Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

La Rêveuse - Marin Marais : Pièces de viole

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Marin Marais : Pièces de viole

La Rêveuse

Libretto digitale

Disponibile in
logo Hi-Res
24-Bit 96.0 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Marin Marais, «Suonatore di viola da gamba della Camera del Re» e compositore talentuoso, è autore di un’opera ricca e piena di contrasti, che fa da trait d’union, nella storia della scuola francese di viola da gamba, fra la generazione dei pionieri (in testa ai quali Saint-Colombe) e quella degli ultimi gambisti francesi (come Forqueray o Caix d’Hervelois). La presente selezione offre una panoramica dell’arte di Marais – noto ai suoi tempi per tecnica e brillantezza estreme – attraverso i suoi due ultimi Livres de viole (Libri per viola da gamba), rispettivamente pubblicati nel 1717 e nel 1725. È in questo periodo, certo particolarmente fecondo dal punto di vista artistico, ma instabile e soggetto a tribolazioni politiche, economiche e sociali di ogni tipo, che Marais pubblica le sue ultime due opere. L’album riunisce un gran numero di componimenti di un’originalità folle, in particolare quelli della Suite d’un goût étranger (Suite di gusto straniero), vero viaggio iniziatico nell’universo delle tonalità. La viola da gamba, infatti, risponde in maniera molto diversa ai vari toni della scala, ed ogni tonalità riveste un senso particolare nella retorica musicale: la Paraza in re minore suona opulenta e piena, il Badinage in fa diesis minore suona fragile e incerto. Si nota anche un pezzo raro e stupefacente, Le Tact, nel quale il compositore esige una curiosa sorta di pizzicato della mano sinistra, senza aiuto dalla destra (cosa che egli chiama «il tatto», antenato di tecniche assai moderne). È qui che Marais mostra un genio particolare, perché ama quelle zone sensibili e vulnerabili dello strumento, che esplora ricavandone istanti di grande poesia. Fondata dal tiorbista/chitarrista Benjamin Perrot e dalla gambista Florence Bolton, La Rêveuse (che adotta il nome dell’ultimo pezzo di quest’album, La sognatrice) è un ensemble specializzato nel patrimonio artistico del XVII e XVIII secolo, periodo rigoglioso di esperienze ed invenzioni artistiche di ogni genere. © SM/Qobuz


 

Maggiori informazioni

Marin Marais : Pièces de viole

La Rêveuse

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 60 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 60 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

Pièces de viole, Livre III (Marin Marais)

1
I. Prélude
La Rêveuse
00:02:16

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

Pièces de viole, Livre V (Marin Marais)

2
Suite No. 6 : XIV. Le Jeu du Volant
La Rêveuse
00:01:56

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

3
Suite No. 6 : XVII. Le Petit Badinage
La Rêveuse
00:02:05

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

4
Suite No. 6 : XVI. Le Rondeau Villeneuve
La Rêveuse
00:02:50

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

5
Suite No. 6 : IX. Rondeau Le Troilleur
La Rêveuse
00:04:07

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

Second livre de pièces de clavecin, Ordre VI

6
V. Les Barricades mystérieuses
Benjamin Perrot
00:03:04

Benjamin Perrot, theorbo - François Couperin, Composer - Benjamin Perrot, Arrangement for theorbo

Mirare Mirare

Pièces à une et à trois violes, Livre IV (Marin Marais)

7
I. Prélude
La Rêveuse
00:02:47

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

Pièces de viole, Livre V (Marin Marais)

8
Suite No. 7 : V. Gavotte singulière
La Rêveuse
00:01:49

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

Pièces à une et à trois violes, Livre IV (Marin Marais)

9
"Suite d'un Goût Etranger": IX. Rondeau Le Bijou
La Rêveuse
00:04:14

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

10
"Suite d'un Goût Etranger": VII. Fête Champêtre
La Rêveuse
00:04:34

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

11
Suite No. 6 : XI. La Biscayenne
La Rêveuse
00:02:49

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

12
"Suite d'un Goût Etranger": XXXIII. Le Badinage
La Rêveuse
00:06:18

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

Pièces de viole, Livre V (Marin Marais)

13
II. La Paraza
La Rêveuse
00:03:54

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

14
III. Le Tact
La Rêveuse
00:01:49

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar, viola da gamba - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

Troisième livre de pièces de clavecin, Ordre XV (François Couperin)

15
II. Le Dodo ou l’Amour au berceau
Benjamin Perrot
00:04:16

Benjamin Perrot, theorbo - François Couperin, Composer - Benjamin Perrot, Arrangement for theorbo

Mirare Mirare

Pièces de viole, Livre V (Marin Marais)

16
Suite No. 3 : X. Rondeau Le Doucereux
La Rêveuse
00:05:06

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

Pièces à une et à trois violes, Livre IV (Marin Marais)

