Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Khruangbin - Mordechai

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Mordechai

Khruangbin

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Sempre sotto l’etichetta Dead Oceans, i Khruangbin pubblicano Mordechai, sulla buona strada per diventare uno degli album di punta del 2020. I Khruangbin (si pronuncia “Kroongbin”, che in tailandese significa “aereo” e che hanno scelto semplicemente dicendo “chi se ne frega, tanto non importerà a nessuno”) sono un trio texano, dove Laura Lee, cantante e bassista della band, è l’elemento centrale della loro musica. Gli altri due membri, Mark Speer e Donald Johnson, si incontrarono a Houston in una chiesa metodista, dove il primo suonava la chitarra e l’altro l’organo. Una fascinazione in comune per il Medio Oriente farà incontrare Mark e Laura. Dopo un tour dove i due fanno da opening act per i Bonobo (con la band Yppah), si uniscono a Johnson e decidono di suonare in un fienile a Burton, piccola città di 300 anime. In quel piccolo posto sperduto i texani, instancabili esploratori musicali, registrano lo straordinario The Universe Smile Upon You, che attinge al funk thailandese degli anni ’60 con lunghi brani strumentali molto psichedelici, e successivamente Con Todo El Mundo con le sue sonorità caraibiche e le armonie mediorientali. A ben vedere, il loro nome sembra appropriato, dato che i Khruangbin volano da un luogo all’altro a una velocità sostenuta e costante. Nel suo terzo album, il trio schiaccia l’acceleratore. Meno ipnotico del primo, meno eclettico del secondo ma altrettanto profondo nella ricerca sonora, Mordechai deve la sua parte più bella alla sua cantante, la cui voce ovattata riverbera sulle dieci tracce. Dalla spagnola Pelota e i suoi profumi di rumba, al pop-funk di Time (You And I) al jazz-dub di One to Remember, dall’Africa alla Corea passando per il Pakistan, etichettare la ricchezza musicale di quest’opera sarebbe una fredda operazione di analisi, mentre è molto meglio apprezzare le sue infinite sfumature nel corso dell’ascolto. Scolpita dal basso, alimentata da suoni provenienti da tutto il mondo, la particolare atmosfera creata dai Khruangbin è la regina dell’album, primordiale, sempre sospesa, in bilico. Per la band, Mordechai è “prima di tutto, una celebrazione di Houston, questa città eclettica che ci ha nutrito, una nebulosa culturale dove la sera stessa si può ascoltare country, zydeco, trap o opera d’avanguardia”. © Charlotte Saintoin/Qobuz

Maggiori informazioni

Mordechai

Khruangbin

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 60 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 60 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
First Class
00:04:46

Khruangbin, Composer, Producer, MainArtist - Steve Christensen, Producer, Mixer - Ochoa and Speer, Lyricist

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

2
Time (You and I)
00:05:42

Khruangbin, Composer, Producer, MainArtist - Steve Christensen, Producer, Mixer - Ochoa and Speer, Lyricist

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

3
Connaissais de Face
00:04:20

Khruangbin, Composer, Producer, MainArtist - Steve Christensen, Producer, Mixer - Ochoa and Speer, Lyricist

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

4
Father Bird, Mother Bird
00:03:05

Khruangbin, Composer, MainArtist - Ochoa and Speer, Lyricist

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

5
If There is No Question
00:05:53

Khruangbin, Composer, Producer, MainArtist - Steve Christensen, Producer, Mixer - Ochoa and Speer, Lyricist

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

6
Pelota
00:02:47

Khruangbin, Composer, Producer, MainArtist - Steve Christensen, Producer, Mixer - Ochoa and Speer, Lyricist

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

7
One to Remember
00:04:30

Khruangbin, Composer, Producer, MainArtist - Steve Christensen, Producer, Mixer - Ochoa and Speer, Composer

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

8
Dearest Alfred
00:03:58

Khruangbin, Composer, Producer, MainArtist - Steve Christensen, Producer, Mixer - Ochoa and Speer, Composer

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

9
So We Won't Forget
00:04:58

Khruangbin, Composer, Producer, MainArtist - Steve Christensen, Producer, Mixer - Ochoa and Speer, Lyricist

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

10
Shida
00:03:54

Khruangbin, Composer, Producer, MainArtist - Steve Christensen, Producer, Mixer - Ochoa and Speer, Lyricist

2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd. 2020 Dead Oceans, Inc. In Association with Night Time Stories, Ltd.

