Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Roger Eno &  Brian Eno - Mixing Colours

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Mixing Colours

Roger Eno & Brian Eno

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Brian Eno ha appena pubblicato il primo album ufficiale in collaborazione con il fratello minore Roger. I due si sono trovati insieme in studio anche in passato: nel lontano 1983 per l’odissea nello spazio Apollo: Atmospheres e Soundtracks, pubblicato da Brian come lavoro solista. I fratelli hanno collaborato anche nel 1984, alla colonna sonora di Dune di David Lynch, ma Mixing Colours è il primo album in cui i due nomi appaiono su un piano di parità, ed è il primo per la prestigiosa etichetta tedesca Deutsche Grammophon. L’album è composto da brani classici (nello stile di Schubert) composti da Roger Eno negli ultimi 15 anni su una tastiera MIDI. Brian ha poi preso queste demo e le ha inserite nel suo ambient software, nominando ognuna con un colore diverso (con tante sfumature come le canzoni stesse), come Blonde, la malinconica Rose Quartz o la morbosa Obsidian.
Anche se viene spesso descritto come un pittore musicale, potrebbe trattarsi dell’album più monocromatico di Brian Eno. Il musicista inglese ammette che, nonostante spesso componga le sue musiche pensando a dei colori, ama la musica per la sua natura “completamente non figurativa”, e apprezza questo paradosso: “Non credo che nessuno ascolti la musica sperando di visualizzare il paesaggio di un quadro. Eppure molti trovano la pittura astratta inaccessibile, nonostante la musica sia di per sé un’arte decisamente astratta.” Qualcosa su cui ragionare ascoltando questo disco durante una visita alla prossima mostra di Kandinsky. © Smaël Bouaici/Qobuz

Maggiori informazioni

Mixing Colours

Roger Eno & Brian Eno

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 60 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 60 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Spring Frost
Roger Eno
00:04:07

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

2
Burnt Umber
Roger Eno
00:04:15

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

3
Celeste
Roger Eno
00:04:22

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

4
Wintergreen
Roger Eno
00:04:10

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

5
Obsidian
Roger Eno
00:05:06

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

6
Blonde
Roger Eno
00:04:10

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

7
Dark Sienna
Roger Eno
00:03:47

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

8
Verdigris
Roger Eno
00:04:03

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

9
Snow
Roger Eno
00:04:40

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

10
Rose Quartz
Roger Eno
00:04:07

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

11
Quicksilver
Roger Eno
00:05:12

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

12
Ultramarine
Roger Eno
00:02:27

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

13
Iris
Roger Eno
00:02:53

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

14
Cinnabar
Roger Eno
00:03:20

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

15
Desert Sand
Roger Eno
00:04:50

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

16
Deep Saffron
Roger Eno
00:04:38

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

17
Cerulean Blue
Roger Eno
00:04:05

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

18
Slow Movement: Sand
Roger Eno
00:04:55

Brian Eno, Composer, Producer, MainArtist - Roger Eno, Composer, Producer, MainArtist - Götz-Michael Rieth, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2020 Opal Music Ltd., under exclusive license to Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

Descrizione dell'album

Brian Eno ha appena pubblicato il primo album ufficiale in collaborazione con il fratello minore Roger. I due si sono trovati insieme in studio anche in passato: nel lontano 1983 per l’odissea nello spazio Apollo: Atmospheres e Soundtracks, pubblicato da Brian come lavoro solista. I fratelli hanno collaborato anche nel 1984, alla colonna sonora di Dune di David Lynch, ma Mixing Colours è il primo album in cui i due nomi appaiono su un piano di parità, ed è il primo per la prestigiosa etichetta tedesca Deutsche Grammophon. L’album è composto da brani classici (nello stile di Schubert) composti da Roger Eno negli ultimi 15 anni su una tastiera MIDI. Brian ha poi preso queste demo e le ha inserite nel suo ambient software, nominando ognuna con un colore diverso (con tante sfumature come le canzoni stesse), come Blonde, la malinconica Rose Quartz o la morbosa Obsidian.
Anche se viene spesso descritto come un pittore musicale, potrebbe trattarsi dell’album più monocromatico di Brian Eno. Il musicista inglese ammette che, nonostante spesso componga le sue musiche pensando a dei colori, ama la musica per la sua natura “completamente non figurativa”, e apprezza questo paradosso: “Non credo che nessuno ascolti la musica sperando di visualizzare il paesaggio di un quadro. Eppure molti trovano la pittura astratta inaccessibile, nonostante la musica sia di per sé un’arte decisamente astratta.” Qualcosa su cui ragionare ascoltando questo disco durante una visita alla prossima mostra di Kandinsky. © Smaël Bouaici/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Blue Train John Coltrane
Chopin : Piano Concertos Benjamin Grosvenor
Live In Europe Melody Gardot

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Neoclassica: un nuovo mondo ai confini dell’elettronica e della classica

Ólafur Arnalds, Nils Frahm, Max Richter, Poppy Ackroyd, Peter Broderick, Joana Gama… Da qualche anno tutti questi nomi alla moda sono stati raggruppati sotto la vasta ed eterogenea etichetta “neoclassica”. A dire il vero, questo “panorama” somiglia piuttosto ad una banda eterogenea di artisti indagatori, che mescolano strumenti classici e produzione elettronica – in connessione cosciente con i pionieri del minimalismo americano – che deliziano i sensi ed aprono nuove prospettive da entrambi i lati del loro spettro musicale.

Jean-Michel Jarre, 50 anni di musica elettronica

Per festeggiare i suoi 50 anni di carriera, Jean-Michel Jarre pubblica l’edificante Planet Jarre, una compilation di circa quaranta brani che mette in luce la traiettoria tracciata dal pioniere della musica elettronica. L’occasione per tornare su cinque decenni in cui il francese ci ha svelato tutti i lati della sua personalità: artista, scienziato pazzo, precursore, amante dei colpi di scena, militante e infine paladino degli autori contro i giganti del Web.

R&S Records: quando il Belgio dava il ritmo

In trentacinque anni, l’etichetta belga R&S (che sta per Renaat Vandepapeliere e Sabine Maes, la coppia fondatrice) ha esplorato tutti i generi della musica elettronica. Ma soprattutto, è stata la prima in quasi tutte le rivoluzioni che hanno segnato la storia di questa scena, techno, house, hardcore, drum’n’bass o dubstep. Ritorniamo sui 10 momenti salienti di questa etichetta sinonimo di avanguardia che ha dettato il ritmo dell’industria della musica elettronica, attraverso i ricordi di Renaat Vandepapeliere.

Nel magazine...