Il vostro carrello è vuoto

Sezioni :
Attualità

Dentro il sacco di Natale dei Calexico

da Stéphane Deschamps |

Con “Seasonal Shift”, il duo dell'Arizona ha pubblicato un magnifico album di Natale, su cui spiccano le cover di John Lennon e Tom Petty...

Rust never sleeps” (La ruggine non dorme mai), cantava Neil Young. Ma a Tucson, nel deserto dell'Arizona, l'aria è così secca che la ruggine può dormire più a lungo che altrove. Come per i Calexico: i due membri fondatori della band, Joey Burns e John Convertino, ex-Giant Sand, suonano insieme dai primi anni '90 e riescono ancora a creare dischi che suonano freschi come un frozen margarita.

Seasonal Shift, il loro quindicesimo album ad oggi, è dedicato alle canzoni di Natale. Canzoni composte per la maggior parte dai Calexico, assieme ad altre prese in prestito da John Lennon (Happy Xmas (War Is Over)), Tom Petty (Christmas All over Again) e Hugo Blanco (Mi Burrito Sabanero).

 

 

In tutta la sua carriera, la band ha costruito un'ottima catena di contatti, tra cui diversi musicisti latini. Li ritroviamo infatti su Seasonal Shift: Camilo Lara del Mexican Institute of Sound, le cantanti Gaby Moreno e Gisela João. Non mancano alcune chitarre acustiche e trombe mariachi, che fanno parte del classico Calexico sound. C’è anche un ospite che arriva da lontano, come i Re Magi: il chitarrista nigeriano Bombino.

 

 

Insomma, si tratta di un piccolo universo dove si creano canzoni da scoprire con la curiosità e la meraviglia con cui si aprono i doni trovati sotto l'albero di Natale. Canzoni belle, gioiose, mai banali, che ci invitano ad aprire una parentesi serena per la durata di un album. Alla fine del disco, alla stregua di un Manu Chao, i Calexico fanno ballare i cactus addobbati di ghirlande. © Stéphane Deschamps/Qobuz

 



ASCOLTA "SEASONAL SHIFT" DEI CALEXICO SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!


 Leggere anche

Per saperne di più su questo argomento