Toro Y Moi, el hedonista

Entre smooth funk, electro y disco, he aquí un sexto álbum más chillwave que nunca…

da Marc Zisman | Video del giorno | 20 gennaio 2019
Reagire
Qobuz

Edonismo allo stato puro. Chazwick Bradley Bundick alias Toro Y Moi non ha previsto nient’altro nel suo sesto album intitolato Outer Peace. Un sentimento che il maestro della chillwave (con Washed Out e Neon Indian) diffonde dal 2010 con molta classe. Rifacendosi a sonorità di smooth funk degli anni ’80 (atmosfera dei primi film di Michael Mann), della synth pop piena di effetti, di brani cantati appena filtrati, di linee melodiche semplici (non semplicistiche) e una ritmica persistente addirittura decisamente soporifera, Toro Y Moi ribadisce ciò a cui ha sempre creduto : l’onirismo pervaso di soul…

Nel 2015, dopo l’uscita di What For ?, abbandona il comfort del suo morbido nido d’Oakland per una parentesi solitaria, più a nord, a Portland. Lì, nell’Oregon, scrive Boo Boo, pubblicato durante l’estate del 2017. Una scelta che mira a sradicare la superficialità per concentrarsi meglio sull’essenziale.

Di rientro nella California della sua Bay Area, Toro Y Moi ha concepito Outer Peace come un bilancio di tutte le sue esperienze passate. Un modo per ricordare i suoi valori, che siano funk e disco (Ordinary Pleasure) o addirittura house (Freelance et Laws of the Universe). Lo percepiamo soprattutto in una totale padronanza della sua arte, più soulful che mai. Come se fosse continuamente intento a perfezionare la trama melodica delle sue canzoni – alquanto corte – che si insinuano nei neuroni ad ogni nuovo ascolto. © Marc Zisman/Qobuz





ASCOLTA OUTER PEACE DI TORO Y MOI SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!

Le tue letture