Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Joe Goddard - Unknown Song

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Unknown Song

Joe Goddard and Hayden Thorpe

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Unknown Song

Joe Goddard

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Unknown Song
00:03:55

Joe Goddard, Composer, Lyricist, Producer, MainArtist - Mark Ralph, Producer, Mixer - BMG Music Publishing, MusicPublisher - Domino Publishing Company Ltd, MusicPublisher - Hayden Thorpe, Composer, Lyricist, MainArtist

2020 Domino Recording Co Ltd 2020 Domino Recording Co Ltd

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Joe Goddard
Electric Lines Joe Goddard
Electric Lines Joe Goddard
Taking Over Joe Goddard
Unknown Song Joe Goddard
Ti potrebbe piacere anche...
Folklore (Explicit) Taylor Swift
Myopia Agnes Obel
Ghosteen Nick Cave & The Bad Seeds
Nelle Panoramiche...
Neoclassica: un nuovo mondo ai confini dell’elettronica e della classica

Ólafur Arnalds, Nils Frahm, Max Richter, Poppy Ackroyd, Peter Broderick, Joana Gama… Da qualche anno tutti questi nomi alla moda sono stati raggruppati sotto la vasta ed eterogenea etichetta “neoclassica”. A dire il vero, questo “panorama” somiglia piuttosto ad una banda eterogenea di artisti indagatori, che mescolano strumenti classici e produzione elettronica – in connessione cosciente con i pionieri del minimalismo americano – che deliziano i sensi ed aprono nuove prospettive da entrambi i lati del loro spettro musicale.

Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo, nemmeno a quarantacinque anni dalla sua uscita.

Shoegaze, la quiete e la tempesta

Difficile mettere insieme due facce più diverse di quelle dello shoegaze, corrente rock che illumina l’Inghilterra all’alba degli anni ’90: un affascinante braccio di ferro tra chitarre violente e voci soavi. Dai precursori Cocteau Twins e Jesus & Mary Chain ai valorosi My Bloody Valentine, Ride e Slowdive, lo shoegaze è ancora in voga e sono in parecchi a far splendere le chitarre.

Nel magazine...