Descrizione dell'album

Sempre sotto l’etichetta Dead Oceans, i Khruangbin pubblicano Mordechai, sulla buona strada per diventare uno degli album di punta del 2020. I Khruangbin (si pronuncia “Kroongbin”, che in tailandese significa “aereo” e che hanno scelto semplicemente dicendo “chi se ne frega, tanto non importerà a nessuno”) sono un trio texano, dove Laura Lee, cantante e bassista della band, è l’elemento centrale della loro musica. Gli altri due membri, Mark Speer e Donald Johnson, si incontrarono a Houston in una chiesa metodista, dove il primo suonava la chitarra e l’altro l’organo. Una fascinazione in comune per il Medio Oriente farà incontrare Mark e Laura. Dopo un tour dove i due fanno da opening act per i Bonobo (con la band Yppah), si uniscono a Johnson e decidono di suonare in un fienile a Burton, piccola città di 300 anime. In quel piccolo posto sperduto i texani, instancabili esploratori musicali, registrano lo straordinario The Universe Smile Upon You, che attinge al funk thailandese degli anni ’60 con lunghi brani strumentali molto psichedelici, e successivamente Con Todo El Mundo con le sue sonorità caraibiche e le armonie mediorientali. A ben vedere, il loro nome sembra appropriato, dato che i Khruangbin volano da un luogo all’altro a una velocità sostenuta e costante. Nel suo terzo album, il trio schiaccia l’acceleratore. Meno ipnotico del primo, meno eclettico del secondo ma altrettanto profondo nella ricerca sonora, Mordechai deve la sua parte più bella alla sua cantante, la cui voce ovattata riverbera sulle dieci tracce. Dalla spagnola Pelota e i suoi profumi di rumba, al pop-funk di Time (You And I) al jazz-dub di One to Remember, dall’Africa alla Corea passando per il Pakistan, etichettare la ricchezza musicale di quest’opera sarebbe una fredda operazione di analisi, mentre è molto meglio apprezzare le sue infinite sfumature nel corso dell’ascolto. Scolpita dal basso, alimentata da suoni provenienti da tutto il mondo, la particolare atmosfera creata dai Khruangbin è la regina dell’album, primordiale, sempre sospesa, in bilico. Per la band, Mordechai è “prima di tutto, una celebrazione di Houston, questa città eclettica che ci ha nutrito, una nebulosa culturale dove la sera stessa si può ascoltare country, zydeco, trap o opera d’avanguardia”. © Charlotte Saintoin/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Khruangbin
Con Todo El Mundo Khruangbin
Hasta El Cielo Khruangbin
Pelota Khruangbin
So We Won't Forget Khruangbin
Ti potrebbe piacere anche...
Imploding The Mirage The Killers
Myopia Agnes Obel
Ghosteen Nick Cave & The Bad Seeds
Nelle Panoramiche...
Kraftwerk, 50 anni in anticipo

Kraftwerk, il gruppo di musica elettronica più influente della storia, fondato da Ralf Hütter e Florian Schneider (scomparso il 6 maggio 2020 a causa di un cancro), è sempre stato in anticipo sui tempi. Precursori sulle tecnologie, la composizione, le performance sceniche, i tedeschi hanno dimostrato al pubblico che le macchine sono anche strumenti capaci di generare emozioni, spianando la strada alla techno, alla new wave e persino all'hip-hop.

Lhasa, la stella indimenticabile

Con soli tre album in studio, un live e tre tournée internazionali, Lhasa de Sela ha lasciato una traccia unica nella storia della musica popolare contemporanea. La Llorona, The Living Road e Lhasa sono delle opere distinte e mature che rivelano un universo strano ma familiare, a metà strada tra il sogno e la realtà. Queste canzoni chiaro-scure sono caratterizzate da dei sentimenti sinceri di un’artista il cui canto a fior di pelle propone un patto di intima complicità con colui che l’ascolta. Nella vita di Lhasa de Sela vi sono tutti gli ingredienti di una leggenda, le tappe di un romanzo e le emozioni di una storia bella ed emozionante.

Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo, nemmeno a quarantacinque anni dalla sua uscita.

Nel magazine...