Il vostro carrello è vuoto

Categorie :

Artisti simili

Gli album

8810 album selezionati per I più venduti
HI-RES17,49 €
CD12,49 €

Classica - Uscito il 13 ottobre 2017 | harmonia mundi

Hi-Res Libretto Riconoscimenti Diapason d'or - Le Choix de France Musique - 5 Sterne Fono Forum Klassik
Bach (Johann Sebastian, s’intende) o solo Bach? È la domanda che si sono posti la violinista Amandine Beyer e l’ensemble Gli Incogniti appropriandosi di una bella manciata di opere a lungo attribuite al Kantor, ma che sono in realtà il prodotto di altri compositori, più o meno noti e identificati. Ad esempio la Sonata BWV 1024, «finita» nel repertorio di Bach forse perché un musicologo ha saputo utilizzare gli argomenti scientifici adatti (carta, copisti, contesti geostorici) per raggiungere i propri fini. Lo stile della composizione, seppure non priva di un certo sentore bachiano,, rientra difficilmente in quelli che erano i canoni di scrittura del musicista. Così, onde evitare che la sonata finisse nell’abisso dell’anonimato, la si fa oggi risalire a Pisendel, a torto o a ragione. Il Trio BWV 1036 è opera di Carl Philipp Emanuel Bach – cosa di cui nessuno ha mai davvero dubitato, anche se qualche edizione meno scrupolosa ne omette il nome... Il Trio BWV 1037, invece, sembra essere di Goldberg (quello delle Variazioni). La Suite in la minore BWV 1025 presenta un caso di paternità ambigua, ma in realtà si tratta di un arrangiamento di Bach per violino e clavicembalo a partire dalla Suite SC 47 per liuto del suo amico e collega Silvius Leopold Weiss. Ecco dunque delle opere che, dopo aver a lungo soggiornato nel paradiso della paternità di Bach, si ritrovano riversate nell’inferno del «falso», senza che i loro compositori potessero farci nulla! Mondo ingiusto... © SM/Qobuz
HI-RES16,49 €
CD10,99 €

Classica - Uscito il 11 ottobre 2019 | Château de Versailles Spectacles

Hi-Res Libretto Riconoscimenti Qobuzissime
Bach celebra il suo primo Natale a Lepizig (1723) presentando la sua cantata Christen, ätzet diesen Tag, BWV 63, un'opera impressionante che ha risuonato in tutto il suo splendore nella Thomaskirche e che con i suoi cori iniziali e finali è un preludio perfetto al Magnificat BWV 243A eseguito nell'ufficio dei Vespri. Il giovane direttore francese Valentin Tournet (solo 23 anni!) è particolarmente interessato agli aspetti meno noti delle grandi opere di Bach. E così, per la prima registrazione con il suo ensemble, ha scelto la prima versione del Magnificat. Composto in Si bemolle maggiore, un tono molto confortevole per i fiati, questo spartito vede l'uso dei flauti a becco, con le loro reminiscenze pastorali, anziché i flauti traversi. Molto meno frequente della versione rivisitata BWV 243 del 1743, l'opera viene offerta qui insieme a quattro lodi per il Natale.Valentin Tournet apporta talento e coraggio in queste interpretazioni particolarmente brillanti, per le quali ha preso diverse decisioni insolite ma coerenti. Essendo lo stesso Tournet un violista da gamba, è particolarmente sensibile all'energia vitale che il violoncello può fornire, purché l'organo non li superi in intensità. Questo è il motivo per cui la scelta è caduta su un organo positivo. Un altro aspetto affascinante è che i cantanti solisti non si limitano a cantare le loro parti, ma sono integrati nel coro, creando così una continuità totale e un'emozione veramente collettiva. © Elsa Siffert / Qobuz
HI-RES28,99 €
CD20,99 €

Classica - Uscito il 04 settembre 2020 | Deutsche Grammophon (DG)

Hi-Res Libretto
HI-RES19,49 €
CD13,99 €

Assoli per pianoforte - Uscito il 07 settembre 2018 | Deutsche Grammophon (DG)

