Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Baxter Dury - The Night Chancers

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

The Night Chancers

Baxter Dury

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 48.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Nel 2018, Baxter Dury ha co-firmato B.E.D. con un barone della French Touch (Etienne de Crecy) e una riot grrrl (Delilah Holliday). Una sorta di godibile quickie electro, un trio di synth pop minimalista che il dandy britannico aveva descritto come “un bambino mutante degli anni ‘80 che non si era sviluppato completamente”. B.D. torna ai suoi fondamentali con l’impeccabile The Night Chancers, un contenitore di groove sexy e coinvolgente. Ian, il suo defunto illustre padre, urlava “sex and drugs and rock’n’roll”. Baxter si è allontanato anni luce da quello stilema, preferendo una malinconia disinvolta e anticonformista, come un Gainsbourg britannico del terzo millennio. Come dopo una storia d’amore finita male, torna in sella affrontando i suoi demoni, e soprattutto il mondo che lo circonda in un’atmosfera quasi cinematografica, dove ogni trama afferma la sua unicità. Violini, sassofoni, beat hip-hop e bassi profondi sono la base perfetta per le sue declamazioni sui social network (Carla’s Got a Boyfriend), sui modaioli (Sleep People) ma anche sulla compassione (Say Nothing)... The Night Chancers completa la trilogia (iniziata con Happy Soup e continuata con Prince of Tears) di un maestro dell’introspezione contemporanea che trasforma l’asfalto dei marciapiedi delle grandi città su cui vaga in una intima dancefloor. © Marc Zisman/Qobuz

Maggiori informazioni

The Night Chancers

Baxter Dury

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
I'm Not Your Dog
00:02:58

Madelaine Hart, Composer - Baxter Dury, Composer, MainArtist - Shaun Paterson, Composer - Lee Canham, Composer

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

2
Slumlord
00:03:24

Madelaine Hart, Composer - Baxter Dury, Composer, MainArtist - Shaun Paterson, Composer

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

3
Saliva Hog
00:03:06

Baxter Dury, Composer, MainArtist - Shaun Paterson, Composer - Delilah Holliday, Composer

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

4
Samurai
00:03:22

Baxter Dury, Composer, MainArtist - Ben Gallagher, Composer - Rose Dougall, Composer

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

5
Sleep People
00:02:55

Baxter Dury, Composer, MainArtist - Ben Gallagher, Composer - Rose Dougall, Composer

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

6
Carla's Got A Boyfriend
00:03:47

Madelaine Hart, Composer - Baxter Dury, Composer, MainArtist - Shaun Paterson, Composer

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

7
The Night Chancers
00:03:04

Baxter Dury, Composer, MainArtist - Shaun Paterson, Composer

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

8
Hello, I'm Sorry
00:02:21

Madelaine Hart, Composer - Baxter Dury, Composer, MainArtist - Ben Gallagher, Composer

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

9
Daylight
00:02:42

Baxter Dury, Composer, MainArtist

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

10
Say Nothing
00:02:45

Madelaine Hart, Composer - Baxter Dury, Composer, MainArtist - Ben Gallagher, Composer

2020 [PIAS] LE LABEL 2020 [PIAS] LE LABEL

Descrizione dell'album

Nel 2018, Baxter Dury ha co-firmato B.E.D. con un barone della French Touch (Etienne de Crecy) e una riot grrrl (Delilah Holliday). Una sorta di godibile quickie electro, un trio di synth pop minimalista che il dandy britannico aveva descritto come “un bambino mutante degli anni ‘80 che non si era sviluppato completamente”. B.D. torna ai suoi fondamentali con l’impeccabile The Night Chancers, un contenitore di groove sexy e coinvolgente. Ian, il suo defunto illustre padre, urlava “sex and drugs and rock’n’roll”. Baxter si è allontanato anni luce da quello stilema, preferendo una malinconia disinvolta e anticonformista, come un Gainsbourg britannico del terzo millennio. Come dopo una storia d’amore finita male, torna in sella affrontando i suoi demoni, e soprattutto il mondo che lo circonda in un’atmosfera quasi cinematografica, dove ogni trama afferma la sua unicità. Violini, sassofoni, beat hip-hop e bassi profondi sono la base perfetta per le sue declamazioni sui social network (Carla’s Got a Boyfriend), sui modaioli (Sleep People) ma anche sulla compassione (Say Nothing)... The Night Chancers completa la trilogia (iniziata con Happy Soup e continuata con Prince of Tears) di un maestro dell’introspezione contemporanea che trasforma l’asfalto dei marciapiedi delle grandi città su cui vaga in una intima dancefloor. © Marc Zisman/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Baxter Dury
Prince Of Tears Baxter Dury
It's a Pleasure Baxter Dury
Happy Soup Baxter Dury
Slumlord Baxter Dury
I'm Not Your Dog Baxter Dury
Ti potrebbe piacere anche...
La vita nuova Christine and the Queens
Ghosteen Nick Cave & The Bad Seeds
Myopia Agnes Obel
Nelle Panoramiche...
Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

Americana, alle radici dell’America

Il nome saprà anche di trovata commerciale un po’ fumosa, ma il genere Americana designa da una ventina d’anni quel mix di rock, country, blues e rhythm&blues. E come in ogni grande famiglia che si rispetti, si ritrovano un po’ tutti i personaggi: la figlia ribelle, lo zio colto, il padre irrequieto, la cugina esaltata…

Neoclassica: un nuovo mondo ai confini dell’elettronica e della classica

Ólafur Arnalds, Nils Frahm, Max Richter, Poppy Ackroyd, Peter Broderick, Joana Gama… Da qualche anno tutti questi nomi alla moda sono stati raggruppati sotto la vasta ed eterogenea etichetta “neoclassica”. A dire il vero, questo “panorama” somiglia piuttosto ad una banda eterogenea di artisti indagatori, che mescolano strumenti classici e produzione elettronica – in connessione cosciente con i pionieri del minimalismo americano – che deliziano i sensi ed aprono nuove prospettive da entrambi i lati del loro spettro musicale.

Nel magazine...