Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Finlay Shakespeare - Routine

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Routine

Finlay Shakespeare

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Routine

Finlay Shakespeare

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 50 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 50 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Routine
00:05:10

Copyright Control, MusicPublisher - Finlay Shakespeare, MainArtist - F. Shakespeare, Composer

2018 Editions Mego 2018 Editions Mego

2
Perris Inevitable Forthcoming Netflix Docudrama Version
00:06:28

Copyright Control, MusicPublisher - Finlay Shakespeare, MainArtist - F. Shakespeare, Composer

2018 Editions Mego 2018 Editions Mego

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
The Complete Studio Albums Creedence Clearwater Revival
Folk Singer Muddy Waters
Live At The Regal B.B. King
Altro su Qobuz
Di Finlay Shakespeare
Solemnities Finlay Shakespeare
Domestic Economy Finlay Shakespeare

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Domesticated Sébastien Tellier
ANIMA Thom Yorke
Mixing Colours Roger Eno & Brian Eno
Heaven The Avener
Concrete and Glass Nicolas Godin
Nelle Panoramiche...
Neoclassica: un nuovo mondo ai confini dell’elettronica e della classica

Ólafur Arnalds, Nils Frahm, Max Richter, Poppy Ackroyd, Peter Broderick, Joana Gama… Da qualche anno tutti questi nomi alla moda sono stati raggruppati sotto la vasta ed eterogenea etichetta “neoclassica”. A dire il vero, questo “panorama” somiglia piuttosto ad una banda eterogenea di artisti indagatori, che mescolano strumenti classici e produzione elettronica – in connessione cosciente con i pionieri del minimalismo americano – che deliziano i sensi ed aprono nuove prospettive da entrambi i lati del loro spettro musicale.

Fabric, un’istituzione inglese

Dal 1999, il Fabric è il cuore pulsante della scena elettronica britannica. Le sue compilation Fabric e FabricLive scandiscono il ritmo della vita dei negozianti di dischi e degli appassionati di musica di qualità, mentre il club fa vibrare i suoi assidui frequentatori ogni fine settimana grazie a una programmazione 5 stelle. Primo piano sulla storia di un’istituzione inglese.

Il reggae alla conquista del pop americano

Il reggae non era mai stato così in vista dai tempi di Bob Marley. Negli ultimi tre anni, le hit delle pop star americane si sono arricchite di sapori giamaicani. Da Beyonce a Rihanna, passando per Drake o Justin Bieber, sono sempre di più i cantanti che usano accompagnamenti e musiche dancehall, la versione «elegante» del reggae, resa popolare dal leggendario produttore King Jammy alla metà degli anni 80 con lo Sleng Teng, il primo reggae elettronico della storia. Una conquista praticata con guanti di velluto: ecco com’è andata.

Nel magazine...