Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Metallica - Master Of Puppets

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Master Of Puppets

Metallica

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Metallica più forti dei Beatles? In termini di potenza sonora, è indubbio, ma se ci si limita al lavoro delle riedizioni rimasterizzate accompagnate da "alcuni" bonus, la palma verrà aggiudicata anche ai Four Horsemen, se non altro se si paragona questa edizione "deluxe" del terzo album al Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band Anniversary (Edition Super Deluxe) dei Fab Four. Qui, troverete l’equivalente di non meno di dieci CD stracolmi per questo Master Of Puppets che alcuni, a torto o a ragione, considerano precisamente come il Sgt. Pepper's dei Metallica. È vero che sarà molto difficile trovare un difetto nella corazza di questo monumento. E la sua lunga gestazione, valorizzata attraverso gli archivi in diverse fasi dello sviluppo, contribuirà a rafforzare il sentimento che il gruppo fosse stato illuminato in quel preciso momento della sua evoluzione. Ciò che quei rari oppositori criticano essenzialmente a questo album, è il fatto di non essere stato abbastanza sorprendente quanto i due precedenti. Di fatto, la struttura generale di Master... e la maggior parte dei suoi titoli possono essere paragonati a Ride The Lightning, fin dal primo titolo ultra-veloce, Battery, nella vena diFight Fire With Fire, per arrivare al finale epico su Damage Inc. che evoca terribilmente una versione accelerata di Creeping Death, passando dalla ballata fasulla a metà del percorso, Welcome Home (Sanitarium), che riprende sensibilmente gli stessi ingredienti di Fade To Black, senza dimenticare uno strumentale finemente lavorato, Orion, la cui parentela con The Call Of Ktulu è comunque molto vaga... Ma, se possiamo effettivamente considerare questo terzo sforzo come una sintesi dei due precedenti, non potremo negare che Master…. è nettamente più compiuto, nella misura in cui, per la prima volta, i Metallica hanno avuto il tempo e i mezzi per perfezionare le proprie composizioni fino a raggiungere uno stadio che sfiora la perfezione. Perfino paragonato a produzioni recenti, l’album resta tecnicamente inarrestabile e ineguagliabile. Nello specifico, l’interesse di questa edizione rimasterizzata non è tanto il relifting effettuato sull’opera di base, ma piuttosto tutto ciò che l’accompagna. Con i Metallica, siamo stati abituati fin dal loro primo concerto ufficiale dal vivo, Live Shit: Binge & Purge, a non vedere le cose lasciate a metà. Ma questo, supera tutto, perfino se lo si paragona alle riedizioni di Kill 'em All e Ride The Lightning. Il gruppo ha tirato fuori tutto il suo potenziale e selezionato il meglio di sé per arricchire l’album da tutti i punti di vista. Prima di tutto, ci diletteremo con i numerosi abbozzi che non possiamo che consigliare ai musicisti in erba. Stessa cosa per i bozzetti nei diversi stadi d’avanzamento e le versioni strumentali che rivelano più di un dettaglio che non avevamo necessariamente colto finora. È vero, non avremo necessariamente voglia di riascoltare a ripetizione gli estratti delle cassette personali di James (con le sue "wanananana") e Kirk, o perfino le versioni "writing in progress" registrate nel famoso "garage" dei Metallica... Tuttavia i due punti d’organo di questi archivi, The Prince, in un primo approccio riuscitissimo del titolo preso in prestito a Diamond Head, e la ripresa di Fang, The Money Will Roll Right In, abbandonato strada facendo, meritano di essere ascoltati a più riprese. Quest’album non creava discrepanze tra i fan se non per sapere se esso meriti il titolo di migliore dei Metallica o quello del secondo o del terzo, anche se non si spinge mai fino al quarto. La nuova prospettiva che vi proponiamo non potrà che convincere più di uno a raggiungere il primo campo. Ma, aldilà della meritata e più che convincente esaltazione di Master…, non bisogna dimenticare che si tratta anche del compimento incontestabile del periodo con Cliff Burton. Un periodo che si distingue facilmente dagli altri perché il basso godeva di un rilievo importante. È ovvio. Cliff infatti non era un semplice bassista ma anche un elemento trainante in termini di creatività e ispirazione, e aveva inoltre un carattere generoso e posato che equilibrava, o meglio, "armonizzava" le relazioni dei Metallica. Lo ritroveremo più tardi, il suo ruolo di mediatore mancherà più di una volta tra Lars Ulrich e James Hetfield. Alcuni potranno perfino chiedersi se Kirk Hammett non abbia più o meno smesso di progredire dopo questo album, senza i continui stimoli, mentali e strumentali, di Cliff. Il ruolo del bassista è più che evidente nei concerti proposti qui, che per alcuni hanno sonorità eccezionali. Da notare inoltre la presenza dell’ultimissimo concerto con Cliff, al Solnahallen di Stockholm, il 26 settembre del 1986, alcune ore prima dell’incidente del bus ufficiale del tour che gli costò la vita. Quindi nessuno si sognerà di lamentarsi per la qualità "bootleg" della registrazione. Qualsiasi cosa abbia potuto dare al gruppo Jason Newsted, del quale scopriamo le audizioni e il primo concerto con i Metallica, il gruppo ha perso ben più di un semplice musicista alla scomparsa di Cliff Burton. L’argomento principale di coloro che collocano Master… in cima al podio, è che ciò che manca a …And Justice For All o perfino al «black album» (Metallica), è Cliff Burton, punto e basta! Nella cura data alla riedizione di Master…, è chiaro che Lars, James e Kirk hanno voluto rendere un ultimo e degno omaggio a colui che aveva dato loro tanto. © JPS/Qobuz

