Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

Ezra Furman - Love You So Bad

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Love You So Bad

Ezra Furman

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Seleziona la qualità audio

Per avere diritto a questo prezzo, abbonati a Sublime+

Love You So Bad

Ezra Furman

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz
Ascolta sul Webplayer

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 40 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 40 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Love You So Bad 00:03:39

Kobalt Music Group, MusicPublisher - Ezra Furman, Composer, Lyricist, Artist, MainArtist - Tim Sandusky, Producer, Mixer

2018 Bella Union 2018 Bella Union

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...
Altro su Qobuz
Di Ezra Furman
Twelve Nudes Ezra Furman
Transangelic Exodus Ezra Furman
Songs By Others Ezra Furman
Day of the Dog Ezra Furman
Ti potrebbe piacere anche...
Nelle Panoramiche...
Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

Neoclassica: un nuovo mondo ai confini dell’elettronica e della classica

Ólafur Arnalds, Nils Frahm, Max Richter, Poppy Ackroyd, Peter Broderick, Joana Gama… Da qualche anno tutti questi nomi alla moda sono stati raggruppati sotto la vasta ed eterogenea etichetta “neoclassica”. A dire il vero, questo “panorama” somiglia piuttosto ad una banda eterogenea di artisti indagatori, che mescolano strumenti classici e produzione elettronica – in connessione cosciente con i pionieri del minimalismo americano – che deliziano i sensi ed aprono nuove prospettive da entrambi i lati del loro spettro musicale.

Marc Ribot, l'antieroe della chitarra

Per 35 anni, il nome di Marc Ribot è apparso sulle copertine di album firmati da Tom Waits, Vinicio Capossela, Alain Bashung, Diana Krall, John Zorn, Robert Plant, Caetano Veloso e una miriade di altri musicisti. E quando non presta la sua atipica chitarra ai più grandi, il newyorkese si diverte a smontare rock, jazz, funk, musica cubana e tutto ciò che gli capita a tiro.

Nel magazine...