Categorie :

Tinariwen, on the road again

Con "Amadjar", il gruppo Tuareg firma un album che celebra il nomadismo attraverso il deserto...

da Benjamin MiNiMuM | Video del giorno | 04 novembre 2019
Reagire

Quello dei Tinariwen è stato un percorso edificante. Questi musicisti, autentici Tuareg, in passato hanno sostituito i Kalashnikov in nome della libertà per chitarre elettriche capaci di trasportare la poesia dei grandi spazi aperti, incarnando l’ideale romantico del musicista avventuroso. Per alimentare ulteriormente la leggenda, Tinariwen riunisce cantautori ispirati e strumentisti virtuosi. Il loro nono album Amadjar è il nuovo testamento del loro talento.

Dopo la loro apparizione al festival della cultura nomade di Taragalte nel Sahara marocchino alla fine dell’ottobre 2018, sono partiti con un gruppo di ingegneri del suono su un autobus trasformato in studio di registrazione mobile. Dirigendosi verso la Mauritania attraverso una tempesta di sabbia, ogni sosta divenne un’opportunità per nuovi contributi e scambi musicali, jam session e un conversazioni attorno alle registrazioni in corso.




Prima di raggiungere la loro destinazione, un’ultima sosta nel deserto durata due settimane, per registrare la loro musica sotto le stelle. A loro si sono poi uniti la diva mauritana Noura Mint Seymali e il marito chitarrista Jeiche Ould Chigaly per il brano Amalouna. Le composizioni, tra le migliori del gruppo, stupiscono per i loro arrangiamenti.

Nel mix, Joshua Vance Smith, fedele di Jack White, ripristina questa atmosfera naturale con frammenti di conversazioni che ci immergono nel backstage tra un pezzo e l’altro. La post-produzione comprende anche musicisti di prestigio: Warren Ellis, violinista e fedele collaboratore di Nick Cave, Micah Nelson, chitarrista di Neil Young e figlio dell’icona country Willie Nelson, il cantautore californiano Cass McCombs, Stephen O’Malley, fondatore e chitarrista dei Sunn O)))), e il francese Rodolphe Burger.

Immersi nell’universo sonoro dei Tuareg, riescono a entrare in sintonia con l’immaginario del gruppo. Così, quasi venti anni dopo il loro debutto sulla scena internazionale, iTinariwen, sempre fedeli alla loro filosofia, continuano a stupirci! © Benjamin MiNiMuM / Qobuz

ASCOLTA AMADJAR DI TINARIWEN SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!

Le tue letture