Categorie :

Neneh Cherry: nuda e cruda

Per celebrare i 30 anni dall'uscita del suo album "Raw Like Sushi", Neneh Cherry pubblica un'edizione rimasterizzata Deluxe, con tante sorprese!

da Marc Zisman | Video del giorno | 24 febbraio 2020
Reagire

Circa tre settimane dopo la nascita del suo primo figlio, Neneh Cherry si trovava davanti all'obiettivo della macchina fotografica di Jean-Baptiste Mondino per la leggendaria copertina dell'album Raw Like Sushi. La musicista che prima sperimentava con il punk, l'hip-hop, il trip-hop e l'electro stava per scoprire che il suo mix di pop, rap e soul sarebbe presto balzato in cima alle classifiche e che sarebbe diventato la colonna sonora perfetta per la fine degli anni Ottanta.

Per il grande pubblico, la storia della figliastra del trombettista svedese Don Cherry è iniziata con questo album pubblicato nel giugno 1989. Fino a quel momento, Neneh Cherry aveva prestato la sua voce alla scena punk londinese, con band come The Cherries, The Slits e soprattutto Rip Rig + Panic. La versione Deluxe 30th Anniversary di Raw Like Sushi riunisce gli album originali rimasterizzati, i B-sides e una valanga di remix, permettendo agli ascoltatori di rituffarsi nella scena underground dell'epoca, che giocava sull'intercambiabilità degli stili. Ad esempio, la tracklist di questo primo album ospita artisti come Tim Simenon alias Bomb The Bass ma anche la comitiva Wild Bunch/Massive Attack (Mushroom, Nellee Hooper e Robert "3D" Del Naja).



Le due hit di successo Buffalo Stance e Manchild riassumono la visione complessiva della cantante, allora venticinquenne. Il primo è caratterizzato da un rap grezzo e del buon vecchio scratching old school, con a corredo elementi di pop inconfondibilmente anni '80. Il secondo mescola il fascino delle ballate soul con la formula del trip-hop, il risultato è rivestito da un suono pop che rimanda a una Madonna dell'era Like A Virgin/True Blue/Like A Prayer.



Ma è soprattutto grazie alla sua voce, e a ritmi e toni più aggressivi, che Neneh Cherry si differenzia da tutti gli altri fin dall'inizio di questo suo esordio solista. Cinque anni dopo, 7 Seconds, il suo duetto con Youssou N'Dour, avrebbe dato un ulteriore impulso alla sua carriera. © Marc Zisman/Qobuz



Nel 2018, mentre Cherry era a Parigi a promuovere Broken Politics, Qobuz ha avuto la possibilità di discutere di tutto questo con lei, insieme a temi più ampi, sul ruolo odierno degli artisti nel settore:





ASCOLTA "RAW LIKE SUSHI (30TH ANNIVERSARY EDITION / DELUXE)" DI NENEH CHERRY SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!

Le tue letture