Maggiori informazioni

Master Of Puppets

Metallica

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 60 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 60 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Battery
00:05:12

Howie Weinberg, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Flemming Rasmussen, Producer, Engineer, StudioPersonnel - Mark Wilczak, Assistant Mixer, StudioPersonnel - Michael Wagener, Mixer, StudioPersonnel - Lindsay Chase, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Cliff Burton, Producer, Bass Guitar, Background Vocalist, AssociatedPerformer - James Hetfield, Producer, Guitar, Vocals, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Kirk Hammett, Producer, Guitar, AssociatedPerformer - Lars Ulrich, Producer, Drums, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Metallica, MainArtist - Gentry Studer, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2017 Blackened Recordings, under exclusive licence to Universal International Music BV

2
Master Of Puppets
00:08:35

Howie Weinberg, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Flemming Rasmussen, Producer, Engineer, StudioPersonnel - Mark Wilczak, Assistant Mixer, StudioPersonnel - Michael Wagener, Mixer, StudioPersonnel - Lindsay Chase, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Cliff Burton, Producer, Bass Guitar, Background Vocalist, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - James Hetfield, Producer, Guitar, Vocals, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Kirk Hammett, Producer, Guitar, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Lars Ulrich, Producer, Drums, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Metallica, MainArtist - Gentry Studer, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2017 Blackened Recordings, under exclusive licence to Universal International Music BV

3
The Thing That Should Not Be
00:06:36

Howie Weinberg, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Flemming Rasmussen, Producer, Engineer, StudioPersonnel - Mark Wilczak, Assistant Mixer, StudioPersonnel - Michael Wagener, Mixer, StudioPersonnel - Lindsay Chase, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Cliff Burton, Producer, Bass Guitar, Background Vocalist, AssociatedPerformer - James Hetfield, Producer, Guitar, Vocals, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Kirk Hammett, Producer, Guitar, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Lars Ulrich, Producer, Drums, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Metallica, MainArtist - Gentry Studer, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2017 Blackened Recordings, under exclusive licence to Universal International Music BV

