Il vostro carrello è vuoto

Sezioni :
Video del giorno

Jeanne Added spicca il volo

da Nicolas Magenham |

Con “Air”, la cantante firma un EP eclettico dove si incontrano funk, post-punk e sequenze strumentali...

Dopo il suo secondo album Radiate, del 2018, Jeanne Added ha deciso di sfruttare la libertà offerta dal formato EP. La produzione di Air è minimalista, e secondo la due volte vincitrice del premio Victoires de la Musique 2019, questo fattore permette “di percepire al meglio quello che suonano i musicisti, la libertà nelle melodie, la voce e tutta l'AIR che sta nel mezzo.”

Nel brano di punta intitolato proprio Air, canta per la prima volta (o quasi) in francese, su una musica composta solo da un ostinato e da strati sintetici. “Trovare le parole nella nostra lingua e far combaciare le melodie è una sfida. La vibrazione è molto diversa dall'inglese. Eppure, sono venute subito da me”, spiega Jeanne Added a proposito di questa canzone dalla morbidezza avvolgente, che evoca con poche parole il tema della separazione in amore. Le altre tracce sono in inglese, ma seguono questa linea spontanea e organica.

Con l'aiuto di Emiliano Turi alla batteria e di Sylvain Daniel al basso, la cantante biondo platino affronta una varietà di generi musicali - dal groove funky (Understand) al post-punk (Off My Back) - e non esita ad abbandonarsi a lunghe parti strumentali. © Nicolas Magenham/Qobuz

Questo progetto è accompagnato da questo cortometraggio diretto dal fotografo Julien Mignot, che si era già occupato della copertina di Radiate:

 

 

Nel 2015, Qobuz ha incontrato Jeanne Added in occasione dell'uscita del suo album Be Sensational. Da recuperare:

 



ASCOLTA "AIR" DI JEANNE ADDED SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!