Categorie :

Artisti simili

Gli album

CD20,49 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 15 marzo 2019 | Nonesuch

Libretto
HI-RES20,49 €
CD17,49 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 11 dicembre 2018 | Nonesuch

Hi-Res
A 65 anni, David Byrne posa la bici (la sua ultima passione) per pubblicare il suo primo album da solista dopo quattrodici anni. Scritto a quattro mani con Brian Eno, suo partner storico col quale iniziò a lavorare all’epoca dei Talking Heads, American Utopia è uno di quei patchwork di cui solo Byrne conosce il segreto. Incrociare i generi, fondere i continenti e abbattere le frontiere stilistiche, sono tutte cose che l’ex studente della scuola di design di Rhode Island ha sempre avuto nel sangue. Dopo aver fatto punk funk, salsa, collage di elettronica, dischi con gente tanto diversa quanto Fatboy Slim e Annie Clark alias St. Vincent, musica per film e balletto e circa 12.547 altre cose, eccolo che torna a un format di canzone un po’ più classica, ma giusto un po’. Le sue composizioni dall’essenza pop sono costantemente attraversate da lampi di elettronica, world e funk, e spesso flirtano con quelle del suo ex gruppo. Con la sua penna sempre così affilata e a volte controcorrente, David Byrne vuole inoltre credere che un’America diversa da quella di Donald Trump è possibile. Aiutato qua e là da «giovani» come Sampha, TTY e Happa Isaiah Barr degli Onyx Collective, sforna il suo disco solista più riuscito dopo tanti anni. L’opera di un’icona sui generis del pop contemporaneo che ha saputo prendere la giusta distanza dalla sua carriera, dalla sua arte e dal suo rapporto con il mondo per rimettersi ancora una volta in discussione. © Marc Zisman/Qobuz
CD17,49 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 11 dicembre 2018 | Nonesuch

A 65 anni, David Byrne posa la bici (la sua ultima passione) per pubblicare il suo primo album da solista dopo quattrodici anni. Scritto a quattro mani con Brian Eno, suo partner storico col quale iniziò a lavorare all’epoca dei Talking Heads, American Utopia è uno di quei patchwork di cui solo Byrne conosce il segreto. Incrociare i generi, fondere i continenti e abbattere le frontiere stilistiche, sono tutte cose che l’ex studente della scuola di design di Rhode Island ha sempre avuto nel sangue. Dopo aver fatto punk funk, salsa, collage di elettronica, dischi con gente tanto diversa quanto Fatboy Slim e Annie Clark alias St. Vincent, musica per film e balletto e circa 12.547 altre cose, eccolo che torna a un format di canzone un po’ più classica, ma giusto un po’. Le sue composizioni dall’essenza pop sono costantemente attraversate da lampi di elettronica, world e funk, e spesso flirtano con quelle del suo ex gruppo. Con la sua penna sempre così affilata e a volte controcorrente, David Byrne vuole inoltre credere che un’America diversa da quella di Donald Trump è possibile. Aiutato qua e là da «giovani» come Sampha, TTY e Happa Isaiah Barr degli Onyx Collective, sforna il suo disco solista più riuscito dopo tanti anni. L’opera di un’icona sui generis del pop contemporaneo che ha saputo prendere la giusta distanza dalla sua carriera, dalla sua arte e dal suo rapporto con il mondo per rimettersi ancora una volta in discussione. © Marc Zisman/Qobuz
CD0,99 €

Rock - Uscito il 06 aprile 2018 | Vanity Projects

HI-RES15,99 €
CD13,49 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 09 marzo 2018 | Nonesuch

Hi-Res Libretto
A 65 anni, David Byrne posa la bici (la sua ultima passione) per pubblicare il suo primo album da solista dopo quattrodici anni. Scritto a quattro mani con Brian Eno, suo partner storico col quale iniziò a lavorare all’epoca dei Talking Heads, American Utopia è uno di quei patchwork di cui solo Byrne conosce il segreto. Incrociare i generi, fondere i continenti e abbattere le frontiere stilistiche, sono tutte cose che l’ex studente della scuola di design di Rhode Island ha sempre avuto nel sangue. Dopo aver fatto punk funk, salsa, collage di elettronica, dischi con gente tanto diversa quanto Fatboy Slim e Annie Clark alias St. Vincent, musica per film e balletto e circa 12.547 altre cose, eccolo che torna a un format di canzone un po’ più classica, ma giusto un po’. Le sue composizioni dall’essenza pop sono costantemente attraversate da lampi di elettronica, world e funk, e spesso flirtano con quelle del suo ex gruppo. Con la sua penna sempre così affilata e a volte controcorrente, David Byrne vuole inoltre credere che un’America diversa da quella di Donald Trump è possibile. Aiutato qua e là da «giovani» come Sampha, TTY e Happa Isaiah Barr degli Onyx Collective, sforna il suo disco solista più riuscito dopo tanti anni. L’opera di un’icona sui generis del pop contemporaneo che ha saputo prendere la giusta distanza dalla sua carriera, dalla sua arte e dal suo rapporto con il mondo per rimettersi ancora una volta in discussione. © Marc Zisman/Qobuz
CD13,49 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 09 marzo 2018 | Nonesuch

Libretto
A 65 anni, David Byrne posa la bici (la sua ultima passione) per pubblicare il suo primo album da solista dopo quattrodici anni. Scritto a quattro mani con Brian Eno, suo partner storico col quale iniziò a lavorare all’epoca dei Talking Heads, American Utopia è uno di quei patchwork di cui solo Byrne conosce il segreto. Incrociare i generi, fondere i continenti e abbattere le frontiere stilistiche, sono tutte cose che l’ex studente della scuola di design di Rhode Island ha sempre avuto nel sangue. Dopo aver fatto punk funk, salsa, collage di elettronica, dischi con gente tanto diversa quanto Fatboy Slim e Annie Clark alias St. Vincent, musica per film e balletto e circa 12.547 altre cose, eccolo che torna a un format di canzone un po’ più classica, ma giusto un po’. Le sue composizioni dall’essenza pop sono costantemente attraversate da lampi di elettronica, world e funk, e spesso flirtano con quelle del suo ex gruppo. Con la sua penna sempre così affilata e a volte controcorrente, David Byrne vuole inoltre credere che un’America diversa da quella di Donald Trump è possibile. Aiutato qua e là da «giovani» come Sampha, TTY e Happa Isaiah Barr degli Onyx Collective, sforna il suo disco solista più riuscito dopo tanti anni. L’opera di un’icona sui generis del pop contemporaneo che ha saputo prendere la giusta distanza dalla sua carriera, dalla sua arte e dal suo rapporto con il mondo per rimettersi ancora una volta in discussione. © Marc Zisman/Qobuz
CD2,29 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 08 gennaio 2018 | Nonesuch

CD0,99 €

Country - Uscito il 10 febbraio 2013 | Ladies Gun Club

CD16,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 29 settembre 1989 | Warner Records

CD9,99 €

Colonne sonore - Uscito il 19 agosto 2008 | Todo Mundo

CD16,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 15 marzo 2004 | Nonesuch

CD16,99 €

Musica alternativa e indie - Uscito il 11 giugno 1991 | Warner Records