Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

IDLES  - Ultra Mono

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Ultra Mono

Idles

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 48.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Ormai sta diventando una consuetudine: a fine estate arriva un nuovo album degli Idles: Ultra Mono. Dopo il brutale Brutalism, nell’autunno del 2018 il quintetto punk guidato da Joe Talbot ha sfornato l’acclamato Joy As An Act Of Resistance, che li ha portati in cima alle classifiche e che li ha fatti eleggere "miglior gruppo punk d’Inghilterra" dal Guardian. Elogi e punk non vanno a braccetto, e infatti la band ha ricevuto anche tante ostilità. Jason Williamson dei radicali Sleaford Mods, sostenuto dai Fat White Family, li ha accusati di essersi appropriati dei temi cari alla working class. Accusa a cui Talbot ha risposto dicendo di essere mosso dalle sue convinzioni interiori. A torto o a ragione, con Ultra Mono, gli inglesi hanno colpito duramente nel segno. Ultra breve, ultra forte, ultra violento, ultra veloce, ultra tutto, l’album regala al genere i suoi migliori superlativi. E da War, brano d’apertura, la pressione sale in un crescendo con questo coro: “Whaching! That’s the sound of the sword going in!” che urla su dei tamburi marziali. Linee di basso magistrali (Anxiety, Reigns), chitarre ruvidissime che deflagrano in un post-punk radicale, che a volte lasciano il posto alla tregua (Kill Them With Kindness con Jamie Cullum e David Yow dei Jesus Lizard, Carcinogenic) e a un rock più morbido (Model Village, Ne touche pas moi con Jehnny Beth), evitando di fossilizzarsi su brani sempre solo pesanti. Continuando la sua prosa sui mali che divorano l’Albione, spargendo parole sull’immigrazione e sul patriarcato, Talbot invoca un fronte comune, e sceglie l’amore come epilogo (“Fuck You, I’m A Lover, I’m A Lover, I’m a Soul singer”). Senza possibilità di dibattito, gli Idles offrono la loro migliore proposta. © Charlotte Saintoin/Qobuz

Maggiori informazioni

Ultra Mono

IDLES

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 70 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 70 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
War
Idles
00:03:07

Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

2
Grounds
Idles
00:03:08

Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

3
Mr. Motivator
Idles
00:03:15

Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

4
Anxiety
Idles
00:02:59

Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

5
Kill Them With Kindness (feat. Jamie Cullum & David Yow)
Idles
00:03:49

Jamie Cullum, Composer - Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

6
Model Village
Idles
00:03:54

Joe South, Composer - Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

7
Ne Touche Pas Moi (feat. Jehnny Beth)
Idles
00:02:33

Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

8
Carcinogenic
Idles
00:03:50

Terry Hall, Composer - Neville Staples, Composer - Lynval Golding, Composer - Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

9
Reigns
Idles
00:04:02

Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

10
The Lover
Idles
00:03:16

Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

11
A Hymn
Idles
00:05:18

Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

12
Danke
Idles
00:03:34

Daniel Johnston, Composer - Idles, MainArtist - Mark Bowen, Composer - Adam Devonshire, Composer - Jonathan Beavis, Composer - Joseph Talbot, Composer - Lee Kiernan, Composer

2020 Partisan Records 2020 Partisan Records

Descrizione dell'album

Ormai sta diventando una consuetudine: a fine estate arriva un nuovo album degli Idles: Ultra Mono. Dopo il brutale Brutalism, nell’autunno del 2018 il quintetto punk guidato da Joe Talbot ha sfornato l’acclamato Joy As An Act Of Resistance, che li ha portati in cima alle classifiche e che li ha fatti eleggere "miglior gruppo punk d’Inghilterra" dal Guardian. Elogi e punk non vanno a braccetto, e infatti la band ha ricevuto anche tante ostilità. Jason Williamson dei radicali Sleaford Mods, sostenuto dai Fat White Family, li ha accusati di essersi appropriati dei temi cari alla working class. Accusa a cui Talbot ha risposto dicendo di essere mosso dalle sue convinzioni interiori. A torto o a ragione, con Ultra Mono, gli inglesi hanno colpito duramente nel segno. Ultra breve, ultra forte, ultra violento, ultra veloce, ultra tutto, l’album regala al genere i suoi migliori superlativi. E da War, brano d’apertura, la pressione sale in un crescendo con questo coro: “Whaching! That’s the sound of the sword going in!” che urla su dei tamburi marziali. Linee di basso magistrali (Anxiety, Reigns), chitarre ruvidissime che deflagrano in un post-punk radicale, che a volte lasciano il posto alla tregua (Kill Them With Kindness con Jamie Cullum e David Yow dei Jesus Lizard, Carcinogenic) e a un rock più morbido (Model Village, Ne touche pas moi con Jehnny Beth), evitando di fossilizzarsi su brani sempre solo pesanti. Continuando la sua prosa sui mali che divorano l’Albione, spargendo parole sull’immigrazione e sul patriarcato, Talbot invoca un fronte comune, e sceglie l’amore come epilogo (“Fuck You, I’m A Lover, I’m A Lover, I’m a Soul singer”). Senza possibilità di dibattito, gli Idles offrono la loro migliore proposta. © Charlotte Saintoin/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

Chopin : Piano Concertos

Benjamin Grosvenor

Chopin : Piano Concertos Benjamin Grosvenor

Chopin : Nocturnes

Fazil Say

Chopin : Nocturnes Fazil Say

Chopin: Etudes

Maurizio Pollini

Chopin: Etudes Maurizio Pollini

Chopin: Piano Concerto nos. 1 & 2

Krystian Zimerman

Altro su Qobuz
Di IDLES

Model Village

IDLES

Joy as an Act of Resistance.

IDLES

Brutalism

IDLES

Brutalism IDLES

A Beautiful Thing: IDLES Live at Le Bataclan

IDLES

Sodium

IDLES

Sodium IDLES
Ti potrebbe piacere anche...

Back the Way We Came: Vol. 1 (2011 - 2021)

Noel Gallagher's High Flying Birds

Back the Way We Came: Vol. 1 (2011 - 2021) Noel Gallagher's High Flying Birds

evermore (Explicit)

Taylor Swift

evermore (Explicit) Taylor Swift

Folklore (Explicit)

Taylor Swift

Folklore (Explicit) Taylor Swift

WHEN WE ALL FALL ASLEEP, WHERE DO WE GO?

Billie Eilish

Terra Firma

Tash Sultana

Terra Firma Tash Sultana
Nelle Panoramiche...
Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo.

E i Cure passarono al remix…

I Cure ripubblicano in edizione Deluxe "Mixed Up", il loro album di remix uscito nel 1990. Un disco atipico che stava particolarmente a cuore al loro leader Robert Smith, come testimonia questa intervista dell’epoca.

Tom Waits, gli anni Asylum

Prima di diventare una specie di Howlin’ Wolf punk da cabaret, il personaggio Tom Waits è nato come autore di canzoni ossessionato dal jazz, dalle melodie di Broadway e dalla Beat Generation di Kerouac. Tra il 1973 e il 1980, il californiano registrerà per l’etichetta Asylum sei album in studio e un live, ripubblicati di recente e rimasterizzati in alta risoluzione a 24 Bit. Retrospettiva sugli inizi caotici e appassionanti del barbone celeste più seducente.

Nel magazine...