolare di M2Tech, Marco Manunta, apprezzandone le sue doti di progettista e di piacevole interlocutore. Nel corso del tempo ho avuto la ventura di ascoltare macchine della M2Tech, in particolare i vari convertitori della serie ‘Young’.

L'amplificatore per cuffia Marley MKII di M2Tech riprende l'estetica e le dimensioni dei fratelli della serie ‘Rocker’ realizzati dalla ditta toscana. La logica di comando è affidata a un'unica manopola, adibita a eseguire tutte le funzioni, se premuta o ruotata; trova spazio sul pannello frontale, oltre alla suddetta manopola, il piccolo tasto di accensione, il display che ci comunica ogni tipo di settaggio eseguito, oltre ovviamente al livello del volume, e i due connettori per la cuffia, in formato 6.3mm e XLR 4 pin. Sul pannello posteriore abbiamo tutte le connessioni, compreso l'ingresso in formato XLR, e un connettore “external supply” che vedremo in seguito essere utile per incrementare le già notevoli prestazioni del nostro.

L'amplificatore ha la possibilità, come del resto anche il recente stadio phono Nash, di essere comandato da smartphone, tramite una specifica app dedicata e scaricabile gratuitamente, disponibile sia per le piattaforme Apple che Android. Veramente geniale e comodissima!



UN SUONO DI GRAN CLASSE

Già ai primi ascolti si intuisce che il Marley è dotato di un suono di gran classe. Nessun comparto di frequenza è messo in evidenza e la linearità la fa da padrona. La resa del particolare è molto spinta, ma senza forzature; si assiste a un panorama ricco di dettaglio, ma tale ricchezza non diventa mai clinicità. La grana è molto fine, il suono scivola via con grande fluidità e la riserva di potenza ci fa intuire che le capacità di pilotaggio siano adeguate anche per le cuffie planari più fameliche da questo punto di vista...

La velocità, il brio e il ritmo che questo amplificatore è in grado di donare alla riproduzione è una cosa che affascinerà anche i più esigenti.

Per quanto riguarda l'headstage, niente da eccepire: c'è aria tra gli strumenti, un'ottima spazialità che non ci fa sentire la musica riprodotta ‘all'interno della testa’; questa caratteristica, probabilmente sarebbe ancora più percepibile con l'impiego di cuffie dal design aperto, ma già con la mia Denon non si rimane delusi! Avendolo in casa, ho provato poi a sostituire l'alimentatore di serie con il Van Der Graaf che si collega al Marley con un apposito connettore marchiato “external supply” che avevo menzionato all'inizio.

Ecco. Se fino a ora avevo parlato di un suono di gran classe, con l'aggiunta del Van Der Graaf si mette letteralmente il turbo! Il suono diventa più materico e concreto, la gamma alta, che già mi aveva colpito per estensione e setosità, diventa di una concretezza e lucidità veramente entusiasmanti. È presente, vivida, ariosa, tanto che mi ricorda quella delle incredibili Hifiman HE6, un riferimento, secondo me, per quanto riguarda questa gamma di frequenze. Non da meno le voci, sia maschili che femminili, che acquistano spessore e veridicità, così come la gamma bassa, che acquista energia, è più controllata e intelligibile. Secondo me, visti i risultati, il Van Der Graaf è un upgrade da fare, magari in un secondo tempo diluendo i costi, per raggiungere vette prestazionali di livello assai superiore. Non che in versione ‘liscia’ si goda poco, ma con l'alimentazione separata, si gode di più!

CONCLUSIONE

Difetti? Per la sua conformazione slim e il peso piuma, ho riscontrato un po' di difficoltà nella gestione di cavi di grossa sezione, sia di alimentazione che di segnale. Considerando le prestazioni e la rimarchevole versatilità di questo ‘piccolo’ amplificatore non posso che confermare l'ottimo rapporto qualità/prezzo.

Riccardo Mozzi / Audiophile Sound

 

Distribuzione e prezzo

L’amplificatore per cuffie M2Tech Marley MK II costa 2.134 euro.

Il Marley MK II è distribuito in Italia da M2Tech.

Riccardo Mozzi è un collaboratore della rivista AUDIOPHILE SOUND

Per informazioni sulla rivista Audiophile Sound visitate questa pagina