Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Emma Gerson - Throne

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Throne

Emma Gerson

Disponibile in
16-Bit CD Quality 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Throne

Emma Gerson

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 70 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 70 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Throne
00:03:46

Emma Gerson, Writer, MainArtist

© 2021 Cherryvine ℗ 2021 Cherryvine

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

A Love Supreme

John Coltrane

A Love Supreme John Coltrane

The Black Saint And The Sinner Lady

Charles Mingus

Prokofiev: Piano Concerto No.3 / Ravel: Piano Concerto In G Major

Martha Argerich

The Blues And The Abstract Truth

Oliver Nelson

Altro su Qobuz
Di Emma Gerson

Got This Feeling

Emma Gerson

Got This Feeling Emma Gerson

Let Me Be Good to You

Emma Gerson

Let Me Be Good to You Emma Gerson
Ti potrebbe piacere anche...

And Love Said...

Jodie Devos

And Love Said... Jodie Devos

Mahler: Das Lied von der Erde

Lucile Richardot

Pergolesi : Stabat Mater - Laudate pueri - Confitebor

Philippe Jaroussky

Beethoven: Songs & Folksongs

Ian Bostridge

I Owe It All To You

Shirley Bassey

I Owe It All To You Shirley Bassey
Nelle Panoramiche...
Jordi Savall - La musica, la vita, le incisioni

Pioveva a dirotto quella sera di ottobre nel Bugey, dove d’altronde piove spesso in quel periodo dell’anno. Era intorno a mezzanotte. Io e una cinquantina di altri fan ce ne stavamo lì ad aspettare in silenzio, al freddo e all’umido del Festival d’Ambronay. Poi, senza il minimo rumore, spuntò Jordi Savall, avvolto in un impermeabile bianco completamente fradicio, stile Humphrey Bogart in Casablanca. Stringeva a sé una cassa a forma di corpo umano, da cui estrasse, con gesti lenti, non una mitragliatrice, bensì una viola da gamba che prese a maneggiare e ad accordare con estrema cura. Ed ecco prodursi il miracolo.

Nel magazine...