Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Noel Mcghie - Trapeze

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Trapeze

Noel McGhie & Space Spies

Disponibile in
16-Bit CD Quality 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Lingua disponibile: inglese

Noel McGhie, a little-known Anglo-Jamaican drummer who is hugely popular with free jazz fans, moved to Paris in the early 70s. A worthy heir to Max Roach and Rashied Ali, McGhie even composed music for the Spaniard Fernando Arrabal and became Steve Lacy’s favourite drummer, another exile in the French capital. Other avant-garde musicians soon called on him: François Tusques, Archie Shepp, Bobby Few, Byard Lancaster, Mal Waldron, Anthony Braxton, Alan Silva and Chico Freeman. In 1971, McGhie even featured on Colette Magny’s album Répression! Surprisingly, his album Trapeze (released in 1975) was more like funk than free jazz. With saxophonist Jorge Joao, trumpeter Itaru Oki, electric pianist Georges-Edouard Nouel and bassist Louis Xavier, he produced a wonderful, groovy, 70’s-style score that way surpassed most American productions of that time. A jazz fusion gem that should be rediscovered immediately! © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

Trapeze

Noel Mcghie

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Trapeze
00:07:40

Noël McGhie & Space Spies, Performer - Noel Mcghie, Composer, Writer

Sonodisc Esperance

2
Dancer
00:06:46

Noël McGhie & Space Spies, Performer - Noel Mcghie, Composer, Writer

Sonodisc Esperance

3
For Gone Desillusion
00:04:25

Noël McGhie & Space Spies, Performer - Noel Mcghie, Composer, Writer

Sonodisc Esperance

4
Ubet
00:11:53

Noël McGhie & Space Spies, Performer - Noel Mcghie, Composer, Writer

Sonodisc Esperance

5
Mademoiselle Tuloch
00:07:27

Noël McGhie & Space Spies, Performer - Noel Mcghie, Composer, Writer

Sonodisc Esperance

Descrizione dell'album

Noel McGhie, a little-known Anglo-Jamaican drummer who is hugely popular with free jazz fans, moved to Paris in the early 70s. A worthy heir to Max Roach and Rashied Ali, McGhie even composed music for the Spaniard Fernando Arrabal and became Steve Lacy’s favourite drummer, another exile in the French capital. Other avant-garde musicians soon called on him: François Tusques, Archie Shepp, Bobby Few, Byard Lancaster, Mal Waldron, Anthony Braxton, Alan Silva and Chico Freeman. In 1971, McGhie even featured on Colette Magny’s album Répression! Surprisingly, his album Trapeze (released in 1975) was more like funk than free jazz. With saxophonist Jorge Joao, trumpeter Itaru Oki, electric pianist Georges-Edouard Nouel and bassist Louis Xavier, he produced a wonderful, groovy, 70’s-style score that way surpassed most American productions of that time. A jazz fusion gem that should be rediscovered immediately! © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
A Love Supreme John Coltrane
80/81 Pat Metheny

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Just Coolin' Art Blakey & The Jazz Messengers
Beautiful Vinyl Hunter Ashley Henry
RoundAgain Joshua Redman
Nelle Panoramiche...
Impulse! Orange was the new Black

Insieme a Blue Note e Verve, Impulse! è senza dubbio l’etichetta americana di jazz più nota. Una casa dipinta d’arancione che ospitò ovviamente John Coltrane ma anche i musicisti più avventurosi degli anni ’60.

John Barry, il genio è nella varietà

La musica per il cinema richiede sensibilità e destrezza speciale per poter far fronte ad ogni stile con dignità: dal suono disco per una scena da night-club ad un madrigale per un film d’epoca, il compositore cinematografico deve essere in grado di cimentarsi in ogni stile. John Barry ha dimostrato, una e più volte, d’essere stato uno dei più grandi autori di colonne sonore, capace di abbracciare tutti i generi nel cinema e nella musica.

Verve, il sound dell’America

Definendo la sua etichetta «il sound dell’America», Norman Granz aveva fatto centro. È vero che stiamo parlando del secolo scorso, e che si limitava soltanto al jazz. Eppure, a tutt’oggi, con un catalogo che conta artisti di calibro come Billie Holiday, Louis Armstrong, Charlie Parker, Ella Fitzgerald, Bill Evans, Lester Young, Stan Getz, Oscar Peterson e una decina d’altri, Verve resta una delle più importanti avventure della musica del XXesimo secolo.

Nel magazine...