Qobuz Store wallpaper
Categorie:
Carrello 0

Il tuo carrello è vuoto

The Beatles - Let It Be

Mes favoris

Cet élément a bien été ajouté / retiré de vos favoris.

Let It Be

The Beatles

Disponibile in
16-Bit CD Quality 44.1 kHz - Stereo

Streaming illimitato

Ascolta subito questo album in alta qualità sulle nostre app

Inizia il mio periodo di prova e riproduci l'album

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Resgistrati

Goditi questo album sulle app Qobuz con il tuo abbonamento

Download digitale

Acquista e scarica questo album in più formati, secondo le tue esigenze.

Soltanto un mese dopo questo requiem, i Beatles pubblicano Let It Be, l’8 maggio 1970, dodicesimo e ultimo lavoro di cui la parte essenziale è stata registrata, in realtà, nel gennaio 1969, prima di Abbey Road. Senza chiedere il consenso dei suoi clienti, Allen Klein, manager dei Fab Four, manda i nastri delle sedute di registrazione al produttore Phil Spector. L’inventore del wall of sound, tecnica di produzione che consiste nell’impilare, come una torta millefoglie, varie piste di registrazione per ottenere un suono esagerato, mette il suo sigillo sonoro su tutte le canzoni, evidentemente senza la benedizione dei loro autori. Tuttavia, Spector aggiunge questo famoso tocco personale solo su certi brani del disco, lasciando alla maggior parte delle altre canzoni un lato grezzo e live. Malgrado il visibile caos tra i Beatles stessi e a causa della scelta discutibile del suo produttore, Let It Be rimane un disco essenziale, dove si incontrano capolavori come la canzone che dà il titolo all’album, Let It Be, vetta del gospel pop, ma anche la nervosa e sferzante Get Back oppure il simpatico folk di Two Of Us. In conclusione, siamo certo lontani dal livello di un Revolver o di un Sergent Pepper's, ma anche un disco solo discreto per i Beatles sarà sempre superiore al 90% della produzione rock… © MZ/Qobuz

Maggiori informazioni

Let It Be

The Beatles

launch qobuz app Ho già scaricato Qobuz per Windows/MacOS Apri

download qobuz app Non ho ancora scaricato Qobuz per Windows/MacOS Scarica l'app Qobuz

Copia il seguente link per condividerlo

Al momento stai ascoltando degli estratti.

Ascolta oltre 70 milioni di brani con un abbonamento streaming illimitato.

Ascolta questo album e oltre 70 milioni di brani con i gli abbonamenti di streaming illimitato.

1
Two Of Us (Remastered 2009)
00:03:36

John Lennon, ComposerLyricist - Paul Mccartney, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

2
Dig A Pony (Remastered 2009)
00:03:54

John Lennon, ComposerLyricist - Paul Mccartney, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

3
Across The Universe (Remastered 2009)
00:03:48

John Lennon, ComposerLyricist - Paul Mccartney, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

4
I Me Mine (Remastered 2009)
00:02:25

GEORGE HARRISON, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

5
Dig It (Remastered 2009)
00:00:50

Richard Starkey, ComposerLyricist - John Lennon, ComposerLyricist - Paul Mccartney, ComposerLyricist - GEORGE HARRISON, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

6
Let It Be (Remastered 2009)
00:04:03

John Lennon, ComposerLyricist - Paul Mccartney, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

7
Maggie Mae (Remastered 2009)
00:00:39

Richard Starkey, Arranger, Work Arranger - John Lennon, Arranger, Work Arranger - Paul Mccartney, Arranger, Work Arranger - Traditional, ComposerLyricist - GEORGE HARRISON, Arranger, Work Arranger - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

8
I've Got A Feeling (Remastered 2009)
00:03:37

John Lennon, ComposerLyricist - Paul Mccartney, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

9
One After 909 (Remastered 2009)
00:02:53

John Lennon, ComposerLyricist - Paul Mccartney, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

10
The Long And Winding Road (Remastered 2009)
00:03:38

John Lennon, ComposerLyricist - Paul Mccartney, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 EMI Records Ltd

11
For You Blue (Remastered 2009)
00:02:32

GEORGE HARRISON, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

12
Get Back (Remastered 2009)
00:03:08

John Lennon, ComposerLyricist - Paul Mccartney, ComposerLyricist - PHIL SPECTOR, Producer - The Beatles, MainArtist

