Categorie :

Bill Callahan, la quiete dopo la tempesta

Così Mister Smog ha chiuso il decennio confermando il suo titolo di maestro dell'Americana, disilluso... ma felice!

da Marc Zisman | Video del giorno | 24 gennaio 2020
Reagire

Quasi trent'anni dopo aver pubblicato il suo primo album con lo pseudonimo di Smog, Bill Callahan è diventato un'icona dell'Americana, dell'indie folk e dell'alternative country. Il cinquantenne cantautore americano ha sempre brillato con le sue canzoni, spesso taglienti e disilluse.

Tuttavia in questi ultimi anni Callahan si è sposato, ed è diventato addirittura padre! Una cosa tanto sconvolgente da dargli materiale a sufficienza da cui trarre spunti per creare nuova musica, almeno per ora. È per la prima volta che Callahan compone prendendo ispirazione dalla sua vita quotidiana. Shepherd in a Sheepskin Vest contiene alcuni dettagli della sua vita privata che ci erano ancora sconosciuti.





Il talento di Mr. Smog è tale da riuscire a raccontarci, per mezzo di una sottile narrazione, tutti questi aneddoti utilizzando un linguaggio musicale molto profondo. A questo si abbina un livello di strumentazione ridotto all’osso: ora una semplice chitarra folk, poi un tocco di chitarra lap-steel o un pizzico di mellotron e qualche goccia di contrabbasso altrove... Rilassato, sensibile ma non necessariamente troppo melenso, Bill Callahan entra in questa nuova fase della sua vita consegnandoci il suo album più profondo. © Marc Zisman/Qobuz



ASCOLTA "SHEPHERD IN A SHEEPSKIN VEST" DI BILL CALLAHAN SU QOBUZ


Per seguire tutto quello che succede su Qobuz, seguiteci su Facebook!

Le tue letture