Sezioni :
Video del giorno

Seong-Jin Cho, il vagabondo

da François Hudry |

Il giovane pianista coreano dedica il suo nuovo album - pubblicato per la Deutsche Grammophon - a Schubert, Liszt e Berg...

Ultimamente va di moda dare a tutti i costi un titolo generico agli album classici. Der Wanderer è ovviamente il titolo della Fantasia di Schubert all'inizio di questo album, ma è soprattutto il simbolo stesso del romanticismo tedesco e della sua instancabile e quasi metafisica ricerca della pace interiore attraverso la poesia e la natura. Non è detto che anche le sonate di Berg e Liszt si adattino davvero a questa descrizione.

L'intenzione di Seong-Jin Cho su The Wanderer va oltre il significato del titolo, e tenta di unire la Fantasia “Wanderer” con Liszt, che ha realizzato un arrangiamento per pianoforte e orchestra, e con Berg, il cui linguaggio espressivo è nella scia dell'inquietudine schubertiana.

 

 

Alla sua quarta registrazione per Deutsche Grammophon, il giovane pianista coreano conferma la sua statura e stupisce per la sua maturità, che gli permette di esprimere la quintessenza di opere mai immediatamente accessibili. Egli sa coniugare grandezza e costruzione attraverso una tecnica impeccabile, che comunque non va mai a sostituirsi all'espressione. © François Hudry/Qobuz

 



ASCOLTA "THE WANDERER" DI SEONG-JIN CHO SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!