Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Aurelia Visovan|Schubert & Czerny: Capriccio appassionato (Keyboard Sonatas)

Schubert & Czerny: Capriccio appassionato (Keyboard Sonatas)

Aurelia Vişovan

Libretto digitale

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Registrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Pianista e clavicembalista, Aurelia Vişovan presenta il suo entusiasmante progetto che riunisce una grande sonata di Schubert, la D. 958, con il capolavoro di Carl Czerny, la sua Grande Sonata n. 6 in re minore, per un totale di cinquanta minuti di musica, intensa e stimolante. Dietro il pedagogo, amato dai suoi allievi, Thalberg o Liszt, si nasconde infatti un compositore di grande levatura.

Come Beethoven, che ammirava, Czerny tentò di andare oltre le possibilità del pianoforte in quest'opera caratterizzata da una estrema difficoltà, composta da sette movimenti con un esteso corale di variazioni. Se la scelta di un vecchio pianoforte, una copia di Robert Brown di un pianoforte viennese, non ha facilitato la musicista rumena nell'esecuzione di una musica così audace, le ha comunque permesso di liberare la polifonia in modo intelligibile e di utilizzare una grande diversità di colori e di timbri.

L'ascolto di questa Grande Sonata di Czerny muta completamente la percezione che si poteva avere di questo compositore che tanto ha tormentato i giovani pianisti alle prese con i suoi Études. Al di là dell'aspetto tecnico richiesto da questa grande opera pianistica, scopriamo una musica inventiva, forte, drammatica e audace, i cui legami con Beethoven e Schubert sono evidenti. Anche Aurelia Vişovan trova molti collegamenti tra le opere di Schubert e Czerny qui raccolte. Legami tematici, ma anche il fatto che fossero entrambi viennesi, contemporanei e uniti dalla comune devozione per Beethoven. Una registrazione assolutamente sontuosa, da scoprire quanto prima. © François Hudry/Qobuz

Maggiori informazioni

Schubert & Czerny: Capriccio appassionato (Keyboard Sonatas)

Aurelia Visovan

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 90 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questa playlist e più di 90 milioni di brani con i nostri abbonamenti di streaming illimitati

A partire da 12,50€/mese

Keyboard Sonata in C Minor, D. 958 (Franz Schubert)

1
I. Allegro
00:11:42

Franz Schubert, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

2
II. Adagio
00:08:42

Franz Schubert, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

3
III. Menuetto (Allegro) - Trio
00:03:16

Franz Schubert, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

4
IV. Allegro
00:10:50

Franz Schubert, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

Keyboard Sonata No. 6 in D Minor, Op. 124 (Carl Czerny)

5
I. Introduzione (Adagio sostenuto ed espressivo)
00:03:01

Carl Czerny, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

6
II. Capriccio appassionato (Allegro energico)
00:09:32

Carl Czerny, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

7
III. Allegretto con moto, vivace
00:06:37

Carl Czerny, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

8
IV. Presto. Scherzo
00:02:50

Carl Czerny, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

9
V. Cantique de la Bohême. Varié (Non troppo adagio)
00:11:21

Carl Czerny, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

10
VI. Presto scherzando
00:04:08

Carl Czerny, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

11
VII. Finale (Allegro con fuoco)
00:09:38

Carl Czerny, Composer - Jean-Daniel Noir, Producer - Aurelia Visovan, MainArtist

(C) 2022 Passacaille (P) 2022 Passacaille

Descrizione dell'album

Pianista e clavicembalista, Aurelia Vişovan presenta il suo entusiasmante progetto che riunisce una grande sonata di Schubert, la D. 958, con il capolavoro di Carl Czerny, la sua Grande Sonata n. 6 in re minore, per un totale di cinquanta minuti di musica, intensa e stimolante. Dietro il pedagogo, amato dai suoi allievi, Thalberg o Liszt, si nasconde infatti un compositore di grande levatura.