4
Welcome Home (Sanitarium)
00:06:27

Howie Weinberg, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Flemming Rasmussen, Producer, Engineer, StudioPersonnel - Mark Wilczak, Assistant Mixer, StudioPersonnel - Michael Wagener, Mixer, StudioPersonnel - Lindsay Chase, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Cliff Burton, Producer, Bass Guitar, Background Vocalist, AssociatedPerformer - James Hetfield, Producer, Guitar, Vocals, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Kirk Hammett, Producer, Guitar, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Lars Ulrich, Producer, Drums, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Metallica, MainArtist - Gentry Studer, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2017 Blackened Recordings, under exclusive licence to Universal International Music BV

5
Disposable Heroes
00:08:16

Howie Weinberg, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Flemming Rasmussen, Producer, Engineer, StudioPersonnel - Mark Wilczak, Assistant Mixer, StudioPersonnel - Michael Wagener, Mixer, StudioPersonnel - Lindsay Chase, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Cliff Burton, Producer, Bass Guitar, Background Vocalist, AssociatedPerformer - James Hetfield, Producer, Guitar, Vocals, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Kirk Hammett, Producer, Guitar, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Lars Ulrich, Producer, Drums, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Metallica, MainArtist - Gentry Studer, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2017 Blackened Recordings, under exclusive licence to Universal International Music BV

6
Leper Messiah
00:05:39

Howie Weinberg, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Flemming Rasmussen, Producer, Engineer, StudioPersonnel - Mark Wilczak, Assistant Mixer, StudioPersonnel - Michael Wagener, Mixer, StudioPersonnel - Lindsay Chase, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Cliff Burton, Producer, Bass Guitar, Background Vocalist, AssociatedPerformer - James Hetfield, Producer, Guitar, Vocals, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Kirk Hammett, Producer, Guitar, AssociatedPerformer - Lars Ulrich, Producer, Drums, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Metallica, MainArtist - Gentry Studer, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2017 Blackened Recordings, under exclusive licence to Universal International Music BV

7
Orion
00:08:27

Howie Weinberg, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Flemming Rasmussen, Producer, Engineer, StudioPersonnel - Mark Wilczak, Assistant Mixer, StudioPersonnel - Michael Wagener, Mixer, StudioPersonnel - Lindsay Chase, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Cliff Burton, Producer, Bass Guitar, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - James Hetfield, Producer, Guitar, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Kirk Hammett, Producer, Guitar, AssociatedPerformer - Lars Ulrich, Producer, Drums, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Metallica, MainArtist - Gentry Studer, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2017 Blackened Recordings, under exclusive licence to Universal International Music BV

8
Damage, Inc.
00:05:32

Howie Weinberg, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Flemming Rasmussen, Producer, Engineer, StudioPersonnel - Mark Wilczak, Assistant Mixer, StudioPersonnel - Michael Wagener, Mixer, StudioPersonnel - Lindsay Chase, Mastering Engineer, StudioPersonnel - Cliff Burton, Producer, Bass Guitar, Background Vocalist, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - James Hetfield, Producer, Guitar, Vocals, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Kirk Hammett, Producer, Guitar, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Lars Ulrich, Producer, Drums, Recording Arranger, AssociatedPerformer, ComposerLyricist - Metallica, MainArtist - Gentry Studer, Mastering Engineer, StudioPersonnel

℗ 2017 Blackened Recordings, under exclusive licence to Universal International Music BV

