Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

The Futureheads - Worry About It Later (7"#2)

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Worry About It Later (7"#2)

The Futureheads

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Worry About It Later (7"#2)

The Futureheads

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

DISCO 1

1
Worry About It Later (- Live at the Sage Theatre with Field Music) 00:03:21

The Futureheads, Writer, Performance, MainArtist - Andrew Thornton, Mixer, Recorded by - Field Music, Performance

2006 679 Recordings Ltd. 2006 679 Recordings Ltd.

DISCO 2

1
Fallout (- Live at the Sage Theatre with Field Music) 00:02:50

The Futureheads, Writer, Performance, MainArtist - Andrew Thornton, Mixer, Recorded by - Field Music, Performance

2006 679 Recordings Ltd. 2006 679 Recordings Ltd.

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
The Lion King Various Artists
Beethoven: 9 Symphonies Berliner Philharmoniker
Altro su Qobuz
Di The Futureheads
Powers The Futureheads
Jekyll The Futureheads
This Is Not The World The Futureheads
Ti potrebbe piacere anche...
Peel Session 2 Aphex Twin
Cry Cigarettes After Sex
i,i Bon Iver
Nelle Panoramiche...
Jack White al salvataggio del rock

Dagli White Stripes alla svolta come solista, Jack White ha suonato la campana a morto di un rock ormai andato a male. Dieci anni dopo «Seven Nation Army», il genio dai mille progetti profetizza che la riscossa del rock sta arrivando in forza. Nell’attesa, una retrospettiva sul fenomeno White.

Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

Americana, alle radici dell’America

Il nome saprà anche di trovata commerciale un po’ fumosa, ma il genere Americana designa da una ventina d’anni quel mix di rock, country, blues e rhythm&blues. E come in ogni grande famiglia che si rispetti, si ritrovano un po’ tutti i personaggi: la figlia ribelle, lo zio colto, il padre irrequieto, la cugina esaltata…

Nel magazine...