Hi-Res Libretto Riconoscimenti Gramophone Editor's Choice
Dopo un primo sontuoso album nel 2016 per Deutsche Grammophon, dedicato alle opere per pianoforte di Philip Glass, ecco che il pianista islandese Víkingur Ólafsson, nato nel 1984, ritorna all’etichetta gialla con un album intitolato semplicemente Johann Sebastian Bach, una sobrietà di cui il marketing degli ultimi anni ci aveva un po’ privati.Sotto le dita precise e vigorose di Víkingur Ólafsson, Bach si vede ringiovanito fino ad avere la parrucca di traverso. Questo Bach swinga e danza con una gioia prodigiosa, ma sa anche riempirsi di malinconia nei Preludi corali. Il programma, originalissimo, propone in trentacinque tracce alcuni estratti del Clavicembalo ben temperato, ma anche delle Invenzioni e delle Sinfonie, delle trascrizioni firmate Rachmaninov, Busoni, Siloti e Wilhelm Kempff, e le rare Arie variate alla maniera italiana, BWV 989, dal virtuosismo molto colorito, che permettono al pianista di sfruttare appieno la varietà di un tocco insieme estremamente articolato, sempre curato nel timbro e profondamente in armonia col pianoforte.Questo singolare pianista è cresciuto a Reykjavík ed ha intrapreso lo studio del pianoforte giovanissimo, sotto la direzione della madre, insegnante di pianoforte. In seguito ha studiato alla Juilliard School di New York, per poi tornare nel suo Paese ad esibirsi con Philip Glass e Björk per la Televisione islandese. Appassionato di musica contemporanea, Víkingur Ólafsson ha inoltre eseguito la prima di sei concerti per pianoforte di compositori islandesi, nonché di svariati componimenti per pianoforte solo o di musica da camera. Prima di firmare un contratto esclusivo con Deutsche Grammophon nel 2016, Ólafsson ha pubblicato tre album con la propria etichetta Dirrindí.La musicalità appassionata e la curiosità intellettuale di Víkingur Ólafsson gli sono valse numerosi premi d’interpretazione in Islanda, fra cui quello di «Musicista dell’anno» ed il «Premio dell’ottimismo» islandesi. Un ottimismo che mette qui al servizio della musica di Bach, con evidente ghiottoneria. © François Hudry/Qobuz
HI-RES28,99 €
CD20,99 €

Classica - Uscito il 10 aprile 2020 | Deutsche Grammophon (DG)

Hi-Res Libretto
Vedere il nome di Trevor Pinnock sulla copertina di una nuova pubblicazione della Deutsche Grammophon - più di vent’anni dopo i suoi lavori per Archiv Produktion, la sotto-label dell’etichetta gialla dedicata ai repertori di musica antica e barocca - dà una strana sensazione, mista a una leggera eccitazione. Prodotta dall’artista stesso (che per l’occasione si avvale di Philip Hobbs, noto ingegnere del suono e direttore artistico, grazie al quale il bellissimo clavicembalo costruito da David Way e modellato su uno strumento di Jean Henri Hemsch brilla in tutto il suo splendore sonoro), questa registrazione del Primo Libro del Clavicembalo ben temperato di Bach, eseguita presso la Colyer-Fergusson Hall dell’Università del Kent nell’agosto 2018 e nel gennaio 2019, esaudisce un vecchio desiderio del clavicembalista britannico, che confessa nell’emozionante testo di presentazione dell’opera la sua ammirazione per il “doppio” carattere di questo primo libretto. Ad esempio, alcuni dittici presentano delle caratteristiche assolutamente pedagogiche, quasi formaliste, ideali per l’apprendimento dell’arte del suonare o del comporre, mentre altri, come Preludio e la Fuga in si minore finale, rivelano una maggiore ambizione compositiva, vicina all’astrazione, più difficile da cogliere per i musicisti “apprendisti”. Pinnock sottolinea anche che questa musica può essere ascoltata e condivisa soprattutto in piccoli gruppi, con la famiglia, o in particolare con gli studenti.È questa accezione intima che colpisce nell’ascolto di questa interpretazione. Trevor Pinnock non ha esitato a scrivere tutti i 24 preludi e fughe, dando a tutto il libretto un’atmosfera solare: il suo modo di suonare trasuda felicità, gioia di vivere, anche quando si tratta di tonalità generalmente più malinconiche (Preludio e fuga in mi minore), più rassegnate (Preludio e fuga in si bemolle minore), più oscure (Preludio e fuga in fa minore) o inquiete (Preludio e fuga in sol diesis minore), nonostante le intricate architetture che vanno via via dipanandosi durante le due ore di questo Primo Libro. Una versione appassionata e appassionante, da non perdere. © Pierre-Yves Lascar/Qobuz
CD5,99 €

Musica concertante - Uscito il 04 settembre 2015 | Alpha

Libretto Riconoscimenti Diapason d'or - 4 étoiles Classica
HI-RES12,49 €
CD8,99 €

