Ezra Collective dinamite nel jazz inglese!

Il primo album, Qobuzissime, di un giovane gruppo che unisce afrobeat, jazz, hip-hop, reggae, soul e musiche dei caraibi...

da Marc Zisman | Video del giorno | 17 maggio 2019
Reagire
Qobuz

All’inizio del 2018, la compilation We Out Here uscita per l’etichetta di Gilles Peterson mette l’accento sulla giovane scena jazz britannica attuale, sulla sua vitalità, sulla sua energia e soprattutto sul suo eclettismo. Una corrente di cui molti hanno considerato il sassofonista Shabaka Hutchings (Sons of Kemet, The Comet is Coming, Melt Yourself Down…) come un capofila, ruolo che si è tra l’altro sempre rifiutato d’incarnare…

Le frontiere di questo jazz, come spesso con i musicisti di questa generazione, sono volontariamente sfumate. I cinque componenti degli Ezra Collective erano presenti su questa compilation eletta Qobuzissime. Con You Can’t Steal My Joy, la gang londinese diretta dal batterista Femi Koleoso firma infine il suo primo album.



Nel 2017, il loro EP Juan Pablo: The Philosopher (che si chiudeva con una bella cover di Space is the Place dei Sun Ra) aveva fatto sensazione, si era aggiudicato numerosi premi e aveva dato una visione molto afrobeat del jazz. Troviamo questa singolarità sulla loro opera ultra funky. Con Joe Armon Jones alle tastiere, TJ Koleoso al contrabbasso, Dylan Jones alla tromba, e James Mollison al sassofono, Koleoso orchestra una sinfonia festiva tranquilla basata sugli ottoni e sul ritmo.



Uno tsunami ibrido fatto di afrobeat, jazz, hip hop, reggae, musiche caraibiche soul. E per sottolineare meglio questa ampia visione, gli Ezra Collective imbarcano a bordo della loro crociera policroma la soul sister Jorja Smith (Reason in Disguise), il rapper Loyle Carner (What Am I to Do?) e il gruppo di afrobeat Kokoroko (Shakara). Non resta che assaporare questa bella sfilata eteroclita di paesaggi groovy. © Marc Zisman/Qobuz

ASCOLTA YOU CAN'T STEAL MY JOY DI EZRA COLLECTIVE SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!

Le tue letture