℗ 2009 Calderstone Productions Limited (a division of Universal Music Group)

Descrizione dell'album

Soltanto un mese dopo questo requiem, i Beatles pubblicano Let It Be, l’8 maggio 1970, dodicesimo e ultimo lavoro di cui la parte essenziale è stata registrata, in realtà, nel gennaio 1969, prima di Abbey Road. Senza chiedere il consenso dei suoi clienti, Allen Klein, manager dei Fab Four, manda i nastri delle sedute di registrazione al produttore Phil Spector. L’inventore del wall of sound, tecnica di produzione che consiste nell’impilare, come una torta millefoglie, varie piste di registrazione per ottenere un suono esagerato, mette il suo sigillo sonoro su tutte le canzoni, evidentemente senza la benedizione dei loro autori. Tuttavia, Spector aggiunge questo famoso tocco personale solo su certi brani del disco, lasciando alla maggior parte delle altre canzoni un lato grezzo e live. Malgrado il visibile caos tra i Beatles stessi e a causa della scelta discutibile del suo produttore, Let It Be rimane un disco essenziale, dove si incontrano capolavori come la canzone che dà il titolo all’album, Let It Be, vetta del gospel pop, ma anche la nervosa e sferzante Get Back oppure il simpatico folk di Two Of Us. In conclusione, siamo certo lontani dal livello di un Revolver o di un Sergent Pepper's, ma anche un disco solo discreto per i Beatles sarà sempre superiore al 90% della produzione rock… © MZ/Qobuz

A proposito dell'album

Migliora questa pagina

Qobuz logo Perché acquistare su Qobuz

ORA IN OFFERTA...

Aqualung

Jethro Tull

Aqualung Jethro Tull

Thick as a Brick

Jethro Tull

Thick as a Brick Jethro Tull

Misplaced Childhood

Marillion

Crime Of The Century [2014 - HD Remaster]

Supertramp

Altro su Qobuz
Di The Beatles

Let It Be (Super Deluxe)

The Beatles

Abbey Road (Super Deluxe Edition)

The Beatles

Abbey Road

The Beatles

Abbey Road The Beatles

The Beatles (White Album) [Super Deluxe]

The Beatles

Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band (Deluxe Anniversary Edition)

The Beatles

Playlist

Ti potrebbe piacere anche...

Springtime in New York: The Bootleg Series, Vol. 16 / 1980-1985 (Deluxe Edition)

Bob Dylan

Letter To You

Bruce Springsteen

Letter To You Bruce Springsteen

Power Up

AC/DC

Power Up AC/DC

Rumours

Fleetwood Mac

Rumours Fleetwood Mac

Downhill From Everywhere

Jackson Browne

Downhill From Everywhere Jackson Browne
Nelle Panoramiche...
Il White Album, genesi di un mito

L’unico doppio album dei Beatles, soprannominato comunemente “The White Album”, festeggia il cinquantesimo compleanno ed esce in una nuova versione, più completa, che comprende parecchi inediti. Uno sguardo sulla complessa concezione di un disco altrettanto complesso.

Il britpop in 10 album

“If punk was about getting rid of hippies, then I'm getting rid of grunge.” Fu con questa frase di Damon Albarn del 1993 che ebbe inizio la nuova invasione inglese sulla quella scena dominata allora dal grunge dei Nirvana e di Seattle. Il britpop fu profondamente legato alle politiche locali e all'identità dei suoi membri ed emerse proprio mentre entravano in scena Tony Blair ed il suo New Labour. Il romanticismo inglese ritrovò il suo fascino a discapito del concorrente americano, considerato ormai troppo superficiale nel Regno Unito dei primi anni novanta. Fate largo alla "Cool Britannia".

Frank Zappa, per il meglio e per una risata

Frank Zappa se ne andò il 4 dicembre 1993, ma più gli anni passano e più la sua assenza si fa sentire in maniera crudele nel panorama musicale attuale. Non che sia stato dimenticato, no, è che si cerca invano qualcuno che possa pretendere di uguagliarlo. Il genio cosmico e comico di Frank Zappa non ha equivalenti al giorno d’oggi, perché nessuno, dopo quasi tre decenni, è stato capace, come lui, di coniugare la maggior eccellenza musicale con un humour assolutamente disinibito.

Nel magazine...