Assoli per pianoforte - Uscito il 11 settembre 2015 | Sony Classical

Hi-Res Libretto Riconoscimenti La discoteca ideale Qobuz
HI-RES23,99 €
CD15,99 €

Classica - Uscito il 07 febbraio 2020 | Phi

Hi-Res Libretto Riconoscimenti 5 de Diapason
HI-RES14,99 €
CD9,99 €

Classica - Uscito il 22 maggio 2020 | Delphian

Hi-Res Libretto
HI-RES25,99 €
CD21,49 €

Musica da camera - Uscito il 17 agosto 2018 | Sony Classical

Hi-Res Libretto Riconoscimenti 5 de Diapason - Gramophone Editor's Choice
Come sarebbe a dire, Sei evoluzioni? Titolo interessante, persino esoterico… Il violoncellista Yo-Yo Ma, che non dobbiamo più presentare dopo circa cinque decenni di carriera planetaria, firma qui la sua terza (ed ultima, dice) incisione delle Suite per violoncello solo di Bach. La prima, da ventenne, scatenò entusiasmo, la seconda, sulla quarantina, scatenò emozione: cosa scatenerà questa visione finale sulla sessantina ben inoltrata? Serenità e gioia, senz’alcun dubbio, il compimento di una tripla evoluzione discografica. Detto questo, non si spiegano ancora le Sei evoluzioni, e bisogna andare a scavare in un recesso del libretto d’accompagnamento per trovare un’indicazione, che in realtà non è affatto illuminante, visto che non comporta alcun chiarimento: 1) La nature en jeu, 2) Voyage vers la lumière, 3) Célébration, 4) Construction/Élaboration, 5) Lutte pour l’espoir, e 6) Épiphanie. Beh… Comunque sia, e nonostante la dichiarazione (e la qualità straordinaria di quest’interpretazione), ci diamo appuntamento verso il 2038 per vedere se decide ugualmente di riproporre una lettura degli ottant’anni! © SM/Qobuz
HI-RES25,19 €
CD17,99 €

Concerti per violino - Uscito il 15 marzo 2019 | harmonia mundi

Hi-Res Libretto Riconoscimenti 5 de Diapason - Gramophone Editor's Choice - 5 Sterne Fono Forum Klassik
HI-RES14,99 €
CD9,99 €

Classica - Uscito il 22 febbraio 2019 | Ramée

Hi-Res Libretto Riconoscimenti Diapason d'or de l'année - Diapason d'or
HI-RES26,99 €
CD19,49 €

Classica - Uscito il 14 giugno 2019 | ECM New Series

Hi-Res Libretto Riconoscimenti 5 Sterne Fono Forum Klassik
Nell’ambito di un viaggio piuttosto vasto attraverso il lavoro del Cantor di Lipsia voluto da Keith Jarrett, nel 1988 veniva alla luce un’interpretazione del Libro I de Il Clavicembalo Ben Temperato di J. S. Bach, registrato nel febbraio 1987. Questa nuova versione proposta -al pianoforte- dalla ECM New Series risale allo stesso periodo. Registrata il 7 marzo 1987 alla Troy Savings Bank Music Hall, è impregnata dello stesso desiderio di fluidità nel discorso e di un’irresistibile pulsione, il che è particolarmente apprezzato nelle fughe che possono risuonare grazie ad altre dita vigorose (do diesis maggiore). Tutto sembra voler ballare, essere in movimento (re maggiore). Non troveremo qui la paletta variopinta dispiegata nelle polifonie da pianisti come Tatiana Nikolayeva, Samuel Feinberg o anche da un clavicembalista come Gustav Leonhardt. Per Keith Jarrett, Bach resta in definitiva il trionfo della struttura, e lo interpreta per confrontarsi soprattutto con una delle caratteristiche della propria arte: l’elaborazione polifonica. Il lavoro del Cantor è un supporto alla propria creatività musicale come jazzista e improvvisatore. Poesia ed emozione, tuttavia, non mancano mai. Una versione che delizierà tutti gli amanti dell’arte di Keith Jarrett che potranno confrontare le due versioni realizzate a distanza di qualche settimana l’una dall’altra. © Qobuz
HI-RES14,99 €
CD9,99 €

Musica da camera - Uscito il 07 giugno 2019 | BIS

Hi-Res Libretto
HI-RES26,99 €
CD19,49 €

Classica - Uscito il 15 novembre 2019 | ECM New Series

Hi-Res Libretto Riconoscimenti 5 de Diapason
HI-RES15,99 €
CD11,49 €

Classica - Uscito il 22 marzo 2019 | La Dolce Volta

Hi-Res Libretto Riconoscimenti 5 de Diapason - 4F de Télérama - Gramophone Editor's Choice
HI-RES44,99 €
CD29,99 €

Classica - Uscito il 07 febbraio 2020 | BIS

Hi-Res Libretto Riconoscimenti 5 étoiles de Classica
HI-RES26,99 €
CD17,99 €

Assoli per violino - Uscito il 08 settembre 2017 | Ondine

Hi-Res Libretto Riconoscimenti Diapason d'or de l'année - Diapason d'or - Le Choix de France Musique - Choc de Classica - Registrazioni Eccezionali - 5 Sterne Fono Forum Klassik
HI-RES29,99 €
CD21,49 €

Messe, Passioni, Requiem - Uscito il 07 ottobre 2013 | harmonia mundi

Hi-Res Libretto Riconoscimenti Choc de Classica - Choc Classica de l'année - HD Audio
HI-RES17,49 €
CD12,49 €

Musica da camera - Uscito il 25 settembre 2012 | harmonia mundi

Hi-Res Libretto Riconoscimenti Diapason d'or - 4 étoiles Classica - Qobuzissime - HD Audio