Come Beethoven, che ammirava, Czerny tentò di andare oltre le possibilità del pianoforte in quest'opera caratterizzata da una estrema difficoltà, composta da sette movimenti con un esteso corale di variazioni. Se la scelta di un vecchio pianoforte, una copia di Robert Brown di un pianoforte viennese, non ha facilitato la musicista rumena nell'esecuzione di una musica così audace, le ha comunque permesso di liberare la polifonia in modo intelligibile e di utilizzare una grande diversità di colori e di timbri.

L'ascolto di questa Grande Sonata di Czerny muta completamente la percezione che si poteva avere di questo compositore che tanto ha tormentato i giovani pianisti alle prese con i suoi Études. Al di là dell'aspetto tecnico richiesto da questa grande opera pianistica, scopriamo una musica inventiva, forte, drammatica e audace, i cui legami con Beethoven e Schubert sono evidenti. Anche Aurelia Vişovan trova molti collegamenti tra le opere di Schubert e Czerny qui raccolte. Legami tematici, ma anche il fatto che fossero entrambi viennesi, contemporanei e uniti dalla comune devozione per Beethoven. Una registrazione assolutamente sontuosa, da scoprire quanto prima. © François Hudry/Qobuz

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliorare le informazioni sugli album

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

John Williams in Vienna

John Williams

John Williams in Vienna John Williams

Orff: Carmina Burana

Gundula Janowitz

Orff: Carmina Burana Gundula Janowitz

Sleep

Max Richter

Sleep Max Richter

The Dark Side Of The Moon

Pink Floyd

Altro su Qobuz
Di Aurelia Visovan

Mozart, Hummel & Beethoven: Concerto, Sonate, Symphony

Aurelia Visovan

Roots

Aurelia Visovan

Roots Aurelia Visovan

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...

Wagner: Das Rheingold

Wiener Philharmonic Orchestra

Wagner: Das Rheingold Wiener Philharmonic Orchestra

John Williams: The Berlin Concert

John Williams

Sibelius: Complete Symphonies

Klaus Mäkelä

Nightscapes

Magdalena Hoffmann

Nightscapes Magdalena Hoffmann

LETTER

Sofiane Pamart

LETTER Sofiane Pamart
Nelle Panoramiche...
John Barry, il genio è nella varietà

La musica per il cinema richiede sensibilità e destrezza speciale per poter far fronte ad ogni stile con dignità: dal suono disco per una scena da night-club ad un madrigale per un film d’epoca, il compositore cinematografico deve essere in grado di cimentarsi in ogni stile. John Barry ha dimostrato, una e più volte, d’essere stato uno dei più grandi autori di colonne sonore, capace di abbracciare tutti i generi nel cinema e nella musica.

Il pellegrinaggio di Gardiner attraverso le cantate di Bach

John Eliot Gardiner è cresciuto sotto lo sguardo di uno dei due ritratti autentici di Johann Sebastian Bach, che i suoi genitori avevano gelosamente custodito nascondendolo nella loro fattoria nel Dorset durante la Seconda Guerra mondiale. Divenuto uno dei «papi» della musica barocca, Gardiner ha prodotto, con la sua totale devozione a Bach, un volume appassionante, Musique au château du ciel, pubblicato in francese da Flammarion (trad. it. La musica nel castello del cielo). «Come ha fatto un’opera tanto sublime a sgorgare da un uomo così ordinario e così opaco?», si legge nell’introduzione allo studio di Gardiner, pieno di tenerezza e di rara erudizione, che non è una nuova biografia del compositore tedesco, ma la summa dell’esperienza personale dell’interprete, che gli ha dettato considerazioni estetiche ed un’analisi sensibile dei fondamenti armonici, contrappuntistici e polifonici della sua produzione. Un tentativo riuscito di scoprire l’uomo attraverso la sua musica.

François Couperin, il clavicembalo moderno

Beniamino di Luigi XIV, François Couperin (1668-1733) era nel XVIII secolo la vedette del clavicembalo, strumento prodigioso allora all’apogeo (sarebbe tornato nell’ombra nel secolo seguente), di cui il compositore ha rivoluzionato la prospettiva, portando con sé gli altri virtuosi dell’epoca, Dandrieu o Rameau. Il clavicembalista franco-canadese Olivier Fortin torna per Qobuz a parlare del destino di “Couperin il Grande”.

Nel magazine...