17
Suite No.3 : VII. La Provençale
La Rêveuse
00:03:08

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

18
"Suite d'un Goût Etranger" : XXVIII. La Rêveuse
La Rêveuse
00:06:19

La Rêveuse (Florence Bolton, basse de viole / viola da gamba - Benjamin Perrot, theorbo, baroque guitar - Carsten Lohff, clavecin/harpsichord - Robin Pharo, basse de viole / viola da gamba) - Marin Marais, Composer

Mirare Mirare

Descrizione dell'album

Marin Marais, «Suonatore di viola da gamba della Camera del Re» e compositore talentuoso, è autore di un’opera ricca e piena di contrasti, che fa da trait d’union, nella storia della scuola francese di viola da gamba, fra la generazione dei pionieri (in testa ai quali Saint-Colombe) e quella degli ultimi gambisti francesi (come Forqueray o Caix d’Hervelois). La presente selezione offre una panoramica dell’arte di Marais – noto ai suoi tempi per tecnica e brillantezza estreme – attraverso i suoi due ultimi Livres de viole (Libri per viola da gamba), rispettivamente pubblicati nel 1717 e nel 1725. È in questo periodo, certo particolarmente fecondo dal punto di vista artistico, ma instabile e soggetto a tribolazioni politiche, economiche e sociali di ogni tipo, che Marais pubblica le sue ultime due opere. L’album riunisce un gran numero di componimenti di un’originalità folle, in particolare quelli della Suite d’un goût étranger (Suite di gusto straniero), vero viaggio iniziatico nell’universo delle tonalità. La viola da gamba, infatti, risponde in maniera molto diversa ai vari toni della scala, ed ogni tonalità riveste un senso particolare nella retorica musicale: la Paraza in re minore suona opulenta e piena, il Badinage in fa diesis minore suona fragile e incerto. Si nota anche un pezzo raro e stupefacente, Le Tact, nel quale il compositore esige una curiosa sorta di pizzicato della mano sinistra, senza aiuto dalla destra (cosa che egli chiama «il tatto», antenato di tecniche assai moderne). È qui che Marais mostra un genio particolare, perché ama quelle zone sensibili e vulnerabili dello strumento, che esplora ricavandone istanti di grande poesia. Fondata dal tiorbista/chitarrista Benjamin Perrot e dalla gambista Florence Bolton, La Rêveuse (che adotta il nome dell’ultimo pezzo di quest’album, La sognatrice) è un ensemble specializzato nel patrimonio artistico del XVII e XVIII secolo, periodo rigoglioso di esperienze ed invenzioni artistiche di ogni genere. © SM/Qobuz


 

Dettagli della registrazione originale : Recorded September 2016 in France, Château de Chambord & 13 June 2017 in Belgium, Eglise de Franc-Waret (Tracks 6 & 15)

A proposito dell'album

Distinzioni:

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di La Rêveuse
Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
François Couperin, il clavicembalo moderno

Beniamino di Luigi XIV, François Couperin (1668-1733) era nel XVIII secolo la vedette del clavicembalo, strumento prodigioso allora all’apogeo (sarebbe tornato nell’ombra nel secolo seguente), di cui il compositore ha rivoluzionato la prospettiva, portando con sé gli altri virtuosi dell’epoca, Dandrieu o Rameau. Il clavicembalista franco-canadese Olivier Fortin torna per Qobuz a parlare del destino di “Couperin il Grande”.

Le sinfonie elettroniche di Mason Bates

Come, non conoscete (ancora) Mason Bates? Eppure è uno dei nomi più presenti sulla scena nordamericana. Nato nel 1977, Bates è insieme compositore (soprattutto sinfonista e lirico) e DJ di musica elettronica (con lo pseudonimo DJ Masonic): due poli apparentemente opposti, che lui invece si delizia particolarmente a mescolare. Circa metà della sua opera sinfonica e lirica include, in un modo o nell’altro, sonorità elettroniche, perlopiù suoni “di tutti i giorni”, preregistrati e restituiti in tempo reale in base alla partitura. In occasione dell’uscita della sua fantastica opera The (R)evolution of Steve Jobs, Qobuz si è intrattenuto con questo personaggio fuori dai canoni.

Kœchlin, l’Alchimista

L’immensa opera di Koechlin, ancorata alla tradizione ma, al tempo stesso, decisamente innovatrice, con un linguaggio estremamente personale, ha confuso i suoi contemporanei a causa delle sue molteplici sfaccettature, della sua libertà e della sua dimensione filosofica. Il disco permette, inoltre, di capire chi è veramente questo alchimista dei suoni, profeta geniale arrivato decisamente troppo presto. E di cui, questo 27 novembre, celebriamo il 150° anniversario della sua nascita…

Nel magazine...