Descrizione dell'album

Metallica più forti dei Beatles? In termini di potenza sonora, è indubbio, ma se ci si limita al lavoro delle riedizioni rimasterizzate accompagnate da "alcuni" bonus, la palma verrà aggiudicata anche ai Four Horsemen, se non altro se si paragona questa edizione "deluxe" del terzo album al Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band Anniversary (Edition Super Deluxe) dei Fab Four. Qui, troverete l’equivalente di non meno di dieci CD stracolmi per questo Master Of Puppets che alcuni, a torto o a ragione, considerano precisamente come il Sgt. Pepper's dei Metallica. È vero che sarà molto difficile trovare un difetto nella corazza di questo monumento. E la sua lunga gestazione, valorizzata attraverso gli archivi in diverse fasi dello sviluppo, contribuirà a rafforzare il sentimento che il gruppo fosse stato illuminato in quel preciso momento della sua evoluzione. Ciò che quei rari oppositori criticano essenzialmente a questo album, è il fatto di non essere stato abbastanza sorprendente quanto i due precedenti. Di fatto, la struttura generale di Master... e la maggior parte dei suoi titoli possono essere paragonati a Ride The Lightning, fin dal primo titolo ultra-veloce, Battery, nella vena diFight Fire With Fire, per arrivare al finale epico su Damage Inc. che evoca terribilmente una versione accelerata di Creeping Death, passando dalla ballata fasulla a metà del percorso, Welcome Home (Sanitarium), che riprende sensibilmente gli stessi ingredienti di Fade To Black, senza dimenticare uno strumentale finemente lavorato, Orion, la cui parentela con The Call Of Ktulu è comunque molto vaga... Ma, se possiamo effettivamente considerare questo terzo sforzo come una sintesi dei due precedenti, non potremo negare che Master…. è nettamente più compiuto, nella misura in cui, per la prima volta, i Metallica hanno avuto il tempo e i mezzi per perfezionare le proprie composizioni fino a raggiungere uno stadio che sfiora la perfezione. Perfino paragonato a produzioni recenti, l’album resta tecnicamente inarrestabile e ineguagliabile. Nello specifico, l’interesse di questa edizione rimasterizzata non è tanto il relifting effettuato sull’opera di base, ma piuttosto tutto ciò che l’accompagna. Con i Metallica, siamo stati abituati fin dal loro primo concerto ufficiale dal vivo, Live Shit: Binge & Purge, a non vedere le cose lasciate a metà. Ma questo, supera tutto, perfino se lo si paragona alle riedizioni di Kill 'em All e Ride The Lightning. Il gruppo ha tirato fuori tutto il suo potenziale e selezionato il meglio di sé per arricchire l’album da tutti i punti di vista. Prima di tutto, ci diletteremo con i numerosi abbozzi che non possiamo che consigliare ai musicisti in erba. Stessa cosa per i bozzetti nei diversi stadi d’avanzamento e le versioni strumentali che rivelano più di un dettaglio che non avevamo necessariamente colto finora. È vero, non avremo necessariamente voglia di riascoltare a ripetizione gli estratti delle cassette personali di James (con le sue "wanananana") e Kirk, o perfino le versioni "writing in progress" registrate nel famoso "garage" dei Metallica... Tuttavia i due punti d’organo di questi archivi, The Prince, in un primo approccio riuscitissimo del titolo preso in prestito a Diamond Head, e la ripresa di Fang, The Money Will Roll Right In, abbandonato strada facendo, meritano di essere ascoltati a più riprese. Quest’album non creava discrepanze tra i fan se non per sapere se esso meriti il titolo di migliore dei Metallica o quello del secondo o del terzo, anche se non si spinge mai fino al quarto. La nuova prospettiva che vi proponiamo non potrà che convincere più di uno a raggiungere il primo campo. Ma, aldilà della meritata e più che convincente esaltazione di Master…, non bisogna dimenticare che si tratta anche del compimento incontestabile del periodo con Cliff Burton. Un periodo che si distingue facilmente dagli altri perché il basso godeva di un rilievo importante. È ovvio. Cliff infatti non era un semplice bassista ma anche un elemento trainante in termini di creatività e ispirazione, e aveva inoltre un carattere generoso e posato che equilibrava, o meglio, "armonizzava" le relazioni dei Metallica. Lo ritroveremo più tardi, il suo ruolo di mediatore mancherà più di una volta tra Lars Ulrich e James Hetfield. Alcuni potranno perfino chiedersi se Kirk Hammett non abbia più o meno smesso di progredire dopo questo album, senza i continui stimoli, mentali e strumentali, di Cliff. Il ruolo del bassista è più che evidente nei concerti proposti qui, che per alcuni hanno sonorità eccezionali. Da notare inoltre la presenza dell’ultimissimo concerto con Cliff, al Solnahallen di Stockholm, il 26 settembre del 1986, alcune ore prima dell’incidente del bus ufficiale del tour che gli costò la vita. Quindi nessuno si sognerà di lamentarsi per la qualità "bootleg" della registrazione. Qualsiasi cosa abbia potuto dare al gruppo Jason Newsted, del quale scopriamo le audizioni e il primo concerto con i Metallica, il gruppo ha perso ben più di un semplice musicista alla scomparsa di Cliff Burton. L’argomento principale di coloro che collocano Master… in cima al podio, è che ciò che manca a …And Justice For All o perfino al «black album» (Metallica), è Cliff Burton, punto e basta! Nella cura data alla riedizione di Master…, è chiaro che Lars, James e Kirk hanno voluto rendere un ultimo e degno omaggio a colui che aveva dato loro tanto. © JPS/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Tickets To My Downfall Machine Gun Kelly
Tickets To My Downfall Machine Gun Kelly
Tickets To My Downfall Machine Gun Kelly
Tickets To My Downfall Machine Gun Kelly
Altro su Qobuz
Di Metallica
S&M2 Metallica
Metallica Metallica
Metallica Metallica
S&M Metallica
S&M2 Metallica

