Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Petit Biscuit - Parachute

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Parachute

Petit Biscuit

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, Abbonati a Studio Sublime

Nel 2016, Mehdi Benjelloun si stava preparando per il suo diploma quando ha pubblicato il singolo Sunset Lover, preludio al suo album di debutto Presence. Il successo mondiale della canzone ha lanciato l’adolescente nato a Rouen, in Francia, nella bolgia dell’industria musicale, tra tour non-stop, pressioni dei media e infinite strette di mano. Petit Biscuit ne è uscito esausto, con un bisogno pressante di isolarsi. Così ha deciso di partire, “per essere lontano da tutto e da tutti”, in uno dei luoghi più remoti del pianeta, l’Islanda, per due mesi, da solo. Il viaggio gli ha dato il tempo di riflettere e di creare il suo secondo album “raggiungendo grandi altezze”, da cui il titolo, Parachute. Mentre si trovava in Islanda, ha ricevuto un messaggio sul suo Instagram, da Diplo, che gli ha suggerito di raggiungerlo a Los Angeles, città che è diventata la destinazione successiva di Mehdi. Insieme, hanno composto Pick Your Battles, un brano piuttosto chill rispetto a quello che ci si poteva aspettare da Diplo, esperto di hard beats. Petit Biscuit è rimasto altrettanto sorpreso dall’approccio dell’americano, che, lungi dall’imporre la sua impronta stilistica, si è piuttosto mimetizzato nell’universo dell’artista francese, a dimostrazione del fatto che quest’ultimo ha un’identità sonora molto personale. I nove brani electro-pop sono brillanti come sempre, spaziano dall’EDM leggero di Gwana all’house morbida di I Leave Again (con un featuring del produttore-cantante di Los Angeles, Shallou), in un album che suona confortante come il sole d’inverno. © Smaël Bouaici/Qobuz

Maggiori informazioni

Parachute

Petit Biscuit

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 60 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 60 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Parachute
00:03:42

Mehdi Benjelloun, Composer, Lyricist - Petit Biscuit, MainArtist - Jordan Shaw, Lyricist - Natasha Woods, Lyricist - Meghan Cottone, Lyricist

2020 Écurie 2020 Écurie

2
Burnin
00:02:55

Mehdi Benjelloun, Composer, Lyricist - Jeremy Malvin, Composer - Thomas Clairice, Arranger - Petit Biscuit, MainArtist

2020 Écurie 2020 Écurie

3
Pick Your Battles
00:03:41

Mehdi Benjelloun, Composer, Lyricist - Diplo, MainArtist - Petit Biscuit, MainArtist - Thomas Wesley, Composer, Lyricist - Midian Mathers, Lyricist

2020 Écurie 2020 Écurie

4
Take Cover
00:03:10

Mehdi Benjelloun, Composer, Lyricist - Petit Biscuit, MainArtist

2020 Écurie 2020 Écurie

5
Constellation
00:02:43

Mehdi Benjelloun, Composer, Lyricist - Petit Biscuit, MainArtist

2020 Écurie 2020 Écurie

6
Drivin Thru the Night
00:03:07

Mehdi Benjelloun, Composer, Lyricist - Petit Biscuit, MainArtist

2020 Écurie 2020 Écurie

7
Gwana
00:03:35

Mehdi Benjelloun, Composer - Petit Biscuit, MainArtist

2020 Écurie 2020 Écurie

8
I Leave Again
00:04:00

Mehdi Benjelloun, Composer, Lyricist - Jarrah McCleary, Lyricist - Petit Biscuit, MainArtist - Shallou, MainArtist - Joe Boston, Lyricist

2020 Écurie 2020 Écurie

9
Hang On
00:02:53

Mehdi Benjelloun, Composer, Lyricist - Petit Biscuit, MainArtist

2020 Écurie 2020 Écurie

Descrizione dell'album

Nel 2016, Mehdi Benjelloun si stava preparando per il suo diploma quando ha pubblicato il singolo Sunset Lover, preludio al suo album di debutto Presence. Il successo mondiale della canzone ha lanciato l’adolescente nato a Rouen, in Francia, nella bolgia dell’industria musicale, tra tour non-stop, pressioni dei media e infinite strette di mano. Petit Biscuit ne è uscito esausto, con un bisogno pressante di isolarsi. Così ha deciso di partire, “per essere lontano da tutto e da tutti”, in uno dei luoghi più remoti del pianeta, l’Islanda, per due mesi, da solo. Il viaggio gli ha dato il tempo di riflettere e di creare il suo secondo album “raggiungendo grandi altezze”, da cui il titolo, Parachute. Mentre si trovava in Islanda, ha ricevuto un messaggio sul suo Instagram, da Diplo, che gli ha suggerito di raggiungerlo a Los Angeles, città che è diventata la destinazione successiva di Mehdi. Insieme, hanno composto Pick Your Battles, un brano piuttosto chill rispetto a quello che ci si poteva aspettare da Diplo, esperto di hard beats. Petit Biscuit è rimasto altrettanto sorpreso dall’approccio dell’americano, che, lungi dall’imporre la sua impronta stilistica, si è piuttosto mimetizzato nell’universo dell’artista francese, a dimostrazione del fatto che quest’ultimo ha un’identità sonora molto personale. I nove brani electro-pop sono brillanti come sempre, spaziano dall’EDM leggero di Gwana all’house morbida di I Leave Again (con un featuring del produttore-cantante di Los Angeles, Shallou), in un album che suona confortante come il sole d’inverno. © Smaël Bouaici/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Petit Biscuit
Presence Petit Biscuit
Petit Biscuit Petit Biscuit
I Leave Again Petit Biscuit
Burnin Petit Biscuit

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Before James Blake
Mixing Colours Roger Eno & Brian Eno
Equinoxe Jean Michel Jarre
Heaven The Avener
Nelle Panoramiche...
Fabric, un’istituzione inglese

Dal 1999, il Fabric è il cuore pulsante della scena elettronica britannica. Le sue compilation Fabric e FabricLive scandiscono il ritmo della vita dei negozianti di dischi e degli appassionati di musica di qualità, mentre il club fa vibrare i suoi assidui frequentatori ogni fine settimana grazie a una programmazione 5 stelle. Primo piano sulla storia di un’istituzione inglese.

Le sinfonie elettroniche di Mason Bates

Come, non conoscete (ancora) Mason Bates? Eppure è uno dei nomi più presenti sulla scena nordamericana. Nato nel 1977, Bates è insieme compositore (soprattutto sinfonista e lirico) e DJ di musica elettronica (con lo pseudonimo DJ Masonic): due poli apparentemente opposti, che lui invece si delizia particolarmente a mescolare. Circa metà della sua opera sinfonica e lirica include, in un modo o nell’altro, sonorità elettroniche, perlopiù suoni “di tutti i giorni”, preregistrati e restituiti in tempo reale in base alla partitura. In occasione dell’uscita della sua fantastica opera The (R)evolution of Steve Jobs, Qobuz si è intrattenuto con questo personaggio fuori dai canoni.

Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo, nemmeno a quarantacinque anni dalla sua uscita.

Nel magazine...