Sezioni :
Video del giorno

In studio con i Parcels

da Marc Zisman |

Gli australiani si rinchiudono nei leggendari Hansa Studios di Berlino per registrare tutti i loro brani in una situazione live. Un album disponibile in Hi-Res 24Bit!

Un solo album dei Parcels all'attivo e già un album live? Un anno e mezzo dopo l'uscita della loro prima opera più solare che mai (e che ha vinto un Qobuzissime), con Live Vol.1 il quintetto australiano più cool del momento (prediletto anche dai Daft Punk) ci offre più di un'ora di musica, registrata su nastro magnetico in una condizione simile ad un live nei leggendari Hansa Studios di Berlino (dove sono stati realizzati Low e Heroes di David Bowie, Lust For Life e The Idiot di Iggy Pop, l'intero periodo berlinese di Nick Cave e dei suoi Bad Seeds, per non parlare di Achtung Baby degli U2 e Bossanova dei Pixies).

Nell'album Parcels, Jules Crommelin (chitarra), Patrick Hetherington (tastiere), Louie Swain (tastiere), Noah Hill (basso) e Anatole “Toto” Serret (batteria) avevano mostrato la loro semplice e sincera ossessione per le jam di gruppo. Una passione esacerbata dal contesto atipico di questo Live Vol.1, dove le versioni dei brani si avvicinano spesso a quelle originali. I Parcels fondono con una facilità quasi edonistica le loro influenze, che vanno dagli Steely Dan al funk degli Chic, passando per le basi pop tipiche dei Beatles o le armonie vocali dei Beach Boys.

Durante questo live nello studio dei Parcels sono state effettuate delle riprese. Il gruppo spiega: “Questo video era già stato pianificato due anni fa, prima ancora che iniziassimo a creare il nostro primo disco. Una lussuosa registrazione su nastro a 24 tracce di tutti i brani dell'album, eseguiti in uno studio classico. Se vi aspettavate cose esagerate o molto particolari, stavolta non ce ne sono. Per noi, due anni fa, quest'idea era la chiusura ideale per il nostro album di debutto. Sorprendentemente, ci sembra ancora oggi una buona idea, cosa che non succede mai, a meno che non si tratti della cosa giusta da fare. Un'attenta visione dall'inizio alla fine non farà saltare fuori niente di più. Piuttosto, immaginatelo come un concerto privato, come la colonna sonora della vostra cena, senza che vi sentiate obbligati ad applaudire, senza prezzi della birra eccessivi, e con la dolce opzione di potersi fermare per una pausa bagno senza rischiare di perdere la parte migliore dello spettacolo. La performance non è stata editata in alcun modo, solo mixata, con dentro gli errori e tutto il resto, quindi nel video siamo molto concentrati per farla suonare bene. C'è molta comunicazione visiva nervosa, qualche educato momento di ballo e, a volte, il semplice piacere dello stare assieme. Siamo entusiasti del risultato.” © Marc Zisman/Qobuz

 

 

Nel novembre 2018, Qobuz ha incontrato i Parcels a Parigi prima che salissero sul palco dell'Olympia, per parlare del loro primo album, ma anche delle loro molteplici influenze, della sabbia calda delle spiagge della loro infanzia e dell'importanza di lavorare come una squadra di cinque persone, senza un leader vero e proprio. Da recuperare:

 



ASCOLTA "LIVE VOL.1" DEI PARCELS SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!