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Know your Lemmy

Il 24 dicembre 2017 Lemmy Kilmister avrebbe festeggiato i suoi 72 anni, di cui più di 40 a capo dei Motörhead, il gruppo rock’n’roll più rumoroso della storia. Un cancro fulminante ha avuto infine il sopravvento su colui che era diventato un’icona che si pensava immortale, tanto la sua scomparsa era stata diverse volte annunciata e poi smentita. I Motörhead, che si sono logicamente spenti con lui, avranno dunque attraversato quattro decenni con alti e bassi. E soprattutto molti malintesi, che avranno un impatto importante sulla potenza sonora sprigionata sul palco...

Obbiettivo la luna: The Dark Side Of The Moon

The Dark Side of the Moon, album-chiave dei Pink Floyd fu il risultato di un lungo processo creativo iniziato intorno al 1968. A Saucerful of Secrets (il brano principale dell'omonimo album) fu, almeno per Nick Mason, il punto di partenza. L'album successivo, Ummagumma (1969), diede a ciascun membro della band l'opportunità di creare un brano solista, anche se avrebbero dovuto unire i loro talenti per fare davvero il jackpot. I Pink Floyd hanno continuato a cercare il disco perfetto con Meddle, un album che ha messo in evidenza le loro abilità in studio, e Atom Heart Mother, prima del tanto atteso nirvana con The Dark Side of the Moon. E la perfezione di quest'opera non è stata intaccata nel tempo, nemmeno a quarantacinque anni dalla sua uscita.

Alice Cooper non scansa il pericolo

Il percorso di Alice Cooper è, innanzitutto, un caso eccezionale di sdoppiamento della personalità. Come ne “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”, il cantante Vincent Furnier si è abbandonato al predominio dello showman Alice Cooper. Ma, come lui stesso ha ammesso, colui che parla sempre di Alice alla terza persone durante le sue interviste rimane un uomo piuttosto semplice e normale nel privato, lontano da quella scena in cui ha moltiplicato eccessi e provocazioni. Nel corso dei suoi cinquantaquattro anni di carriera, è inoltre possibile rilevare una certa schizofrenia nei suoi numerosi cambiamenti di stile. Anche se gli viene attribuita l’invenzione del shock rock, si è dilettato con tutto, o quasi, con più o meno successo, dal pop agli inizi dell’hard-rock, passando per l’heavy metal, la new wave o la musica industriale…

Nel magazine...