Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Kaiser Quartett - Schramm

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Schramm

Kaiser Quartett

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Schramm

Kaiser Quartett

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Schramm 00:03:56

Copyright Control, MusicPublisher - Kaiser Quartett, Composer, Ensemble, MainArtist

2019 [PIAS] Recordings Germany 2019 [PIAS] Recordings Germany

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Beethoven: 9 Symphonies Berliner Philharmoniker
The Lion King Various Artists
Altro su Qobuz
Di Kaiser Quartett
Kaiser Quartett Kaiser Quartett
Grossraumdisko Kaiser Quartett
Pfingsten Kaiser Quartett

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
John Barry, il genio è nella varietà

La musica per il cinema richiede sensibilità e destrezza speciale per poter far fronte ad ogni stile con dignità: dal suono disco per una scena da night-club ad un madrigale per un film d’epoca, il compositore cinematografico deve essere in grado di cimentarsi in ogni stile. John Barry ha dimostrato, una e più volte, d’essere stato uno dei più grandi autori di colonne sonore, capace di abbracciare tutti i generi nel cinema e nella musica.

Jordi Savall - La musica, la vita, le incisioni

Pioveva a dirotto quella sera di ottobre nel Bugey, dove d’altronde piove spesso in quel periodo dell’anno. Era intorno a mezzanotte. Io e una cinquantina di altri fan ce ne stavamo lì ad aspettare in silenzio, al freddo e all’umido del Festival d’Ambronay. Poi, senza il minimo rumore, spuntò Jordi Savall, avvolto in un impermeabile bianco completamente fradicio, stile Humphrey Bogart in Casablanca. Stringeva a sé una cassa a forma di corpo umano, da cui estrasse, con gesti lenti, non una mitragliatrice, bensì una viola da gamba che prese a maneggiare e ad accordare con estrema cura. Ed ecco prodursi il miracolo.

Rivista del canto - XII

Quello che Qobuz forse ha dimenticato nei numeri precedenti… Nel bene (spesso), nel male (a volte)!

Nel magazine...